Carrello 0
Il Forum di Edilportale

Problemi di muffa su parete esterna con cappotto termico

Messaggi 20 di 34
Visite 38978
<< Meno recenti | Più Recenti >>
   
Enrico
5 Mar 2013, 10:40

Da circa 3 anni ho isolato la casa con un cappotto termico con polistirene di sp. 10 cm, con il passare dei mesi però sono comparse in maniera sempre più diffusa delle macchie (credo muffa) nere sulla parete in particolare lungo le giunture tra i pannelli isolanti, secondo voi qual'è il problema? La posa è stata eseguita con tutti i materiali neccessari, non vorrei che ci fosse bisogno di un ulteriore trattamento visto che l'abitazione si trova in una zona molto umida e con poche ore di sole durante la stagione invernale
   
top-level.it
6 Mar 2013, 10:14

" enrico " >pe...@gmail.com< in data 5 mar 2013, 10:40 ha scritto:

> da circa 3 anni ho isolato la casa con un cappotto termico con polistirene
> di sp. 10 cm, con il passare dei mesi però sono comparse in maniera
> sempre più diffusa delle macchie (credo muffa) nere sulla parete
> in particolare lungo le giunture tra i pannelli isolanti, secondo voi
> qual'è il problema? la posa è stata eseguita con tutti i materiali
> neccessari, non vorrei che ci fosse bisogno di un ulteriore trattamento
> visto che l'abitazione si trova in una zona molto umida e
> con poche ore di sole durante la stagione invernale

i motivi per cui ti si presentano tali problemi potresti chiederli alla direzione lavori oppure al progettista che hanno seguito l'opera.
secondo la nostra esperienza possiamo dire che con il montaggio del cappotto hai reso "stagno" l'involucro edilizio, per cui il polistirene non lascia "respirare" la struttura, ossia i vapori che si producono con le attività domestiche (cucina, doccia, respirazione...) non sono adeguatamente smaltiti a dovere. l'unica maniera per evacuarli è l'apertura delle finestre oppure montare un impianto di trattamento dell'aria che ti sottragga l'umidità in eccesso. quest'ultima soluzione è in contrasto con lo spirito dell'isolamento termico montato sulle tue pareti in quanto se da un lato ti permette di evitare le dispersioni energetiche dall'altro ti costringe a consumare energia per far funzionare l'impianto di trattamento dell'aria.
in alternativa potresti prendere in considerazione di utilizzare dei rivestimenti antimuffa a permanenza attiva in grado di garantirti il definitivo debellamento di muffe e batteri.
per ulteriori info e approfondimenti puoi visitare il sito in firma.

saluti
www.top-level.it
   
p.pitagora
6 Mar 2013, 16:53

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente top-level.it il 6 Mar 2013, 10:14 (Chiudi Messaggio)
> " enrico " >pe...@gmail.com< in data 5 mar 2013, 10:40 ha scritto:
>
>
> > da circa 3 anni ho isolato la casa con un cappotto termico con polistirene
> >
> di sp. 10 cm, con il passare dei mesi però sono comparse
> in maniera
> > sempre più diffusa delle macchie (credo muffa) nere sulla
> parete
> > in particolare lungo le giunture tra i pannelli isolanti,
> secondo voi
> > qual'è il problema? la posa è stata eseguita con tutti
> i materiali
> > neccessari, non vorrei che ci fosse bisogno di un ulteriore
> trattamento
> > visto che l'abitazione si trova in una zona molto
> umida e
> > con poche ore di sole durante la stagione invernale
>
> i motivi
> per cui ti si presentano tali problemi potresti chiederli alla direzione
> lavori oppure al progettista che hanno seguito l'opera.
> secondo
> la nostra esperienza possiamo dire che con il montaggio del cappotto
> hai reso "stagno" l'involucro edilizio, per cui il polistirene non
> lascia "respirare" la struttura, ossia i vapori che si producono con le
> attività domestiche (cucina, doccia, respirazione...) non sono adeguatamente
> smaltiti a dovere. l'unica maniera per evacuarli è l'apertura
> delle finestre oppure montare un impianto di trattamento dell'aria che
> ti sottragga l'umidità in eccesso. quest'ultima soluzione è in contrasto
> con lo spirito dell'isolamento termico montato sulle tue pareti in
> quanto se da un lato ti permette di evitare le dispersioni energetiche
> dall'altro ti costringe a consumare energia per far funzionare l'impianto
> di trattamento dell'aria.
> in alternativa potresti prendere in
> considerazione di utilizzare dei rivestimenti antimuffa a permanenza attiva
> in grado di garantirti il definitivo debellamento di muffe e batteri.
> per
> ulteriori info e approfondimenti puoi visitare il sito in firma.
>
> saluti
> www.top-level.it


