Infinium
Carrello 0
Il Forum di Edilportale

costruire su confine con il principio di prevenzione

Messaggi 7 di 7
Visite 2013
   
francesco
5 Lug 2014, 12:09

sono in procinto di ottenere un permesso di ampliamento della mia civile abitazione, ora ampliandomi devo costruire a confine sfruttando il principio di prevenzione casa del vicino a distanza sopra i 10 mt.
la domanda è questa può il vicino farmi causa e ottenere ragione per avergli costruito un muro di circa 8 m sul confine pur avendo ottenuto il permesso dal comune ?
la seconda domanda può il vicino impedirmi durante la costruzione di mettere dalla sua parte l'armatura per mettere in sicurezza il cantiere ?
grazie anticipamente
   
Robby
5 Lug 2014, 12:42

salve
i permessi comunali sono sempre rilasciati "salvo diritti di terzi" per cui il vicino può sempre intraprendere azioni atte alla tutela di quelli che ritiene propri diritti.
c'è una tendenza molto forte della magistatura ad affermare che il comune abbia l'obbligo di tenere in considerazione eventuali diritti di terzi e negare l'eventuale permesso in caso di diritti di terzi, ma non è risolutivo. in altre parole il permesso comunale non garantisce l'assenza di questo tipo di diritti, e tacitare il confinante
il comune infatti è a tutela del diritto urbanistico (e interviene nella repressione di questo tipo di violazioni) mentre il diritto di terzi è privatistico ovvero viene regolato tamite azione privata e non con l'intervento comunale (in casi di reperessione a violazioni urbanistiche)
rimane più delicato il fatto se un una norma di diritto urbanistico) possa essere interpretata anche come dirittoo di terzi, ossia se un confinante possa intraprendere una azione privata (di terzi) per presunta violazione alle norme di piano regolatore.
personalmente penso (chiedo venia agli avvocati se invado le loro competenze) che il confinante in caso di presunte violazioni allo strumento urbanistico "non" possa sostituirsi al comune (intraprendendo una azione diretta considerandolo diritto di terzi) ma in qunto cittadino possa denunciare al comune la violazione e in caso di inerzia comunale denunciare quest'ultimo per omissione di atti d'ufficio
cordialmente
   
francesco
5 Lug 2014, 13:14

quindi potrebbe essere denunciato il comune per avermi rilasciato il permesso secondo il mio geometra se la distanza dell'edificio del vicino e superiore di 10 mt dalle pareti finestrate si può costruire a confine anche senza chiedere il permesso al vicino però io non volevo trovare beghe devo essere sicuro che non mi fermi i lavori
   
Robby
5 Lug 2014, 16:51

salve
beh direi improponibile la strada della denuncia al comune siamo in italia e i comuni hanno sempre ragione anche quando hanno torto
tanto per essere chiuari su un caso concreto sto curando (come ctp) una causa di una denuncia di un vicino per una presunta lesione normativa per un progetto di un mio collega. il progetto ha ottenuto parere favorevole e relativo permesso, è stato eseguito sopraluogo durante i la vori da parte del tecnico comunale (si denuncia del vicino) verbalizzando il rispetto alla normativa. nella causa pormossa dal vicino (che invoca la presunta lesione alla mnorma urbanistica come diriitto di terzi) il comune (e tecnico che esguì il sopraluogo certificando la regolarità) non non sono stai nemmeno menzionati. il ctu su mia osservazione che un tecnico comunale ha verbalizzato la regolarità ha detto che lui si attiene alle norme scritte. questo per chiarie il concetto.
relativamente ai rapporti di vicinato io personalmente cerco sempre in questi casi di trovare un accordo prima anche quando so che mi è permesso, questo evita spesse volte di fare congelare i rapporti e nel caso perggiore almeno so le intenzioni del vicino e so a cosa posso andare incontro
cordialmente
   
francesco
20 Mag 2015, 11:42

facendo una chiacchierata con il vicino ho visto proprio l'intenzione di opporsi in qualsiasi maniera al muro di confine quello che voglio dire è se ha possibilità di fermarmi lo farà quello che volevo sapere se ci sono i presupposti ottenuto il permesso comunale rispettando il c.c. cosa altro posso fare per garantire la mia costruzione sia definitiva senza pensare che instaurando una causa me la possa far rimuovere in qualsiasi momento ? grazie
   
Robby
20 Mag 2015, 20:25

salve
una regola non scritta stabilisce che se uno vuole litigare trova sempre il modo di farlo e non si può far altro che difendersi.
la cosa migliore è quella di porsi in situazione di ragione in modo che eventuali azioni del vicino vadano incontro a sconfitte.
non ci sono regole generali ed ogni zona ha le proprie, i famosi strumenti urbanistici, ma in tecnica edilizia i dubbi e le incertezze sono la norma, il caso che ho riportato lo conferma (lo stesso ctu concordò con me che ci saremmo cascati anche noi)
per questo motivo sarebbe opportuno sottoporre il problema ad un tecnico del luogo che analizzerà il caso specifico con l'esperienza e la professionalità adatta al luogo.
lo scopo è che se il vicino volesse invocare un diritto di terzi (che può sempre farlo) ottenga un rigetto
spero di essere stato chiaro
cordialmente
   
francesco
21 Mag 2015, 12:23



su questo a ragione però l'unica strada da intraprendere per il vicino e la causa civile l'esito non è scontato per nessuno e due quindi vorrei sapere se il giudice mi da torto è possibile la demolizione quando ho rispettato tutte le normative grazi
Messaggi 7 di 7


 
SIKA MONOTOP-441 UNIKA
Viessmann

Lapitec

Infinium