Rhoss
Carrello 0
gli approfondimenti tematici di edilportale.com

News Assicurazioni Professionali

venerdì 28 aprile 2017
pubblicato da Paola Mammarella in PROFESSIONE

I professionisti tornano a chiedere il giusto compenso

RPT e CUP scrivono al Ministro Poletti per avviare il tavolo di confronto permanente previsto dal Jobs Act Autonomi

I professionisti tornano a chiedere il giusto compenso
28/04/2017 – Un tavolo di confronto tra professionisti e Ministero del Lavoro in tema di compensi. È l’obiettivo che ha spinto la Rete delle professioni tecniche (RPT) e il Comitato unitario delle professioni (CUP) a scrivere al Ministro Giuliano Poletti.   Nella nota congiunta, RPT e CUP spiegano che durante l’iter per l’approvazione del Jobs Act autonomi, è stata segnalata l’urgenza di definire i compensi economici in modo da orientare la committenza, ma sempre nel rispetto dei princìpi di libera concorrenza e parità di trattamento.   Prestazione professionale e giusto compenso Il principio secondo cui la prestazione di opera professionale, scrivono RPT e CUP, al pari della prestazione di lavoro subordinato, trova il [Leggi tutto l'articolo ...]


giovedì 27 aprile 2017
pubblicato da Paola Mammarella in NORMATIVA

Professionisti, la manovrina conferma lo Split payment

Dal 1° luglio 2017 le Amministrazioni pagheranno solo i compensi e verseranno l’Iva direttamente all’Erario

Professionisti, la manovrina conferma lo Split payment
27/04/2017 – Dal 1° luglio 2017 lo split payment, meccanismo di scissione del pagamento dell’Iva, si applicherà anche ai professionisti. Nonostante le perplessità espresse nei giorni scorsi, la manovrina 2017 (DL 50/2017) ha confermato la misura antievasione.   La novità riguarderà le fatture emesse nei confronti di Pubbliche Amministrazioni, enti pubblici, società controllate dagli enti pubblici e società quotate in Borsa.    Split payment e sistema antievasione A partire dal mese di luglio, l’Iva sarà versata direttamente all’Erario e non sarà corrisposta al professionista, che percepirà solo il compenso per il servizio prestato. Questo, secondo il Governo, dovrebbe evitare alla [Leggi tutto l'articolo ...]


venerdì 21 aprile 2017
pubblicato da Paola Mammarella in NORMATIVA

Split payment e professionisti, Zanetti: ‘si elimini la ritenuta d’acconto’

Fondazione Inarcassa: ‘inutile vessazione’. Rete delle professioni tecniche: ‘discriminato chi lavora con la Pubblica Amministrazione’

Split payment e professionisti, Zanetti: ‘si elimini la ritenuta d’acconto’
21/04/2017 – Al momento è solo una proposta, ma l’applicazione dello Split payment ai professionisti, prevista dalla “Manovrina 2017” in fase di pubblicazione, non piace  a molti perché creerebbe una disuguaglianza tra chi lavora con le Pubbliche Amministrazioni e chi invece opera nel mercato privato. Tanto che non si esclude che il Governo possa fare marcia indietro.   Oltre ai rappresentanti delle associazioni di professionisti, che si sono subito schierati contro la misura, ritenuta dannosa, anche l’on. Enrico Zanetti, segretario di Scelta Civica ed ex viceministro dell'Economia del governo Renzi, ha giudicato “inaccettabile” lo split payment dato che i professionisti sopportano già la ritenuta d’acconto.   Split [Leggi tutto l'articolo ...]


giovedì 20 aprile 2017
pubblicato da Paola Mammarella in NORMATIVA

Società di ingegneria, Cassazione: dal 2012 possono operare con i privati

Fino al 2011 sono state equiparate ai professionisti solo nei lavori pubblici

Società di ingegneria, Cassazione: dal 2012 possono operare con i privati
20/04/2017 – Le società di ingegneria possono operare nel mercato privato solo dal 2012 in poi. È il parere espresso dai giudici della Corte di Cassazione con la sentenza 7310/2017.   La Cassazione ha ripercorso l’evoluzione normativa che ha portato progressivamente all’equiparazione delle società e dei professionisti in forma singola. Equiparazione che, sostengono i giudici, è avvenuta prima per il settore dei lavori pubblici e più recentemente anche per il mercato privato. Vediamo perché.   Inizialmente, hanno spiegato i giudici, esisteva il divieto di costituzione di società di capitali aventi a oggetto l’espletamento di attività riservate a professionisti iscritti all’Albo.   Attività [Leggi tutto l'articolo ...]


