Stop al fuoco
Il Forum di Edilportale

Frazionamento terreno

Messaggi 19 di 19
Visite 13292
   
Marco
24 Mar 2010, 14:53

Ciao posso far frazionare in due particelle un terreno che ho ricevuto in donazione da mio padre, il quale ha donato a me e mia sorella. Il terreno ricade in zona agricola. Grazie
   
Studio215.net
24 Mar 2010, 15:45


Ne abbiamo riparlato in un altro post in cui ci si rifaceva alla problematica della lottizzazione abusiva.
Ricordati che se il frazionamento è propedeutico ad una lottizzazione siamo di fronte al reato di cui all'art 44 c. c del DPR 380/01 (cd lottizzazione abusiva di tipo negoziale).
   
Clara
24 Mar 2010, 16:36

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Studio215.net il 24 Mar 2010, 15:45 (Chiudi Messaggio)
>
> Ne abbiamo riparlato in un altro post in cui ci si rifaceva alla problematica
> della lottizzazione abusiva.
> Ricordati che se il frazionamento
> è propedeutico ad una lottizzazione siamo di fronte al reato di cui
> all'art 44 c. c del DPR 380/01 (cd lottizzazione abusiva di tipo negoziale).


Ma ci sara' una possibilita' di frazionare un terreno, senza incorrerre in reati?



   
Marco
24 Mar 2010, 17:26

che significa che rimango con questo terreno a vita in comproprietà con mia sorella e i miei figli in comproprietà con i miei nipoti. Cosa assurda .
Cercando su internet ho trovato un art. 30 del dpr 380 al punto 10 che spiega che non ci sono sanzioni penali se si tratta di divione ereditarie alle donazioni fra coniugi e fra parenti in linea retta ( ma io e mia sorella siamo parenti collaterali, giusto?) ma possiamo dichiarare che è una divisione ereditaria?

   
Paolo
24 Mar 2010, 19:16

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Marco il 24 Mar 2010, 17:26 (Chiudi Messaggio)
> che significa che rimango con questo terreno a vita in comproprietà con
> mia sorella e i miei figli in comproprietà con i miei nipoti. Cosa assurda
> .
> Cercando su internet ho trovato un art. 30 del dpr 380 al punto
> 10 che spiega che non ci sono sanzioni penali se si tratta di divione
> ereditarie alle donazioni fra coniugi e fra parenti in linea retta
> ( ma io e mia sorella siamo parenti collaterali, giusto?) ma possiamo
> dichiarare che è una divisione ereditaria?
>
>


Fraziona suo padre e poi vi fa la donazione.
   
alkimista
24 Mar 2010, 19:41

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Marco il 24 Mar 2010, 17:26 (Chiudi Messaggio)
> che significa che rimango con questo terreno a vita in comproprietà con
> mia sorella e i miei figli in comproprietà con i miei nipoti. Cosa assurda
> .
> Cercando su internet ho trovato un art. 30 del dpr 380 al punto
> 10 che spiega che non ci sono sanzioni penali se si tratta di divione
> ereditarie alle donazioni fra coniugi e fra parenti in linea retta
> ( ma io e mia sorella siamo parenti collaterali, giusto?) ma possiamo
> dichiarare che è una divisione ereditaria?
>
>


Puoi tranquillamente frazionare, previo deposito del Tipo Frazionamento presso l'ufficio tecnico del comune di appartenenza, successivamente verrà consegnato presso l'Ageniza del Territorio.
Se avete già fatto la donazione, firmerete il frazionamento entrambi, poi farete l'atto di divisione; ovviamente è preferibile, se non evete già fatto la donazione, che tuo padre frazioni preventivamente e poi farete l'atto di donazione, in questo modo salterente il passaggio successivo del secondo atto di divisione (che ha naturalmente un costo aggiuntivo!!)
   
Clara
25 Mar 2010, 08:09

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente alkimista il 24 Mar 2010, 19:41 (Chiudi Messaggio)
> Puoi tranquillamente frazionare, previo deposito del Tipo Frazionamento
> presso l'ufficio tecnico del comune di appartenenza, successivamente
> verrà consegnato presso l'Ageniza del Territorio.
> Se avete già fatto
> la donazione, firmerete il frazionamento entrambi, poi farete l'atto
> di divisione; ovviamente è preferibile, se non evete già fatto la donazione,
> che tuo padre frazioni preventivamente e poi farete l'atto di donazione,
> in questo modo salterente il passaggio successivo del secondo
> atto di divisione (che ha naturalmente un costo aggiuntivo!!)


Praticamente, come ha indicato Paolo.
Il padre fraziona il terreno e poi si fa l'atto di donazione.
   
Studio215.net
25 Mar 2010, 08:26


Non ho detto che non si può fare. Anzi il frazionamento è un atto normalissimo e normalmente lecito.
Nel tuo caso sembra una normale divisione. Quindi non trovo nessun problema.
Nel mio precedente posto avevo solo fatto un'ipotesi in merito alla quale tu non potevi frazionare il terreno.
Se il frazionamento è semplicemente dividere una proprietà non ne vedo il problema basta, come già detto, che non sia propedeutico ad una lottizzazione.
   