contesto che un cappotto di polistirene renda "stagna" ai vapori una struttura.
la resistenza al vapore di muri isolati è circa x10 quella dei muri non isolati.
per dire che sia stagna ai vapori occorrerebbe che fosse almeno x 10000
sostanzialmente, la quantità di vapore od aria che traspira da una parete in laterizio isolata o meno è la stessa ed sempre poca rispetto al ricambio necessario.
confermo che i metodi per il ricambio d'aria siano quelli indicati nell'intervento toplevel.
   
Daniele Zaccari
7 Gen 2014, 12:54


enrico, secondo me è una questione di traspirazione come dice top level,lo ha fatto anche a casa mia, ho posato io le lastre a casa mia e le due ditte che ho chiamato a fare la rasatura mi avevano fatto i complimenti per come era stato posato accostato, è vero ciò che dice anche pitagora, ma credo che sia un problema di minor resistenza alla traspirazione, cioè, il vapore che si forma all'interno della abitazione trova una "via di fuga" più agevole nelle intercapedini tra lastra e lastra, per poi sfogare verso l'esterno, probabile che sia anche un problema di materiali, intonachino intendo, io ho usato materiali della fassa bortolo, ora deve venire un mio collega a fare una ripresa con la termocamera, anche se io non credo all'ipotesi del ponte termico.
   
Daniele Zaccari
7 Gen 2014, 13:03


ad onor del vero comunque devo dire che in casa mia difficilmente si supera il 50% di umidità relativa, anzi se mai abbiamo il problema contrario, è troppo secco,in quanto ho un riscaldamento a pavimento, è un fenomeno abbastanza inspiegabile....indagherò....
   
Ornello
27 Nov 2014, 15:39

salve
anche io ho grossi problemi di umidità di condensa e di muffa e non riesco a trovare una soluzione. mi si ammuffiscono anche i mobili e i vestiti dentro :(
conoscete aziende in zona roma che possono aiutarmi nella risoluzione del problema? ho provato a contattare la ditta archimede group che si proclamava come specialista dell'umidità, ma appena gli ho chiesto lumi sulla garanzia delle loro prestazioni non mi hanno più risposto e quando li ho chiamati mi hanno detto che non avrebbero fatto più il lavoro.
fatemi sapere se qualcuno ha una soluzione!





" enrico " >pe...@gmail.com< in data 5 mar 2013, 10:40 ha scritto:

> da circa 3 anni ho isolato la casa con un cappotto termico con polistirene
> di sp. 10 cm, con il passare dei mesi però sono comparse in maniera
> sempre più diffusa delle macchie (credo muffa) nere sulla parete
> in particolare lungo le giunture tra i pannelli isolanti, secondo voi
> qual'è il problema? la posa è stata eseguita con tutti i materiali
> neccessari, non vorrei che ci fosse bisogno di un ulteriore trattamento
> visto che l'abitazione si trova in una zona molto umida e
> con poche ore di sole durante la stagione invernale
   
top-level.it
27 Nov 2014, 16:43

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Ornello il 27 Nov 2014, 15:39 (Chiudi Messaggio)
> salve
> anche io ho grossi problemi di umidità di condensa e di muffa
> e non riesco a trovare una soluzione. mi si ammuffiscono anche i mobili
> e i vestiti dentro :(
> conoscete aziende in zona roma che possono aiutarmi
> nella risoluzione del problema? ho provato a contattare la ditta
> archimede group che si proclamava come specialista dell'umidità, ma
> appena gli ho chiesto lumi sulla garanzia delle loro prestazioni non
> mi hanno più risposto e quando li ho chiamati mi hanno detto che non
> avrebbero fatto più il lavoro.
> fatemi sapere se qualcuno ha una soluzione!
>
>
>
>
>
>
> " enrico " >pe...@gmail.com< in data 5 mar 2013, 10:40
> ha scritto:
>
> > da circa 3 anni ho isolato la casa con un cappotto
> termico con polistirene
> > di sp. 10 cm, con il passare dei mesi però
> sono comparse in maniera
> > sempre più diffusa delle macchie (credo
> muffa) nere sulla parete
> > in particolare lungo le giunture tra i pannelli
> isolanti, secondo voi
> > qual'è il problema? la posa è stata eseguita
> con tutti i materiali
> > neccessari, non vorrei che ci fosse bisogno
> di un ulteriore trattamento
> > visto che l'abitazione si trova
> in una zona molto umida e
> > con poche ore di sole durante la stagione
> invernale


" ornello " in data 27 nov 2014, 15:39 ha scritto:

> salve anche io ho grossi problemi di umidità di condensa e di muffa e
> non riesco a trovare una soluzione. mi si ammuffiscono anche i mobili
> e i vestiti dentro :( conoscete aziende in zona roma che possono aiutarmi
> nella risoluzione del problema? ho provato a contattare la
> ditta archimede group che si proclamava come specialista dell'umidità,
> ma appena gli ho chiesto lumi sulla garanzia delle loro prestazioni
> non mi hanno più risposto e quando li ho chiamati mi hanno
> detto che non avrebbero fatto più il lavoro. fatemi sapere se qualcuno ha una soluzione!

salve ornello,
poter efficacemente e definitivamente risolvere la questione umidità e muffe occorre effettuare un check-up della tua abitazione.
questo significa analizzare le origini dell'umidità e le fonti che la alimentano.
tali notizie potrai fornircele soltanto tu, descrivendo l'ubicazione dell'appartamento, se a piano alto, terra o seminterrato, la stratigrafia delle murature, i tenoi umidi riscontrati e altre notizie tecniche che possano aiutare nell'individuazione delle cause.
da quanto tempo si manifestano le muffe?
cosa hai fatto in questi anni per risolvere la problematica?
se preferisci potresti anche inviarci delle foto per mail all'indirizzo che trovi sul sito in firma.
nello stesso, puoi trovare e scaricarti dei report tecnici su lavori effettuati tanti anni orsono e le situazioni attualizzate. scarica il pdf denominato "muffe, batteri funghi...pdf"

saluti e buon lavoro
   
Nick
30 Nov 2014, 22:50

concordo con enrico, io avevo lo stesso problema, e con interventi mirati e un cambiamento nella mie abitudini ho migliorato se non dire risolto tale problema
   
cristina
29 Mar 2015, 16:49


dopo il sisma 2012 noi abbiamo aggiustato i dannie isolato la casa con polistirene da 12 cm....le facciate esterne sono nere tranne quelle riparate dalla tettoia esterna che sono perfette...la ditta che ha eseguito i lavori non possiamo interpellarla in quanto denunciata per irregolarità contributiva(durc falsificati) e il tecnico incaricato è stato sollevato dall'incarico(abbiamo in corso tutte le pratiche mude). abbiamo tecnici e ditta nuova subentrata per finire i lavori ma non gli è chiaro cosa può essere successo....il termotecnico non evidenzia ponti termici anche perchè il problema forse sarebbe all'interno...come hai risolto i problemi??



" enrico " >pe...@gmail.com< in data 5 mar 2013, 10:40 ha scritto:

> da circa 3 anni ho isolato la casa con un cappotto termico con polistirene
> di sp. 10 cm, con il passare dei mesi però sono comparse in maniera
> sempre più diffusa delle macchie (credo muffa) nere sulla parete
> in particolare lungo le giunture tra i pannelli isolanti, secondo voi
> qual'è il problema? la posa è stata eseguita con tutti i materiali
> neccessari, non vorrei che ci fosse bisogno di un ulteriore trattamento
> visto che l'abitazione si trova in una zona molto umida e
> con poche ore di sole durante la stagione invernale
   
Gerrj
9 Ago 2016, 01:43

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente cristina il 29 Mar 2015, 16:49 (Chiudi Messaggio)
>
> dopo il sisma 2012 noi abbiamo aggiustato i dannie isolato la casa con
> polistirene da 12 cm....le facciate esterne sono nere tranne quelle
> riparate dalla tettoia esterna che sono perfette...la ditta che ha eseguito
> i lavori non possiamo interpellarla in quanto denunciata per irregolarità
> contributiva(durc falsificati) e il tecnico incaricato è stato
> sollevato dall'incarico(abbiamo in corso tutte le pratiche mude).
> abbiamo tecnici e ditta nuova subentrata per finire i lavori ma non gli
> è chiaro cosa può essere successo....il termotecnico non evidenzia ponti
> termici anche perchè il problema forse sarebbe all'interno...come
> hai risolto i problemi??
>
>
>
> " enrico " >pe...@gmail.com< in data
> 5 mar 2013, 10:40 ha scritto:
>
> > da circa 3 anni ho isolato la casa
> con un cappotto termico con polistirene
> > di sp. 10 cm, con il passare
> dei mesi però sono comparse in maniera
> > sempre più diffusa delle
> macchie (credo muffa) nere sulla parete
> > in particolare lungo le
> giunture tra i pannelli isolanti, secondo voi
> > qual'è il problema? la
> posa è stata eseguita con tutti i materiali
> > neccessari, non vorrei
> che ci fosse bisogno di un ulteriore trattamento
> > visto che l'abitazione
> si trova in una zona molto umida e
> > con poche ore di sole durante
> la stagione invernale


avete risolto?
   
Christian
9 Ago 2016, 16:23

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Gerrj il 9 Ago 2016, 01:43 (Chiudi Messaggio)
> avete risolto?
>


buongiorno,
leggo solo ora questa discussione e devo dire che è stata fatta parecchia confusione......

dal messaggio del sig. enrico pare evidente che il problema si manifesti sulle pareti esterne, pertanto le considerazioni sulla traspirabilità (o permeabilità al vapore acqueo) hanno poca attinenza col problema. ne avrebbero poca anche se la muffa fosse all'interno.....

do per scontato che il rivestimento esterno sia stato fatto con intonachino acrilico (o simile) con spessore minimo di 1mm.

il fatto che ci siano delle macchie nere normalmente è indice di proliferazione di funghi, questo si può essere generato o per una non corretta possa che ha comportato forti ponti termici (alcuni applicatori ancora oggi incollano anche lateralmente i pannelli) o perchè la finitura non è abbastanza protetta con idoneo addittivo antialga.

saluti.
   
Daniele Zaccari
10 Ago 2016, 00:02

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Christian il 9 Ago 2016, 16:23 (Chiudi Messaggio)
> buongiorno,
> leggo solo ora questa discussione e devo dire che è stata
> fatta parecchia confusione......
>
> dal messaggio del sig. enrico pare
> evidente che il problema si manifesti sulle pareti esterne, pertanto
> le considerazioni sulla traspirabilità (o permeabilità al vapore acqueo)
> hanno poca attinenza col problema. ne avrebbero poca anche se la muffa
> fosse all'interno.....
>
> do per scontato che il rivestimento esterno
> sia stato fatto con intonachino acrilico (o simile) con spessore
> minimo di 1mm.
>
> il fatto che ci siano delle macchie nere normalmente
> è indice di proliferazione di funghi, questo si può essere generato o
> per una non corretta possa che ha comportato forti ponti termici (alcuni
> applicatori ancora oggi incollano anche lateralmente i pannelli) o
> perchè la finitura non è abbastanza protetta con idoneo addittivo antialga.
>
> saluti.



christian, mi dispiace contraddirti ma non si tratta di ponti termici, questo è sicuro, ho guardato la parete con una termocamera infrarossi e non si nota alcun ponte termico, i pannelli li ho montati io, tagliati con filo caldo e perfettamente accostati, il problema è che nei punti di giunzione l'umidità interna tende ad uscire più facilmente e quando raggiunge la superficie fredda della parete esterna condensa senza meno, ho notato che questo è un difetto tipico delle pareti esposte a nord dove nei mesi invernali la parete rimane quasi sempre bagnata, vista la bassa temperatura superficiale. inoltre l'intonachino soprattutto se di grana grossa non permette di far evaporare l'acqua facilmente perché forma delle micro zone d'ombra che con il sole basso invernale non fanno asciugare le goccioline d'acqua formatesi durante la notte. io ho dei ponti termici soprattutto nelle spalline delle finestre e delle porte e ti garantisco che sono le zone meno infestate dalla muffa, perché lì l'acqua evapora prima. ciao.
   
