Emmegi grigliati
Il Forum di Edilportale

Cambio direttore dei lavori... ho bisogno di aiuto

Messaggi 17 di 17
Visite 1475
   
Telma
21 Feb 2014, 20:40

Buonasera, spero che in questo forum sappiate aiutarmi perchè siamo davvero in una brutta situazione, abbiamo iniziato i lavori di ristrutturazione di casa e il geometra che è anche direttore dei lavori non ci aveva mai fatto dei preventivi su tutte le spese che avremmo dovuto affrontare per quanto riguarda la sua parcella, (colpa nostra), adesso siamo nella situazione in cui lui non viene mai in cantiere se non su nostra espressa richiesta (in 4 mesi è venute 3-4volte) e quando viene è totalmente disinteressato ai lavori ma ci porta sempre nuove fatture pretendendo il SALDO della sua parcella, Voglio dire che gli abbiamo già dato 8000€ su 10,000€ che lui richiede per un lavoro di 50.000€ di ristrutturazione e ci ha appena detto che in questa cifra non sono comprese la direzione dei lavori, la contabilità, e tutte le pratiche che serviranno per fine lavori, varianti, catasto ecc. che fino alla settimana scorsa ci aveva scritto a matita su un foglio che erano:
-1500€ per DDLL
-1000€ per contabilità ecc

Adesso stanchi della situazione gli abbiamo comnicato che vorremmo cambiare il direttore dei lavori e lui in un primo momento sembrava tranquillo e ha accettato la cosa adesso ci ha informati che dobbiamo pagargli la DDLL per 1650€ (più IVA) anche se noi siamo ancora a nemmeno metà dei lavori, e altre "spese varie" per un totale di 5000€, inoltre ha convinto anche il coordinatore della sicurezza a lasciare il lavoro e quindi la situazione è ancora più grave...

dopo questo papiro per farvi un quadro della cosa, volevo chiedervi se è possibile cambiare il DDLL se lui non rinuncia all'incarico perchè ha detto che se non riceve questi 5000€ non procederà al passaggio di consegne col nuovo tecnico...

Spero nel vostro aiuto... siamo davvero disperati
   
sergio
22 Feb 2014, 01:28

ti serve un buon avvocato-sergio
   
telma
22 Feb 2014, 08:02

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente sergio il 22 Feb 2014, 01:28 (Chiudi Messaggio)
> ti serve un buon avvocato-sergio
>


come sospettavo allora non c'è un modo facile per uscirne... speravamo di non dover arrivare a questo perchè cmq per quanto lui si sia comportato mal con noi non vorremmo creargli problemi seri, ma non vogliamo davvero dover pagare queste cifre per un lavoro non svolto... :(
   
sergio
23 Feb 2014, 12:15



scusa telma,
da quello che scrivi lui vi sta ricattando, rallenta i vostri lavori di ristrutturazione con grave danno, e voi vi preoccupate di non creargli problemi ??? avete fatto un fesseria a fidarvi e capita- ma ora ragionate e non siate ingenui, un disonesto è un disonesto e deve essere trattato come tale- per denunciarlo per danni andate dal giudice di pace che è competente fino a 50.000 euro, e non fatevi convincere a fare una causa civile che dura 20 anni e ingrassa solo l'avvocato-auguri-sergi
   
Telma
27 Feb 2014, 16:54

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente sergio il 23 Feb 2014, 12:15 (Chiudi Messaggio)
>
>
> scusa telma,
> da quello che scrivi lui vi sta ricattando, rallenta
> i vostri lavori di ristrutturazione con grave danno, e voi vi preoccupate
> di non creargli problemi ??? avete fatto un fesseria a fidarvi
> e capita- ma ora ragionate e non siate ingenui, un disonesto è un disonesto
> e deve essere trattato come tale- per denunciarlo per danni andate
> dal giudice di pace che è competente fino a 50.000 euro, e non fatevi
> convincere a fare una causa civile che dura 20 anni e ingrassa solo
> l'avvocato-auguri-sergi


ciao sergio! siamo stati da un avvocato e in pratica ci ha confermato che abbiamo pienamente ragione vedendo tutte le carte.. adesso abbiamo fissato con lui un incontro informale/amichevole sperando che dicendogli che sappiamo di aver ragione lui ci firmi la rinuncia all'incarico, se no andremo come dici tu per altre vie in cui solo lui alla fine ha da perdere, anche perchè, noi non sapevamo, ma possiamo revocargli l'incarico e affidarlo ad un altro senza problemi continuando i lavori...

