Carrello 0
Domus Circular per il Salone del Mobile
AZIENDE

Domus Circular per il Salone del Mobile

di
Commenti 3068

Lo Stadio di San Siro si trasforma in una piazza pubblica

Commenti 3068
18/04/2005 - Performance, interventi, spettacoli, concerti, incontri in una straordinaria ‘notte bianca allo stadio’ con domus. L’annuale evento domus durante il Salone del Mobile quest’anno si è svolto allo Stadio San Siro nella notte di giovedì 14 Aprile- dalle 6 di sera alle 6 della mattina successiva- e si è intitolata Domus Circular. L’idea è di domus, la più autorevole rivista italiana di architettura, design, arte e informazione, e del suo direttore, l’architetto Stefano Boeri che spiega così l’evento: “Per un’intera notte lo stadio di calcio più importante d’Europa si trasformerà in una piazza pubblica, aperta ai comportamenti e ai gusti imprevedibili di chi vorrà seguire una serie di eventi che si accenderanno e si spegneranno come fiamme temporanee”. L’iniziativa intende suggerire nuovi e inattesi modi di abitare uno spazio così importante nella vita milanese e dimostrare la straordinaria potenzialità e permeabilità di questo grande edificio contenitore. L’evento si è svolto come nelle stripes disneyane: dagli anelli portanti ove si passeggiava ammirando una suggestiva vista su Milano, al prato attrezzato per una simpatica e coinvolgente installazione dei Kinkaleri, all’inaccessibile Executive Lounge sede di interventi di Hans Ulrich Obrist, Lea Vergine, Piero Gilardi, Nicholas Borriaud, Stefano Cascinai, Alessandro Mendini, Maria Grazia Mazzocchi. Musica ad alto volume sugli spalti in certe ore, musica a volume zero in altre (previsto un momento di "ballo silenzioso" perché la musica doveva scaturire solo dalle auricolari indossate dai presenti, se si erano ricordati di portarle da casa loro), postazioni di dieci giovani creatori intorno, giochi di luci, film inediti, spuntini caldi, DJ da tutto il mondo, racconti dei designer e urbanisti... questo e altro ancora per dodici ore che hanno trasformato un luogo di guerriglia con intervalli di sport in un luogo di espressioni creative. Per diffondere musica dentro e fuori allo stadio si è fatto ricorso ad un PowerBook Titanium con tanto di iTunes acceso, accomodato sul banco regia, per l'occasione posto in uno dei corner sotto la curva sud. A mezzanotte e mezza poi tutti nel garage sotterraneo non per ammirare le Porsche, le BMW e le Jaguar di calciatori e presidenti ma per ballare fino alle 6 del mattino con la TDK Dance Marathon. Tra una pasta calda e una birra (spesso gratis con gli inviti giusti), c'erano personaggi e gruppi del mondo dell'architettura, dell'arte, della cultura e della musica: Pietro Pirelli/Agon, Matthew Barney, Elisabetta Benassi, Carlos Casas, Cao Fei, Giuseppe Ielasi, Natalie Djurberg, Jimmie Durham, Yona Friedman, Alejandro Jodorowsky, Kinkaleri, ogi:noknauss, Thomas Köner, Arto Lindsay, Armin Linke, Marcello Maloberti, Pedro Reyes, Luca Vitone. Sono stati coinvolti in Domus Circular, l'Interaction Design Institute di Ivrea e il Central Saint Martins College of Art and Design di Londra, Domus Academy, Naba-Nuova Accademia di Belle Arti Milano e l'Università IUAV di Venezia. Mario Nuzzolese
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui