The Competition Headlines Examples Announcement Jury Press-Room Reserved-Area


Comunicato stampa

Aggiudicazione del concorso internazionale di idee

Edilportale.com premia le unità abitative del futuro

  Annunciati i vincitori del concorso LIVINGBOX, prima competizione mondiale di design per progetti di casa modulare prefabbricata. Primo posto pari-merito allo studio tedesco Architekturbüro [lu:p] ed all’italiano Alessandro Baldo, terzo classificato il designer coreano Minsung Kim. Successo senza precedenti per un concorso di design interamente organizzato sul web: 2.500 iscritti da tutto il mondo ed oltre 1.000 progetti partecipanti alle selezioni finali, per un totale di 65 diverse nazioni rappresentate.

  Bari, 8 maggio 2006 – Aggiudicati i premi per il concorso internazionale di design ‘Living Box – la casa del futuro’, la prima competizione mondiale dedicata al tema della casa modulare prefabbricata.

  Il concorso, lanciato lo scorso maggio dalle pagine di www.edilportale.com, ha affrontato il tema dell’unità residenziale prefabbricata, una ‘casa-scatola’ abitabile in forma temporanea o come residenza permanente - capace di unire architettura e design in uno spazio funzionale limitato ma curato in ogni minimo dettaglio. Due le soluzioni tipologiche a disposizione dei concorrenti: nella prima il prototipo di ‘Living Box’ poteva nascere da un blocco pre-assemblato in fabbrica, realizzato nelle dimensioni massime di un container in modo da poter essere trasportabile via mare-terra anche su grandi distanze e già pronto per essere abitato; nella seconda tipologia le idee progettuali potevano sfruttare l’assemblaggio in opera di piccoli elementi prefabbricati, una sorta di casa-kit realizzabile tramite semplici innesti “a secco” dei componenti. L’unità modulare poteva infine essere proposta in modalità singola o aggregata in più esemplari, a formare veri e propri ‘Living Box Village’ adatti alla vita di comunità omogenee (ad esempio residenze per studenti).

 

I progetti vincitori

PRIMO CLASSIFICATO (ex-aequo)

“Living Box” - di Reneè Lorenz, Architekturbüro [lu:p]- (Germania)

PRIMO CLASSIFICATO (ex-aequo)

"Mokka" – di Alessandro Baldo - (Italia)

TERZO CLASSIFICATO

"The Hive" – di Minsung Kim (Corea)

http://www.edilportale.com/livingbox/livingbox.asp

 

Le motivazioni della giuria

  Una serie di punteggi indipendenti ha permesso ai giurati di valutare ogni progetto secondo una severa matrice di parametri. I vincitori hanno dunque dovuto dimostrare di eccellere in qualità architettonica, funzionalità degli spazi interni, comfort abitativo, idoneità strutturale, fattibilità industriale della soluzione, trasportabilità, aggregabilità dei moduli, sostenibilità e riciclo dei materiali utilizzati. Al termine delle valutazioni degli oltre 1.000 progetti pervenuti – in cui i voti sono stati raccolti attraverso sessioni web in tempo reale da giurati residenti in europa, asia ed america - la giuria ha unanimemente concordato per una vittoria ex-aequo.

  Il primo dei due vincitori pari merito è risultato lo studio tedesco Architekturbüro [lu:p], composto da sei designer con Reneè Lorenz capogruppo. Il loro progetto di “Living Box” ha saputo valorizzare al meglio la tipologia a piccoli elementi pre-assemblati, immaginando l’unità abitativa quale unione affiancata di elementi sezionali plastici prestampati, tutti perfettamente identici nel profilo ma ognuno contente un diverso modulo funzionale (cucina, servizi, letto etc..). Semplicità e linearità, massima flessibilità nelle permutazioni dei moduli precostruiti (pressoché infinite), unite alla facilità di produzione e trasporto sono stati giudicati come gli elementi di forza del progetto meritevoli dell’oro.