Clara
25 Mar 2010, 08:56

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Studio215.net il 25 Mar 2010, 08:26 (Chiudi Messaggio)
>
> Non ho detto che non si può fare. Anzi il frazionamento è un atto normalissimo
> e normalmente lecito.
> Nel tuo caso sembra una normale divisione.
> Quindi non trovo nessun problema.
> Nel mio precedente posto avevo
> solo fatto un'ipotesi in merito alla quale tu non potevi frazionare
> il terreno.
> Se il frazionamento è semplicemente dividere una proprietà
> non ne vedo il problema basta, come già detto, che non sia propedeutico
> ad una lottizzazione.


La domanda era inerente alla possibilita' di frazionare un terreno.



   
Marco
25 Mar 2010, 09:39

Posso frazionare anche se la donazione da mio padre a me è stata fatta?
   
Alkimista
25 Mar 2010, 09:45

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Marco il 25 Mar 2010, 09:39 (Chiudi Messaggio)
> Posso frazionare anche se la donazione da mio padre a me è stata fatta?


Mi pare trano che tuo padre abbia donato un terreno in comproprietà con tua sorella, vale a dire abbia donato per quote, ma se ciò fosse successo, come già descritto in precedenza, la risposta è si, il frazionamento si può fare con le modalità indicate nel post precedente.
   
antonio
20 Feb 2012, 11:08

ho un terreno acquistato con mia sorella
al 50 e50 in comune e indiviso lei ha fatto il frazionamento senza il mio consenso
e regolare quello che a fatto mia sorel
   
Robby
20 Feb 2012, 11:43

salve
piò che irregolare direi che è inutile, a meno che il frazionamento non sia determinato dal fatto che i due lotti hanno colture differenti (in quresto caso la separazione non è dovuta a trasferimento di diritti ma semplicemente precisazione dello stato dei luoghi)
ad eccezione di questi casi i frazionamenti hanno durata di sei mesi e scadono se non si da corso all'atto di divisione per il quale occorre la sua partecipazione.
qualora l'atto non arrivi il frazionamento vine annullato e deve essere rinnovato se nel frattempo di decide di procedere all'atto.
cordialmente
   
claudio
24 Mar 2012, 19:39

scusate chiedo il vostro aiuto per risolvere un problema spinoso: mio padre ha un terreno di 1400 mq in zona c (di espansione nel nostro comune) dove abbiamo anke la nostra casa (che in futuro andrà a mia sorella). io ho pensato di costruire una villetta per me su una parte del terreno e mi hanno detto che per questo devo prima lottizzare. secondo voi quale di questi paddaggi è il più giusto ed economico?

a) frazionamento/donazione del terreno su cui edificare/lottizzazione a fini edificatori
b)lottizzazione/frazionamento/donazione del terrreno e poi rischiesta da parte mia del permesso a costruire
c) frazionamento/lottizzazione/costruzione e successiva donazione di terreno+casa

la prima ipotesi e la terza ipotesi mi consentirebbero di risparmiare circa 200 mq di terreno da cedere al comune nel piano di lottizzazione!

grazie mille per il vostro aiuto!


" marco " >ge...@hotmail.com< in data 24 mar 2010, 14:53 ha scritto:

> ciao posso far frazionare in due particelle un terreno che ho ricevuto
> in donazione da mio padre, il quale ha donato a me e mia sorella.
> il terreno ricade in zona agricola. grazie
   
Robby
24 Mar 2012, 20:24

salve
premesso che le procedure sono fortemente influenzate dai regolamenti locali, e quindi verificherei anche in comune prima di fare qualsiasi azione vedo meglio la prima soluzione.
nella terza quando si arriva alla donazione si dovrà fare riferimento al costruito con conseguente aunmento di valore, mentre frazionando prima il passaggio sarà del solo terreno con ovvi minori costi di imposte (o minore valore del patrimonio in caso di collazione).
la seconda la vedo meno vantaggiosa in quanto dovrebbe accollarsi l'nere di lottizzazione su tutta l'area, mentre nella prima (se il comune consente) ci si limiterebbe solo all'area su cui si costruirà l'edificio.
per il passaggio in tutti i casi farei attenzione al tipo in quanto la donazione è soggetta a collazione ovvero il valore donato verrà conteggiato nel patrimonio in caso di eredità e se dovesse ledere le quote legittime potrebbe avere problemi.
in molti casi preferisco la vendita (dipende dai costi) poichè non ha il problema della collazione
cordialmente
   