garzie per la risposta e scusa se rispondo solo ora ma non avevo ricevuto la notifica...

telma
   
sergio
27 Feb 2014, 19:01




quando lo incontrate non date l' impressione di brave persone pronte a mediare, quali siete, ma andate giù duri senza tanti convenevoli e dicendo, con calma, chiaro e tondo, che siete arrabbiati e che ora non si gioca più. pertanto o si fa come dite voi oppure oltre a revocare l'incarico, fate delle foto e una perizia tecnica prima di ricominciare i lavori e dopo lo denunciate per danni materiali ed il tempo perso: così poi lo spiega lui al perito del tribunale se ha ragione lui- fatevi spalleggiare bene dall'avvocato, che ovviamente incontrate prima di vederlo per definire bene la comune strategia, ovvero chi fa il buono e chi il cattivo- l'obiettivo è confonderlo e spaventarlo !!! auguri ser
   
Telma
27 Feb 2014, 19:15

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente sergio il 27 Feb 2014, 19:01 (Chiudi Messaggio)
>
>
>
> quando lo incontrate non date l' impressione di brave persone pronte
> a mediare, quali siete, ma andate giù duri senza tanti convenevoli
> e dicendo, con calma, chiaro e tondo, che siete arrabbiati e che ora
> non si gioca più. pertanto o si fa come dite voi oppure oltre a revocare
> l'incarico, fate delle foto e una perizia tecnica prima di ricominciare
> i lavori e dopo lo denunciate per danni materiali ed il tempo perso:
> così poi lo spiega lui al perito del tribunale se ha ragione lui-
> fatevi spalleggiare bene dall'avvocato, che ovviamente incontrate prima
> di vederlo per definire bene la comune strategia, ovvero chi fa il
> buono e chi il cattivo- l'obiettivo è confonderlo e spaventarlo !!! auguri
> ser


grazie sergio! si infatti hai ragione, dobbiamo anche se caratterialmente ci verrà un po' difficile di non mostrarci nè deboli nè incerti, purtroppo è stato lui a portarci a questo punto... cmq vi farò sicuramente sapere con un aggiornamento domani!

grazie per tutto!
   
Robby
1 Mar 2014, 10:54

salve
sono completamente d'accordo con sergio e aggiungo (anche se tesi tutt'altro che condivisa) che sia giusto separare l'incarico dal suo pagamento.
in altre parole il dl rimosso non può (secondo me) utilizzare l'arma del ricatto del pagamento pretendendo che il nuovo non accetti l'incarico senza la sua autorizzazione
le due strade penso debbano andare per vie indipendenti ovvero il nuovo dl può subentrare al precedente senza autorizzazione ma solamente (per deontologia professionale) avvisare il collega e definire bene quello la responsabilita del collega dalle sue.
i diritti del vecchio dl vanno affrontati direttamente magari con azioni di rscupero ma (penso) mai con il blocco del cantiere che è una sorta di ricatto che mette in condizioni i committenti di cedere per non vedere fermarsi le opere.
sono professionista anche io e in questi casi non opererei mai questo tipo di ricatto se dovessi essere rimosso da un un incarico, mi sembra professionalmente pià serio.
ribadisco che questa è una opinione non molto accolta ma continuo a pensarla più corretta
cordialmente
   
Telma
1 Mar 2014, 12:13

buongiorno!
volevo informarvi dell'esito dell'incontro!
abbiamo concluso tutta la vicenza, lui ci ha rilasciato tutto, e ha firmato la rinuncia all'incarico e ci ha fatto la quietanza capendo che non ci avrebbe estorto un € in più...