  Primo premio anche per il progetto “Mokka” di Alessandro Baldo, giovane designer di Bassano del Grappa, che a parere dei giurati ha interpretato al meglio la tipologia del Living Box a “blocco unico”. Semplificando al massimo il linguaggio formale, Baldo affronta senza mezzi termini l’oggetto “container”, proponendone una versione ‘modificata’ con il segmento centrale delle pareti longitudinali ruotabile ‘a portiera’ verso l’esterno. Le rotazioni ampliano lo spazio centrale ‘living’ del container aprendolo contemporaneamente alla luce laterale, mentre ai due estremi ciechi del blocco rimangono intelligentemente delegate le funzioni tecniche di bagno e cucina.

  Ad aggiudicarsi infine il terzo piazzamento il progettista coreano Minsung Kim, con una proposta che sfrutta al meglio l’aggregabilità dei moduli abitativi. Con “The Hive” ( l’alveare) Kim propone un modello di unità semplice, basata su un monovano a pareti longitudinali vetrate e setti trasversali opachi per la separazione tra le zone a diversa destinazione. Il prospetto di forma esagonale compressa, ed una posa leggermente arcuata in pianta permettono ai moduli affiancati interessanti soluzioni di aggregazione multipiano, sia a sviluppo lineare che circolare chiuso.


Oltre ai tre migliori progetti, menzioni speciali per 12 progetti che si sono distinti per originalità delle soluzioni proposte e segnalazioni per ulteriori 38 progetti.

Menzioni speciali

Per aver saputo interpretare al meglio l’oggetto del bando, centrando il tema della residenza modulare sia in termini di confort abitativo che armonia tra architettura e design dei piccoli spazi, la giuria ha assegnato una menzione speciale ai seguenti dodici progetti:

Marc gaudreau - GBN architecture (Canada), Zenkov Oleg (Russia), Eugene Cheah + Celine Lim (Australia), Balint Kadar - Memo (Ungheria), Roberto Bologna - Gruppo TAU - (Italy), Francisco Vidal - B+V (Argentina), Baires Raffaelli - BrrE architects - (Italy), Giuseppe Mecca - (Italy), Kizis Costandis - Puzzle (Grecia), Stefan Consoir - SALC (Germania), Aleksander Oniszh - SLOG (Polonia), José Luis Lorenzo Alzola Arquitecto (Spagna)

http://www.edilportale.com/livingbox/livingbox.asp



Segnalazioni

Per originalità e cura nel dettaglio delle soluzioni presentate, hanno meritato una segnalazione i seguenti trentotto progetti:

Dong Joon Lee - Stocker Lee Architetti (Svizzera), Mark Ashby (Canada), Andreas Wenning - Baumraum (Germania), Riccardo Pavone, Luca Sallustio - "AUS_INVADERS" - (Italy),Matteo Pastega (Italy), Toshiya Kogawa - KAAD (Regno Unito), Luca Pastorini - Benatti+Pastorini architetti (Italy), Metrocúbico - Taller de arquitectura (Argentina), Ambra Zotti - SUPER FLASH (Italy), Paolo Brunelli - 2PV (Italy), Marzio Clementi - MRT arquitectes (Spagna), Filippo Petrucci (Italy), Yaroslav Usov Architect (Russia), Gonzalo Moreno de la Fuente - Frogstudio (Argentina), Robert Watson - Watson architecture + design (Australia), Michele Rossa - P+R STUDIO (Italy), Paolo Leoni - arch|Teck (Italy), Vladan Nikolic - V&O Arch (Iugoslavia), Alessandro Maiolatesi - cap03 (Italy), Marcus Martinez - RiOT Collaborative Studio (Stati Uniti), Jan Domin - pilot 21 (Germania), Marina Obvintseva Architect (Russia), Edgar Alvarez (Messico), Kliment Ivanov (Bulgaria), Marco Colombo (Italy), Vladimir Garanin (Russia), Eddy Antonello - Joevelluto associati (Italy), Ryan Meador - PRAXiS (Stati Uniti), Andrea Kopár (Ungheria), Camilo Cerro (Stati Uniti), Apostolos Tsivolas, Architect (Grecia), Johannes Stüler Stühaus (Germania), Simone Lorenzoni - Cavallo_lorenzoni_paris_design (Italy), Alex Schulz - SG Space Concepts (Germania), Zhu Yunwei - SAUHAUB DESIGN (Cina), Luke Petty LJGK (Regno Unito), Hermann Nussdorfer - Zwischenraum (Austria) , Yigit Ozer - Group BOSPHORUS MEMBERS (Turchia)