gerrj
10 Ago 2016, 02:31

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Daniele Zaccari il 10 Ago 2016, 00:02 (Chiudi Messaggio)
>
> christian, mi dispiace contraddirti ma non si tratta di ponti termici,
> questo è sicuro, ho guardato la parete con una termocamera infrarossi
> e non si nota alcun ponte termico, i pannelli li ho montati io, tagliati
> con filo caldo e perfettamente accostati, il problema è che nei
> punti di giunzione l'umidità interna tende ad uscire più facilmente e
> quando raggiunge la superficie fredda della parete esterna condensa senza
> meno, ho notato che questo è un difetto tipico delle pareti esposte
> a nord dove nei mesi invernali la parete rimane quasi sempre bagnata,
> vista la bassa temperatura superficiale. inoltre l'intonachino soprattutto
> se di grana grossa non permette di far evaporare l'acqua facilmente
> perché forma delle micro zone d'ombra che con il sole basso invernale
> non fanno asciugare le goccioline d'acqua formatesi durante la notte.
> io ho dei ponti termici soprattutto nelle spalline delle finestre
> e delle porte e ti garantisco che sono le zone meno infestate dalla muffa,
> perché lì l'acqua evapora prima. ciao.
>


il problema della muffa deriva dal rivestimento utilizzato che non é adatto al capotto, sul capotto é importante ci sia la protezione antialga e antimuffa. il rivestimento sul capotto in eps deve essere di grana pari o superiore a mm 1,5 per una questione di dilatazione termo dinamica (crepe o microcrepe). se vuoi controllare (visto che hai delle foto con la termocamera) vai sul sito www.caparol.it, troverai nella sezione capotto e informativi tutto quello che ti serve. personalmente se la posa é stata efettuata correttamente il rivestimento é pari a grana 1,5 mm, quindi ti manca solamente la protezione da muffe, risolvi usando il capatox e una mano di termosan (colore apposito per manuntenzione capotto persino autopulente)
   
Daniele Zaccari
10 Ago 2016, 08:05

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente gerrj il 10 Ago 2016, 02:31 (Chiudi Messaggio)
> il problema della muffa deriva dal rivestimento utilizzato che non é adatto
> al capotto, sul capotto é importante ci sia la protezione antialga
> e antimuffa. il rivestimento sul capotto in eps deve essere di grana
> pari o superiore a mm 1,5 per una questione di dilatazione termo dinamica
> (crepe o microcrepe). se vuoi controllare (visto che hai delle foto
> con la termocamera) vai sul sito www.caparol.it, troverai nella sezione
> capotto e informativi tutto quello che ti serve. personalmente se
> la posa é stata efettuata correttamente il rivestimento é pari a grana
> 1,5 mm, quindi ti manca solamente la protezione da muffe, risolvi usando
> il capatox e una mano di termosan (colore apposito per manuntenzione
> capotto persino autopulente)
>



grazie dei consigli, proverò.

saluti..
   
Christian
10 Ago 2016, 08:16

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Daniele Zaccari il 10 Ago 2016, 08:05 (Chiudi Messaggio)
>
> grazie dei consigli, proverò.
>
> saluti..



buongiorno daniele,
in realtà non mi hai contraddetto, hai solo escluso l'ipoesi di un non corretto montaggio.
resta in piedi, come fatto notare da gerrj, il dubbio che il rivestimento non sia adeguatamente protetto con idoneo antialga.
il consiglio per la risoluzione che ti è stato dato mi trova completamente d'accordo, cambierei solo i materiali essendo io un tecnico formulatore della concorrenza! :)

buon lavoro,
christian.
   
NickilMagro
10 Ago 2016, 08:33

il muro traspira se i mattoni si mettono con l'occhio a vista!😂😂 apparte le battute, fai una bariera al vapore internamente anche se non vedo l'utilità! due villette adiacenti tra loro con isolante termico (cappotto), la prima presenta delle alonature nere lungo le congiunzioni dei pannelli, e quando piove si possono contare i pannelli sul muro, la seconda (stesso periodo di installazione ma con prodotti m....i, neanche una striscietta più scura!😂😂 dipende dal materiale utilizzato e dallo spessore dell'intonaco e del tonachino, e quando piove non si alterano ne colori facciata ne resa dell'isolante! il materiale da utilizzare per "cappotti" e il eps, il xps si usa solo come zoccolatura per impearmilizzare la facciata dagli schizzi dell' acqua, o piani interrati, la differenza sta nelle celle aperte il primo chiuse il secondo
   
