Maxxiphon

Nasce a Milano ‘Parco Adriano’, una nuova città nel verde

Il masterplan del progetto porta la firma dell’arch. Paolo Caputo

Letto 25931 volte

20/06/2007 - Nasce a Milano una nuova città nel verde. Si tratta del progetto “Parco Adriano”, destinato a sorgere su un’area di circa 500mila metri quadrati un tempo occupati dagli stabilimenti industriali della Magneti Marelli. Il complesso intervento di riqualificazione urbana, promosso in joint venture da Aedes a Gefim, porta la firma del prof. arch. Paolo Caputo che ne ha realizzato il masterplan, e dell’arch. Valentino Benati che ha affiancato l’arch. Caputo per la parte Marelli. Cardine del progetto sarà un parco pubblico di 155mila metri quadrati progettato dall’arch. Franco Giorgetta.

Progetti correlati

PARCO ADRIANO
Milano, 2007

PARCO ADRIANO

Caputo partnership

TORRE CAPUTO
Milano, 2007

TORRE CAPUTO

Caputo partnership

TORRE ANTALJA
Milano, 2007

TORRE ANTALJA

Benati Valentino

RESIDENZA AQUITANIA
Milano, 2007

RESIDENZA AQUITANIA

Benati Valentino

Parco pubblico
Milano, 2007

Parco pubblico

Giorgetta Franco


Dei complessivi 500mila mq, circa 306mila sono di competenza di Aedes e Gefim (area Marelli – Adriano), mentre la superficie restante è gestita dal Gruppo Pasini (Adriano – Cascina San Giuseppe).
Parco Adriano, situato nei dintorni tra viale Monza ed il Parco Lambro, accoglierà residenze, strutture commerciali, per il terziario e per il tempo libero.
L’area residenziale occuperà una superficie complessiva di 168mila mq, mentre un’area di 18mila mq accoglierà un complesso di piazze, corti, percorsi alberati e piste ciclabili. Sono inoltre previste strutture pubbliche per ulteriori 16mila mq, tra cui un asilo di 1800 mq progettato dall’arch. Magistrette, un centro per anziani, un centro culturale ed una residenza universitaria. Le strutture per il tempo libero si estenderanno su una superficie di 22mila mq, con un centro per lo sport dotato di 3700 mq di piscine e centri benessere. Le strutture ad uso commerciale occuperanno infine un’area di19mila mq.

L’immersione nel verde dei parchi ed un’attenta organizzazione degli spazi pubblici per un elevato standard di comfort e socialità costituiscono l’idea centrale dell’intervento.
Le soluzioni innovative relative agli impianti tecnologici, quali ad esempio la creazione di un impianto di cogenerazione per il contenimento energetico e l’interramento di due elettrodi, sono inoltre prova di una spiccata sensibilità verso l’ambiente e verso la qualità dell’abitare.

Tratto distintivo del futuro quartiere milanese una serie di torri destinate a diventare il landmark del nuovo complesso.
L’arch. Caputo, autore del masterplan complessivo e del centro commerciale, ha realizzato il progetto per una torre residenziale di 77 metri di altezza distribuiti su 27 livelli.
“Il progetto - spiega l’arch. Caputo - trova la sua analogia compositiva e formale nella doppia elica del DNA. Una concatenazione sequenziale e ripetitiva di elementi aggettanti che ampliano gli spazi interni delle unità abitative. L’edificio ha una struttura compositivo volumetrica molto semplice e al temo stessa varia ed articolata; un insieme di elementi volumetrici primari e secondari scanditi longitudinalmente dal piano delle terrazze”.

“La struttura di base della torre è data da un corpo principale rettangolare, da balconate perimetrali che formano anelli ad ogni livello e da volumi aggettanti.
La combinazione tra la staticità degli elementi edilizi di base, corpo di fabbrica e balconi, e gli elementi aggettanti che seguono una propria regola, ma palese, danno vita ad un edificio con una immagine dinamica ma al contempo composta ed equilibrata”.

Una seconda torre residenziale porta invece la firma dell’arch. Benati, autore anche del progetto di ulteriori edifici residenziali all’interno dell’area.
La torre progettata da Benati si sviluppa su 22 piani fuori terra – oltre al pian terreno e 3 piani interrati – per un’altezza complessiva di 72 metri.
Nucleo portante dell’edificio è un sistema centrale di collegamenti verticali composto da scale a prova di fumo e da 4 ascensori. Ad esso sono affiancati due parallelepipedi a base rettangolare slittati a baionetta sull’asse nord–sud che contengono complessivamente 110 appartamenti .
L’andamento verticale dell’edificio è poi scomposto dalle connessioni dei grandi balconi e dal progressivo restringimento della superficie dei piani.
Elementi orizzontali che sporgono sulla facciata proteggono la struttura dagli agenti atmosferici.

Il parco, progettato dall’arch. Giorgetta, ha una forma quadrangolare ed è organizzato secondo un doppio sistema incrociato di assi cui corrispondono due differenti tensioni caratterizzanti il parco: in senso trasversale si sviluppa una caratteristica di crescente qualità urbana verso le estremità che si incuneano e si allacciano alle parti costruite, mentre l’asse sviluppato nell’altro senso è contraddistinto da una relativa naturalità e spazialità, e in esso si collocano le aree adatte ad attività ricreative nella natura.
Al centro, incrocio e coniugazione delle due parti, vi è la zona più ampia e aperta: il grande prato, con grandi alberi isolati, spazio di assoluta libertà. Questa parte costituisce il cuore del parco, quella che offrirà gli spazi più vasti e adatti alla fruizione per il riposo e lo svago - con attrezzature per la sosta, l’osservazione naturalistica, il gioco e le attività libere salutistiche (jogging, etc.) - lontana dagli effetti disturbanti del traffico e quasi protetta da questi, particolarmente da quelli acustici, anche dalla disposizione degli edifici che la perimetrano.