mercoledì 19 aprile 2017
pubblicato da Paola Mammarella in NORMATIVA

Split payment, dal 1° luglio 2017 riguarderà anche i professionisti

Le Amministrazioni pagheranno solo i compensi e verseranno l’Iva direttamente all’Erario. Rete delle Professioni Tecniche contraria

Split payment, dal 1° luglio 2017 riguarderà anche i professionisti
19/04/2017 – Lo split payment, o scissione del pagamento dell’Iva, si applicherà anche alle fatture pagate dalle Amministrazioni ai liberi professionisti. Lo prevede la bozza di decreto legge che nei giorni scorsi è stata approvata dal Consiglio dei Ministri in via preliminare.   Il meccanismo, introdotto nel 2015 solo per le imprese con finalità antievasione, lascia perplessi i commercialisti, che temono il rischio di una doppia imposizione fiscale a carico dei professionisti.   Split payment, come funziona Consiste in uno sdoppiamento del pagamento del bene o del servizio e dell’Iva. Significa che la Pubblica Amministrazione paga al fornitore il prezzo del bene o del servizio e versa l’Iva direttamente all’Erario, in modo [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
gigi
mercoledì 19 aprile 2017 - 12:45
mi piace


venerdì 14 aprile 2017
pubblicato da Alessandra Marra in PROFESSIONE

CTU, calcolare il compenso sul prezzo di vendita è illegittimo?

Il Tribunale di Vicenza solleva la questione di costituzionalità sul calcolo delle parcelle legato al valore di vendita del bene

CTU, calcolare il compenso sul prezzo di vendita è illegittimo?
14/04/2017 – La norma sul calcolo delle parcelle per i consulenti tecnici d’ufficio (CTU), introdotta dalla Legge 132/2015, che lega il compenso dell’esperto al valore di vendita del bene pignorato e che vieta di liquidare ai professionisti acconti superiori al 50% del compenso calcolato sul valore di stima potrebbe essere dichiarata illegittima.   Il Consiglio Nazionale Ingegneri (CNI) ha, infatti, segnalato nella circolare 45/2017 l’Ordinanza 849/2016 del Tribunale di Vicenza che solleva la questione di legittimità costituzionale dell’articolo 161 delle Disposizioni di attuazione del Codice civile, così come modificate dalla Legge 132/2015.    Compensi CTU: la questione di illegittimità sollevata La Corte Costituzionale [Leggi tutto l'articolo ...]


giovedì 13 aprile 2017
pubblicato da Rossella Calabrese in MERCATI

Appalti, Oice: ‘si tenga ferma la centralità del progetto’

Nei primi 11 mesi del nuovo Codice, progettazione a + 37,3% in numero e +64% in valore

Appalti, Oice: ‘si tenga ferma la centralità del progetto’
13/04/2017 - A undici mesi dall’entrata in vigore del Codice Appalti, il mercato della progettazione è in netta crescita rispetto ai mesi dello stesso periodo precedente: +37,3% in numero e +64,0% in valore. In termini assoluti, da maggio 2016 a marzo 2017, si sono raggiunti i 365 milioni di euro, contro i 223 milioni di euro degli stessi mesi 2015-2016, un dato comunque ridottissimo rispetto agli altri paesi europei (l’Italia vale solo il 2,9% del mercato europeo).   Secondo l’Osservatorio OICE/Informatel, le gare per servizi di sola progettazione pubblicate nel primo trimestre 2017 sono state 803, per un valore di 92,4 milioni di euro; nel confronto con il primo trimestre 2016, il numero cresce del 39,2% e il valore dell’82,6%.   Le gare di servizi [Leggi tutto l'articolo ...]


lunedì 10 aprile 2017
pubblicato da Alessandra Marra in PROFESSIONE

Professionisti uniti per il ritorno ai minimi tariffari

Il 13 maggio il Comitato Promotore dei professionisti manifesterà a Roma per chiedere al Governo di tornare al giusto compenso