dopo un'iniziale tentativo in cui sperava ha tentato come al solito di rigirare la frittata, documenti alla mano e atteggiamento duro come avete suggerito voi ha capito che non l'avrebbe spuntata in nessun modo...

finalmente abbiamo un nuovo tecnico e adesso i lavori potranno ricominciare in modo sereno!

vi ringrazio davvero molto perchè con le vostre risposte e consigli ci avete aiutato a sistemare la situazione... ringrazio anche tutti quelli che mi hanno scritto in pvt nella mail per consigliarmi e darmi il loro appoggio!

grazie ancora... di cuore

telma
   
sergio
2 Mar 2014, 05:50

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Telma il 1 Mar 2014, 12:13 (Chiudi Messaggio)
> buongiorno!
> volevo informarvi dell'esito dell'incontro!
> abbiamo concluso
> tutta la vicenza, lui ci ha rilasciato tutto, e ha firmato la rinuncia
> all'incarico e ci ha fatto la quietanza capendo che non ci avrebbe
> estorto un € in più...
>
> dopo un'iniziale tentativo in cui sperava
> ha tentato come al solito di rigirare la frittata, documenti alla mano
> e atteggiamento duro come avete suggerito voi ha capito che non l'avrebbe
> spuntata in nessun modo...
>
> finalmente abbiamo un nuovo tecnico
> e adesso i lavori potranno ricominciare in modo sereno!
>
> vi ringrazio
> davvero molto perchè con le vostre risposte e consigli ci avete aiutato
> a sistemare la situazione... ringrazio anche tutti quelli che mi
> hanno scritto in pvt nella mail per consigliarmi e darmi il loro appoggio!
>
> grazie
> ancora... di cuore
>
> telma



sono davvero felice per voi che questa vicenda si sia risolta al meglio. una cosa che ho imparato nella vita è che i prepotenti sono sempre vigliacchi, basta spiegargli come stanno le cose e li vedi con la coda tra le gambe. buon lavoro ed auguri di godervi la cava per 200 anni almeno- ciao. sergio
   
Telma
2 Mar 2014, 13:18

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente sergio il 2 Mar 2014, 05:50 (Chiudi Messaggio)
>
> sono davvero felice per voi che questa vicenda si sia risolta al meglio.
> una cosa che ho imparato nella vita è che i prepotenti sono sempre
> vigliacchi, basta spiegargli come stanno le cose e li vedi con la coda
> tra le gambe. buon lavoro ed auguri di godervi la cava per 200 anni
> almeno- ciao. sergio


grazie sergio!
quando ho scritto su questo forum pensavo che nessuno mi avrebbe risposto.. invece ho ricevuto davvero molte risposte e una disponibilità e gentilezza che non pensavo!

a dimostrazione che il tecnico che ho incontrato io è per fortuna una mosca bianca...

grazie per gli auguri! vista la splendida esperienza penso che spesso passerò di qui a leggere e cercare consigli ;)

buona domenica!

telma
   
Bojangles
6 Mar 2014, 22:35

salve a tutti,

purtroppo mi trovo in una situazione simile.
ho effettuato dei lavori di ristrutturazione (demolizione e conseguente ristrutturazione) di un'immobile e i rapporti con il dl, nonchè progettista dell'opera, nel corso del tempo si sono incrinati, al punto da mancare quasi del tutto il dialogo.
lui stesso ha più volte urlato contro noi committenti denunciando il fatto di non voler più lavorare per noi e di non aver bisogno dei nostri soldi.
ad ogni modo, pur andando giù pesante con le parole,non ha mai rassegnato le sue dimissioni formalmente,piuttosto aspetta di ricevere un licenziamento da parte nostra.
va premesso che c'è un'offerta accettata che prevedeva la conclusione di tutte le opere.
io ora non so come comportarmi,cosa mi consigliate?

grazie.
   