gerrj
10 Ago 2016, 16:51

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Christian il 10 Ago 2016, 08:16 (Chiudi Messaggio)
>
> buongiorno daniele,
> in realtà non mi hai contraddetto, hai solo escluso
> l'ipoesi di un non corretto montaggio.
> resta in piedi, come fatto
> notare da gerrj, il dubbio che il rivestimento non sia adeguatamente
> protetto con idoneo antialga.
> il consiglio per la risoluzione che ti
> è stato dato mi trova completamente d'accordo, cambierei solo i materiali
> essendo io un tecnico formulatore della concorrenza! :)
>
> buon
> lavoro,
> christian.
>


infatti non ho contraddetto christian, ho specificato "se la posa é stata effettuata correttamente" l'unica differenza è nella grana minima del rivestimento 1,5 mm e non 1 mm, io non sono un tecnico ma un applicatore, ho messo caparol, perché installa sistemi di isolazione a cappotto dal 1957 e visto che in italia c'é parecchia confusione, mi sono affidato a loro.
per la muffa interna, (muffa sui vestiti) la soluzione è di areare gli ambienti, non è causata dal capotto, ma spesso viene installato assieme ai nuovi serramenti, per le murature interne la soluzione è di facile soluzione i miei trattamenti antimuffa interna li garantisco 5 anni. www.granellogerrjpittore.com
   
Aldo
16 Set 2016, 11:37



il problema delle alghe sulle facciate poco esposta al sole è generale, ma sui cappotti termici sintetici si acuisce per via dei seguenti fattori:
1. il polistirene e simili attirano le polveri e pollini in sospensione nell'aria.
2. massa specifica molto piccola. questo porta alla formazione di rugiada e brina in seguito alla radiazione verso la volta celeste. l'acqua favorisce la formazione di vita nelle cavità e asperità dell'intonaco su cui si è adagiata la polvere.
3. la pioggia porta altra acqua.
4. la mancata o rallentata asciugatura, specialmente a nord acuisce l'effetto favorevole alla formazione della vita.
5. la mancata disinfezione da parte del sole contribuisce pure lei.
6. spesso siamo di fronte a una gronda inesistente o insufficiente, quindi con facciate che si bagnano maggiormente.
purtroppo bisognerebbe aggiungere biocidi in quantità più importante, specialmente a nord, oppure pulire con l'idropulitrice con spazzola rotante ogni due anni.
non vi è invece nessuna relazione con l'umidità interna che va evacuata utilizzando le finestre 3-4 volte al giorno aprendole contemporaneamente per 5 minuti (dopo la nottata e dopo i pasti, prima di andare a letto), anche se fuori è freddo o c'è addirittura nebbia. utilizzate un igrometro e vi renderete conto del beneficio.
in alternativa ci sono sul mercato dei ventilatori che permettono il ricambio continuo dell'aria in ogni locale recuperandone l'energia sino al 90 %. il confort è eccezionale, ma sul già costruito risulta più difficile l'installazione. comunque fattibile; oggi ci sono prodotti che agiscono locale per locale, senza necessità quindi di avere in impianto centralizzato con un sistema di tubi di distribuzione (quest'ultimo può essere installato nell'atrio e la distribuzione può avvenire tramite soffitto ribassato del corridoio per esempio).

a
   
Mealvin Peabody
16 Set 2016, 12:27

sulla ventilazione forzata degli edifici sarebbe bello iniziare una discussione.


mealvin peabody
www.coloritudine.com


   
top-level.it
17 Set 2016, 10:12

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Mealvin Peabody il 16 Set 2016, 12:27 (Chiudi Messaggio)
> sulla ventilazione forzata degli edifici sarebbe bello iniziare una discussione.
>
>
> mealvin
> peabody
> www.coloritudine.com
>
>
>


" mealvin peabody " >un...@gmail.com< in data 16 set 2016, 12:27 ha scritto:

> sulla ventilazione forzata degli edifici sarebbe bello iniziare una discussione. mealvin peabody
> www.coloritudine.com


potresti aprire una nuova discussione mr. peabody e dire la tua.

saluti

top-level.it
Messaggi 20 di 34
<< Meno recenti | Più Recenti >>


 
Air Inverter II
Serie T500
Edilportale Tour 2018
Mazzonetto

Impresa Frigerio