http://www.edilportale.com/livingbox/selected.asp

 

I premi

I primi due classificati ex-aequo riceveranno ciascuno un premio di 2.000 euro ed una suite di software tecnico Acca Software per un valore complessivo di oltre 8mila euro. Al terzo classificato un premio di 500 euro.

La giuria

I progetti vincitori sono stati selezionati da una giuria internazionale di 15 elementi composta da progettisti e designer provenienti da diverse parti del mondo. Oltre ad esperti in materia di progettazione modulare prefabbricata e rappresentanti del mondo accademico (tra i partner il BEST del Politecnico di Milano), in commissione compaiono anche i nomi dei designer che hanno già sperimentato le possibilità industriali della prefabbricazione in ambito residenziale, giungendo già a commercializzare con successo mondiale i primi prototipi.

Un successo senza precedenti

Con un successo di partecipazione senza precedenti per un concorso di design indetto in Italia, il bando ha raccolto oltre 2.500 iscrizioni giunte da oltre 65 paesi. Sono stati oltre 1.000 i progetti presentati che superando i requisiti del bando hanno potuto concorrere alle selezioni finali. Tutte le fasi del concorso, dall’iscrizione alla trasmissione degli elaborati fino alla votazione delle giurie internazionali si sono svolti su una piattaforma internet, permettendo un dialogo di idee provenienti da ogni angolo del mondo.

I commenti

"Il concorso ha pienamente raggiunto il suo vero intento: quello di suscitare una rinnovata curiosità ed interesse sul tema della residenza modulare prefabbricata, chiamando a raccolta migliaia di architetti, ingegneri e designer in una libera competizione di idee" - racconta Vincenzo Maiorano, direttore tecnico di Edilportale.com e coordinatore del concorso. "Dopo le sperimentazioni degli anni settanta, l'unità abitativa prodotta industrialmente sembra infatti aver riscoperto a livello mondiale una seconda giovinezza, forse perché oggi in grado di fondere l’eleganza del design contemporaneo alle nuove esigenze del benessere abitativo. Suscita curiosità nei designer e sopratutto sta incontrando un altissimo interesse del mercato, grazie ad un abbattimento di costi che permette di realizzare residenze di alta qualità con prezzi più che dimezzati rispetto ad una unità immobiliare tradizionale. Il riscontro senza precedenti ottenuto dal concorso sembra confermare questo interesse".

“I progetti decretati dalla giuria come vincitori sono quelli che tra gli altri sono riusciti a meglio interpretare il contrasto stabilità/provvisorietà dell'unità modulare, unendo originalità architettonica, comfort, consumi contenuti e reale possibilità di realizzazione su scala industriale" - dichiara ancora Maiorano. "Un plauso particolare va all’incredibile numero di progetti di qualità pervenuti da ogni continente. Tantissime le soluzioni di valore, in cui architetti e designer, con approcci originalissimi, sono riusciti ad elaborare il concetto di casa-scatola trasformandola in vero e proprio pacchetto abitativo completo e perfettamente adatto al benessere ed allo stile di vita contemporaneo”

Oltre il concorso

L’assegnazione dei premi è solo il primo atto di una serie di eventi legati al concorso Living Box. Sono infatti previste una serie di iniziative già a partire dalla prossima settimana, quando le tavole del progetto verranno esposte presso la 3a Conferenza Internazionale I-Rec "Post-disaster Reconstruction", di Firenze. Una’esposizione temporanea dei migliori progetti verrà presentata al Saie di Bologna 2006 ed alla fiera Build-Up presso i nuovi padiglioni della fiera di Milano.