telma
6 Mar 2014, 22:42

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Bojangles il 6 Mar 2014, 22:35 (Chiudi Messaggio)
> salve a tutti,
>
> purtroppo mi trovo in una situazione simile.
> ho effettuato
> dei lavori di ristrutturazione (demolizione e conseguente ristrutturazione)
> di un'immobile e i rapporti con il dl, nonchè progettista
> dell'opera, nel corso del tempo si sono incrinati, al punto da mancare
> quasi del tutto il dialogo.
> lui stesso ha più volte urlato contro
> noi committenti denunciando il fatto di non voler più lavorare per noi
> e di non aver bisogno dei nostri soldi.
> ad ogni modo, pur andando
> giù pesante con le parole,non ha mai rassegnato le sue dimissioni formalmente,piuttosto
> aspetta di ricevere un licenziamento da parte nostra.
> va
> premesso che c'è un'offerta accettata che prevedeva la conclusione
> di tutte le opere.
> io ora non so come comportarmi,cosa mi consigliate?
>
> grazie.





come puoi be capire io non sono esperta ma se lui pretende il licenziamento, licenziatelo, per un professionista ricevere una revoca dell'incarico non è una grandissima pubblicità... ti auguro di trovare delle risposte che ti possano aiutare a capire quale sia la strada migliore da percorrere ed in caso non esitare a chiedere come abbiamo fatto noi consiglio ad un legale per capire come muovervi per fare le cose nel migliore dei modi...

in bocca al lupo!

te
   
Bojangles
6 Mar 2014, 22:48

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente telma il 6 Mar 2014, 22:42 (Chiudi Messaggio)
>
>
>
> come puoi be capire io non sono esperta ma se lui pretende il licenziamento,
> licenziatelo, per un professionista ricevere una revoca dell'incarico
> non è una grandissima pubblicità... ti auguro di trovare
> delle risposte che ti possano aiutare a capire quale sia la strada migliore
> da percorrere ed in caso non esitare a chiedere come abbiamo fatto
> noi consiglio ad un legale per capire come muovervi per fare le cose
> nel migliore dei modi...
>
> in bocca al lupo!
>
> te


beh il licenziamento lui l'ha chiesto a chiare lettere più volte e sarebbe corretto da parte sua se facesse lui la rinuncia all'incarico,senza pretendere che sia io a licenziarlo. io purtroppo non so a cosa vado incontro in questo caso a causa dell'accordo preso ma non penso sia così vincolante anche perchè con il tempo le cose possono cambiare.
   
Robby
7 Mar 2014, 12:01

salve
beh a quanto leggo penso sia più corretta una vs revoca piuttozto che una sua rinuncia dal momento che il disagio lo denotate voi, inoltre se il tecnico rinuncia senza motivi rischia di perdere l'onorario, quindi dubito che lo farà
la prima cosa da fare è cercare un altro professionista che sia disposto a subentrare altrimenti il cantiere rimarrebbe fermo, quindi passare al passaggio di competenze cosa non del tutto automatica in quanto ci sono due diversi modi di comportarsi in tema di correttezza professionale.
molti infatti pensano di on poter accettare fin quando non si sono chiusi i rapporti col collega (onorari compresi).
altri (tra i quali io) ritengono che il nuovo professionista abbia il solo obbligo di comunicare la rimozione del collega ma senza entrare nel merito degli onorari che vanno regolati indipendentemente.
in ogni caso dovrete comunicare la revoca dell'incarico (questo lo potrebbe fare per voi il nuovo tecnico) prima di accettare l'incarico e determinare quali opere (e onorari) siano di competenza del primo tecnico e quali saranno affidate al nuovo.
il nuovo tecnico una volta assunto l'incarico formale comunicherà agli enti di controllo la sostituzione del tecnico responsabile delle opere.
in caso di contestazione degli onorari ci si può sempre rivolgere al collegio di competenza che determinerà gli importi spettanti al professionista in caso ancora di contestazione non resta che la causa
mi permetto un opinione ovvero cercare di evitare irrigidimenti poiché diventerebbe più complicato per il nuovo tecnico subentrare sia per i motivi deontologici che ho scritto sopra sia per eventuali resistenze del primo tecnico nel passaggio delle informazioni (e documenti) sulle attività da lui svolte.
per questo penso sia saggio lasciare sia il nuovo tecnico a gestire i rapporti almeno solo quelli tecnici così da evitare resistenze, per gli onorari penso che difficilmente accetterà (sempre per motivi di correttezza professionale) e dovrete gestirle direttamente.
spero di essere stato chiaro
   