Professionisti uniti per il ritorno ai minimi tariffari
10/04/2017 – Chiedere al Governo l'introduzione di una normativa sul giusto compenso per la qualità delle prestazioni, anche attraverso la reintroduzione dei minimi tariffari inderogabili.   Questo l’obiettivo Comitato Promotore dei Professionisti (costituito il 6 aprile scorso a Roma e formato da Ordini degli Architetti, Avvocati, Ingegneri di Roma e provincia, l'Ordine degli Avvocati di Napoli con l’adesione della Consulta delle Professioni) che manifesterà nella Capitale il prossimo 13 maggio.   L'idea di un’unione dei professionisti per ristabilire un equo compenso nasce dopo la pronuncia della sentenza dell'8/12/2016 n. c-532/15 della Corte di Giustizia UE, che ha affermato la legittimità in ambito europeo dei [Leggi tutto l'articolo ...]


venerdì 7 aprile 2017
pubblicato da Paola Mammarella in NORMATIVA

Appalti, Parlamento: ‘progettazione ai dipendenti pubblici diplomati non abilitati’

Potrebbe bastare l'esperienza quinquennale. Col parere sul Correttivo chiesto anche il massimo ribasso fino a un milione per le gare bandite sul progetto esecutivo

Appalti, Parlamento: ‘progettazione ai dipendenti pubblici diplomati non abilitati’
07/04/2017 – Apertura ai tecnici diplomati dipendenti pubblici non abilitati, che potranno firmare i progetti se in possesso di un’esperienza di cinque anni, e massimo ribasso fino a un milione di euro per le gare bandite sulla base del progetto esecutivo. Ma anche stop alle deroghe su subappalto e appalto integrato. Sono alcuni dei contenuti del parere definitivo del Parlamento sul Correttivo al Codice Appalti, che come già emerso dai lavori preparatori, ha bocciato alcuni contenuti che non rispetterebbero i principi della legge delega (L.11/2016). Le indicazioni saranno ora vagliate dal Governo, che dovrà mettere a punto la versione definitiva del Correttivo.   Progettazione interna e tecnici diplomati Il Parlamento [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
roberto miniero
domenica 9 aprile 2017 - 12:34
Ci vuole proprio un genio per partorire simili idee! Mi domando quali interessi ci siano dietro... forse accontentare i sindacati scontenti del decreto Madìa? Affidare la progettazione a funzionari interni alle amministrazioni, la cui comprovata efficienza ..
[Leggi questo commento]
Leo
venerdì 7 aprile 2017 - 15:41
e chi progetta senza incentivo... tutto all'esterno!!!!


venerdì 7 aprile 2017
pubblicato da Alessandra Marra in NORMATIVA

Ricostruzione Centro Italia, via libera al terzo decreto

Tra le novità: procedura negoziata per la progettazione, contributi al 100% per gli impianti, nessun tetto per le schede Aedes e 8x1000 ai beni culturali

Ricostruzione Centro Italia, via libera al terzo decreto
07/04/2017 - Progettazione degli interventi di ricostruzione con procedura negoziata, nessun tetto alla compilazione delle schede Aedes, nuove norme per i direttori dei lavori e 8 per mille ai beni culturali.   Questi i principali contenuti della Legge di conversione del DL 8/2017, approvata lo scorso 5 aprile dal Senato con voto di fiducia, che aggiorna, chiarisce e rafforza quanto già disposto nei due provvedimenti precedenti.   Ricostruzione: progettazione con procedura negoziata La progettazione degli interventi di ricostruzione delle opere pubbliche sarà eseguita dal personale interno alle Pubbliche Amministrazioni. In mancanza di professionisti qualificati e per importi fino a 209 mila euro (soglia comunitaria prevista dal Codice Appalti per l’affidamento [Leggi tutto l'articolo ...]


» Tutte le news ASSICURAZIONI PROFESSIONALI

Speciale ASSICURAZIONI PROFESSIONALI sponsored by:

WindFree
CL - CLH
ASSICURAZIONI PROFESSIONALI
Corsi di Formazione
Ordine degli ingegneri di Milano - Milano

SOSTENIBILITÀ NELLE INFRASTRUTTURE - IL PROTOCOLLO ENVISION – 12 GIUGNO – RILASCIO DI 4 CFP

Corso di specializzazione
  • Periodo: 12/06/2017 - 12/06/2017
Sin Tesi Forma s.r.l. - Online 24/7

CORSO ONLINE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI EUROPEI - 2 CFP

Corso di aggiornamento
  • Periodo: 01/06/2017 - 31/12/2017
FLIR Serie Exx


MTS Metal Speciali