L’entusiasmo raccolto dall’iniziativa ha spinto gli organizzatori alla realizzazione di un vero e proprio sito Internet interamente dedicato alla progettazione modulare. www.livingbox.it raccoglie già da oggi le oltre 6mila tavole dei progetti partecipanti al concorso, una rassegna stampa internazionale dedicata al Living Box, gli esempi di unità modulari prodotte industrialmente e già commercializzate nel mondo.

Diventa inoltre concreta la possibilità per i progetti vincitori di sperimentazione su scala industriale del prototipo progettato, in collaborazione con i partner industriali sponsor del concorso: Rockwool, Ursa, Sebach, Aermec, Europa Metalli e Corimec.

La casa modulare: una sfida per l’abitazione del futuro

Associata per anni alla standardizzazione di massa, la residenza abitativa seriale sembra oggi essere ritornata sul mercato nelle vesti di vera protagonista, grazie al lavoro sperimentale di architetti e designer che negli ultimissimi anni ne hanno riscoperto le grandi potenzialità investendo in soluzioni raffinate, grande cura dei materiali e innovative soluzioni per il comfort abitativo. Un vero e proprio fenomeno industriale che negli Stati Uniti, Giappone e Nord Europa sta occupando le prime pagine delle maggiori riviste di architettura e design.

Tra gli architetti che negli ultimi mesi hanno inaugurato nuove linee di produzione e creato nuovi marchi di kit-houses in varie parti del mondo non mancano i nomi eccellenti. Da James Cutler, l'architetto di Bill Gates, a Michelle Kaufmann, stella nascente dello studio di Frank Gehry. E dietro il fenomeno già cresce una nuova generazione di super specializzati archi-designer. Rocio Romero, architetto californiano, a 32 anni è già autrice di una serie di modelli di prefab-house venduti in qualche centinaio di esemplari in tutto il mondo. "Con il Living box, riusciamo ad applicare le tecniche tipiche del design industriale all'architettura residenziale: la concentrazione sul dettaglio è massima e la ricerca su materiali e sulle componenti architettoniche sperimentali è giustificata dall'alto numero di esemplari realizzabili, come in un processo di industriale per la realizzazione di un auto" - racconta Romero, che è tra i membri della giuria del concorso. "La serialità dei componenti costruttivi abbatte il prezzo di produzione permettendoci di fornire materiali e dettagli di altissimo pregio a costi estremamente ridotti ed accessibili ad un più ampio numero di persone".

"La scelta di tipologie, modelli, varianti di arredi è già eccellente, la percezione di personalizzare la propria residenza è del tutto paragonabile ad un acquisto classico" – ha dichiarato l'architetto americano Michael Graves in una intervista su Time dello scorso ottobre. "Il prezzo, dalla metà fino ad un terzo di quello tradizionale, convince anche gli scettici. E sono già migliaia gli americani che hanno ordinato la propria residenza da un catalogo e se la sono vista recapitare da un camion".

In Europa tale idea è già divenuta realtà presso lo studio dell'architetto tedesco Werner Aisslinger, autore del ormai famoso Loftcube, la mini-abitazione modulare che ha fatto la sua comparsa sulle terrazze più esclusive della nuova Berlino stravolgendo il concetto di super-attico contemporaneo. "Il Living Box forza la figura dell'architetto al di fuori del semplice ruolo di progettista dell'opera, integrandola con quella del produttore/imprenditore" - dichiara Aisslinger. "È l'unico modo per curare ogni singolo dettaglio, e il tutto il design contemporaneo è fatto di dettagli. Poter estendere questa cura ad un'intera unità abitativa è per noi designer un sogno che sta diventando realtà".