Bojangles
7 Mar 2014, 14:29

Scrive in risposta al messaggio scritto dall'utente Robby il 7 Mar 2014, 12:01 (Chiudi Messaggio)
> salve
> beh a quanto leggo penso sia più corretta una vs revoca piuttozto
> che una sua rinuncia dal momento che il disagio lo denotate voi, inoltre
> se il tecnico rinuncia senza motivi rischia di perdere l'onorario,
> quindi dubito che lo farà
> la prima cosa da fare è cercare un altro
> professionista che sia disposto a subentrare altrimenti il cantiere rimarrebbe
> fermo, quindi passare al passaggio di competenze cosa non del
> tutto automatica in quanto ci sono due diversi modi di comportarsi in
> tema di correttezza professionale.
> molti infatti pensano di on poter
> accettare fin quando non si sono chiusi i rapporti col collega (onorari
> compresi).
> altri (tra i quali io) ritengono che il nuovo professionista
> abbia il solo obbligo di comunicare la rimozione del collega ma
> senza entrare nel merito degli onorari che vanno regolati indipendentemente.
> in
> ogni caso dovrete comunicare la revoca dell'incarico (questo
> lo potrebbe fare per voi il nuovo tecnico) prima di accettare l'incarico
> e determinare quali opere (e onorari) siano di competenza del primo
> tecnico e quali saranno affidate al nuovo.
> il nuovo tecnico una volta
> assunto l'incarico formale comunicherà agli enti di controllo la
> sostituzione del tecnico responsabile delle opere.
> in caso di contestazione
> degli onorari ci si può sempre rivolgere al collegio di competenza
> che determinerà gli importi spettanti al professionista in caso ancora
> di contestazione non resta che la causa
> mi permetto un opinione
> ovvero cercare di evitare irrigidimenti poiché diventerebbe più complicato
> per il nuovo tecnico subentrare sia per i motivi deontologici che
> ho scritto sopra sia per eventuali resistenze del primo tecnico nel passaggio
> delle informazioni (e documenti) sulle attività da lui svolte.
> per
> questo penso sia saggio lasciare sia il nuovo tecnico a gestire
> i rapporti almeno solo quelli tecnici così da evitare resistenze, per
> gli onorari penso che difficilmente accetterà (sempre per motivi di correttezza
> professionale) e dovrete gestirle direttamente.
> spero di essere
> stato chiaro


si capisco il tuo discorso. l'onorario del tecnico uscente è già stato tutto saldato per il lavoro compiuto, rimangono solo le ritenute a garanzia ma dato i problemi che sono costretto a sostenere l'onere di una nuova variante,non so se è il caso di dargliele.

chiaramente la mia intenzione è quella di chiudere mantenendo dei buoni rapporti,se non fosse possibile non potrò farci nulla.
   
Robby
9 Mar 2014, 18:57

salve
beh la me opere in variazione chi le ha decise? se sono state decise da voi è ovvio che la variante sia a vs carico.
per esperienza so che una variante si fa praticamnte sempre.
in ogni caso io guarderei la cifra finale che chiede e valuterei se sia il caso di uscirne in fretta piuttosto che affrontare una situazione che potrebbe incancrenrsi.
per esempio lui dirà sicuramente che la variante è resa necessaria per opere richieste da voi e diventa difficile stabilire se sia sua responsabilità.
viceversa una volta determinata la cifra che chiede potrete sempre farla controllare (magari dal nuovo tecnico) se sia equa e decidere se sia meglio accettare o rifiutare.
in caso che l'accordo non si raggiunga c'è la prospettiva di una causa che non so se valga la pena se la cifra è limitata a poche centinaia di euro.
per questo motivo lascierei perdere tutti i dicorsi di diritto ma mi concentrrei sul vile denaro e se si tratta di una cifra ragionevole valuterei il vantaggio di un cattivo accordo piuttosto che una sentenza (forse) favorevole.
cordialmente
Messaggi 17 di 17


Marmomacc
Yokis

Axolute Monochrome