claudio
24 Mar 2012, 20:46

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Robby il 24 Mar 2012, 20:24 (Chiudi Messaggio)
> salve
> premesso che le procedure sono fortemente influenzate dai regolamenti
> locali, e quindi verificherei anche in comune prima di fare qualsiasi
> azione vedo meglio la prima soluzione.
> nella terza quando si arriva
> alla donazione si dovrà fare riferimento al costruito con conseguente
> aunmento di valore, mentre frazionando prima il passaggio sarà del
> solo terreno con ovvi minori costi di imposte (o minore valore del
> patrimonio in caso di collazione).
> la seconda la vedo meno vantaggiosa
> in quanto dovrebbe accollarsi l'nere di lottizzazione su tutta l'area,
> mentre nella prima (se il comune consente) ci si limiterebbe solo all'area
> su cui si costruirà l'edificio.
> per il passaggio in tutti i casi
> farei attenzione al tipo in quanto la donazione è soggetta a collazione
> ovvero il valore donato verrà conteggiato nel patrimonio in caso
> di eredità e se dovesse ledere le quote legittime potrebbe avere problemi.
> in
> molti casi preferisco la vendita (dipende dai costi) poichè
> non ha il problema della collazione
> cordialmente
>



grazie mille per la tempestiva risposta! in effetti anche io reputo
che la prima ipotesi sia la più vantaggiosa ma non vorrei incorrere nella gravissima ipotesi di lottizzazione abusiva! l'ingegnere che sta curando il progetto non sembra molto sicuro dell'argometo...preciso che nel nostro comune (provincia di caserta) non esiste il lotto minimo. grazie ancora
   
Robby
25 Mar 2012, 16:34

salve
beh questo lo escluderei in quanto prima di fare qualsiasi cosa va contattato il comune e se ci fossero impedimenti anche presentando la richiesta nel caso peggiore verebbe respinta, invitando ad estendere l'intervento su tutta l'area
non credo possa configurarsi reato per una semplice domanda.
l'eventuale aprrovazione del comune darebbe tranquillità in quanto sicuramente nel procedimento edilizio verificherà anche questo aspetto.
la richiesta penso poi possa essere eseguita anche prima del frazionamento essendo una fase progettuale impegnadosi ad eseguire lo stralcio una volta ottenuta la concessione e ad essa subordinata, magari alla fine della costruzione quando si procederà con l'accatastamento e l'esicrizione al catasto urbano del nuovo manufatto.
anche se ilfrazionamento fosse richiesto prima non sarebbe un gran male poichè esso dovrebbe comunque essere fatto e si tratterebbe solo di un anticipo.
termino sottolineando che comunque le considerazioni fatte qui vanno prese sempre con molta cautela poichè occorre conoscere le procedure locali e qui si tratta solo di opinioni generali.
cordialmente
   
claudio55
25 Mar 2012, 17:15

il problema è che vorremmo evitare la spiacevole ipotesi che dopo aver frazionato il lotto, e fatto la donazione poi il comune non ci approva la lottizzazione perchè abusiva! ha ragione lei robby, bisogna chiedere al comune! volevo solo assicurami di aver ben compreso la normativa prima di andare a parlare con il responsabile dell'ufficio tecnico! grazie ancor
   
Robby
25 Mar 2012, 19:02

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente claudio55 il 25 Mar 2012, 17:15 (Chiudi Messaggio)
> il problema è che vorremmo evitare la spiacevole ipotesi che dopo aver
> frazionato il lotto, e fatto la donazione poi il comune non ci approva
> la lottizzazione perchè abusiva! ha ragione lei robby, bisogna chiedere
> al comune! volevo solo assicurami di aver ben compreso la normativa
> prima di andare a parlare con il responsabile dell'ufficio tecnico!
> grazie ancor


salve
sinceramente non farei nulla senza prima una risposta comunale.
semplicemente redigerei un progetto di costruzione sull'ipotetico lotto stralciato dall'intero, come forma di progetto
una volta ottenuta la concessione comunale (a nome dell'attuale proprietario) sul lotto come definito nel progetto, eseguirei il frazionamento e la donazione (o vendita a sceonda dei casi) prima di iniziare le opere (è perfettamente lecito alienare un bene con annesso permesso comunale) così da indicare sull'atto una cifra minore di quella che si avrebbe con la costruzione avvenuta, quindi eseguirei la voltura del permesso a costruire sempre prima delle opere. (così che gli importi della effettiva costruzione vengono intestati al nuovo proprietario)
il frazionamento quindi può essere visto come attività costruttiva preliminare.
non credo possa parlarsi di lottizzazione abusiva per una semplice richiesta di permesso edilizio nel quale si indica lo stralcio del terreno, in quanto per parlarsi di abuso occorre materialmente eseguirlo
nel caso peggiore il comune rifiuterà la richiesta respingendo il progetto, cosa che non è catastrofica poichè gli elaborati progettuali possono essere riutilizzati (una volta corretti ed adeguati alla indicazione comunale) nella presentazione della nuova richiesta che insiste su tutto il lotto.
ovviamente contatti preliminari col comune per evitare di presentare progetti palesemente non accoglibili sarebbe saggio (questo solo per evitare richieste che verrebbero sicuramente bocciate ma non per denunce di abusi, che ripeto, occorre vengano eseguiti e non solamente proposti)
cordialmente
Messaggi 19 di 19


Finstral a klimahouse
Torggler
Volteco su misura

Schindler 3300