Lusso estremo a costi contenuti anche nei prototipi di Frank Thoma, altro imprenditore tedesco in giuria che da meno di due anni produce case prefabbricate di raffinato design e le vende in tutto il mondo, dalla Germania alla Malesia. Ma non mancato esempi di successo anche tra chi sceglie la strada del low-cost, come per lo studio olandese De Vijf che ha scelto per i propri modelli 'Space Box' l'utilizzo dei materiali facilmente reperibili quali plastica e legno. Il prototipo olandese è diventato una soluzione compatta ed economica perfetta per la costruzione di residenze universitarie che ha permesso allo studio di aggiudicarsi lavori per numerosi campus europei. Per De Viijf la chiave del successo è stata l'ottimizzazione estrema degli spazi e la facilità di aggregazione di moduli.

 

I numeri di Living Box Design Competition

2.570 progettisti partecipanti

1.048 progetti presentati

6.806 tavole inviate

12 gigabytes di file trasmessi via internet

65 paesi rappresentati

500mila visitatori del sito www.livingbox.it in un anno

 

...........................................................................................................................................................

Maggiori informazioni

La press room del concorso, nella quale sono stati raccolti i contenuti multimediali del concorso e materiale ad alta risoluzione è disponibile per i media presso il sito web ufficiale del concorso Living Box:

http://www.livingbox.it

Il materiale pubblicato sul sito comprende:

  • comunicato stampa dell’ aggiudicazione dei premi del concorso Living Box (italiano ed inglese)
  • elenco completo dei progetti premiati nell’ambito del concorso
  • i progetti vincitori, con schede curriculum e foto dei progettisti
  • tavole ad alta definizione dei progetti vincitori e di tutti partecipanti, con motore di ricerca
  • logo del concorso, degli sponsor e dell’organizzatore ad alta definizione
  • composizione della giuria e curriculum dei giurati
  • comunicati stampa del lancio del concorso
  • rassegna stampa e recensioni del concorso
  • foto di realizzazioni e di prototipi commerciali di case modulari prodotte nel mondo

Referente stampa per i media:

Ing. Vincenzo Maiorano
Concorso Internazionale Living Box / Living Box Design Competition

Edilportale.com SPA
via Guarnieri 24, 70126 Bari - Italy
tel. +39 080 554.35.53
fax: +39 080 541.76.32
maiorano@edilportale.com

- - -

Il concorso internazionale di design "Living Box: l'unità abitativa del futuro" è un’iniziativa di www.edilportale.com il portale italiano leader dell’architettura e delle costruzioni, con il patrocinio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, del BEST - Politecnico di Milano ed in collaborazione con Rockwool, Ursa Italia - Gruppo Uralita, Sebach, Aermec, Europa Metalli Corimec ed Acca Software.

www.edilportale.com è il portale internet dedicato agli operatori e alle imprese del comparto edilizia ed architettura. Punto di riferimento per l'informazione di settore, Edilportale.com raccoglie intorno a sè una community di 140mila progettisti abbonati e di oltre 70mila lettori quotidiani. Tra i servizi offerti: notiziari curati in tempo reale dalla propria redazione tecnica, cataloghi interattivi di prodotti ed aziende, banche dati gratuite su normativa, appalti, concorsi, prezzari, progetti.







in collaborazione con
© Copyright 2006 Edilportale.com SpA - All Rights reserved.
All materials contained on this site, including text, graphics and audiovisual works, are property of Edilportale.com SpA or its content suppliers and are protected by italian and international copyright laws. You may not reproduce, modify, distribute or republish materials contained on this site without our prior written permission.