Il via ai lavori è atteso per fine settembre, e già dagli inizi di ottobre sarà avviata la commercializzazione di Torre Caputo, Torre Benati e della villa residenziale progettata da Benati. (riproduzione riservata)
Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Progetti correlati
PARCO ADRIANO - © Gruppo Aedes
PARCO ADRIANO - © Gruppo Aedes
PARCO ADRIANO - Centro commerciale (arch. Caputo) - © Gruppo Aedes
Italia -

PARCO ADRIANO

Caputo partnership
TORRE CAPUTO - © Gruppo Aedes
TORRE CAPUTO - © Gruppo Aedes
Italia -

TORRE CAPUTO

Caputo partnership
TORRE ANTALJA - TORRE II.3 (3)
TORRE ANTALJA - TORRE II.3 (4)
TORRE ANTALJA - TORRE II.3
Italia -

TORRE ANTALJA

Benati Valentino
RESIDENZA AQUITANIA - MARELLI  PLAN-GEN
RESIDENZA AQUITANIA - MARELLI  PLAN-GEN 1 ABC
RESIDENZA AQUITANIA - PT PLANIVOL
Italia -

RESIDENZA AQUITANIA

Benati Valentino
Parco pubblico - © Gruppo Aedes
Parco pubblico - © Gruppo Aedes
Parco pubblico - © Gruppo Aedes
Italia -

Parco pubblico

Giorgetta Franco
Inserisci un commento alla news

Non hai un account Facebook?

Clicca qui
I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news più precisa e completa.
Altri Commenti

ilham

veramente un grande progetto e mancava a milano un progetto moderno.... cemento e natura

Giulio

Gentile Luisa, chi compra lo sa. Chi compra non trova i soldi sotto i cavoli, dunque avrà fatto le proprie valutazioni. Chi compra preferisce avere del verde intorno piuttosto che il traffico traffico traffico che c'è nel restante 90% della metropoli, con le auto che ti sfrecciano sotto le finestre. I servizi che elenchi sono previsti dal progetto e chi compra sa che ci vorranno anni e petizioni perchè almeno la metà di quei servizi venga realizzata, ma la casa serve subito, dunque ben vengano nuove case a prezzi ragionevoli. Nel frattempo, chi compra prenderà i mezzi pubblici per recarsi a scuola, al cinema, in biblioteca o in piscina. Magari tu, gentile Luisa, aprirai un micronido, così chi compra potrà portare i propri bimbi da te. Ma forse tu abiti in Piazza San Babila, quindi per chi compra sarà un po' scomodo venire fino lì. Per inciso, San Babila chi compra te la lascia volentieri (zero verde, tanto traffico, ma probabilmente tante biblioteche). Ultima cosa: la fabbrica non "emette" più e l'elettrodotto serve ad illuminare la città , probabilmente anche te. Siamo a Milano, non in campagna. Saluti

luisa

lo sa chi compra che non c'è la scuola media, l'elementare san mamete è al masismo possibile, le materne sono tre e hanno liste d'attesa, come i due nidi con liste d'attesa? e cì che ci compra è giovane e fertile...ah,non c'è ambulatorio, nè auditorium, nè bibliotea, nè campi sportivi pubblici, tantomeno piscina....in compenso tanto tanto traffico auto, un'ipotesi di autostrada urbana mai abbandonata, un elettrodotto cancerogeno, una ditta chimica con emissioni al minimo fastidiose, le rotte degli aerei a bassa quota. a quanto il metro quadro?

Silvano

Sei interessato al piano di intervento su quest' area ? vieni su : http://it.groups.yahoo.com/group/ViaAdriano/

Corrado

Buon pomeriggio, leggendo il commento di Donatella, lo trovo pertinente e di auspicio ad una risoluzione del problema di viabilità di via adriano in direzione di via Padova, spero che questo nuovo agglomerato urbano porti ad uno sviluppo soddisfaciente della viabilità di tale strada. Sia la mattina che il pomeriggio sera per andare e tornare si perdono intere ore per fare poche centinaia di metri. Sperdo oltre di vedere i splendidi progetti di palazzi anche i progetti di nuove strade e infrastruttere pubbliche per rendere meno caotico il traffico su via Adriano. Grazie per l'attenzione

Donatella

bellissimo progetto ma qualcuno ha pensato alla viabilita'....? ora come ora il mattino via Adriano è impraticabile, mi chiedo a che ora dovrò uscire dopo per poter raggiungere via Padova? mi auguro che tutto il traffico non venga convogliato su via adriano perchè sarebbe un suicidio....vorrei che qualcuno provasse ora il mattino e forse si renderebbe conto......

cuchina

Sono una residente dei Loft che hanno costruito. Dove abito mi piacerebbe creare una famiglia e sapere che troverò in un futuro un paesaggio del genere e di poterlo condividere con i miei figli mi fa felice. Grazie ancora per questo progetto.

mauro

Ci volevano altri abitanti, altre automobili, tanto Milano non ha problemi di smog o sovraffollamento.....

NEWS IN TEMPO REALE?
ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI SOCIAL







NC-S 120 STH Linea Slim
Bticino BuildingBlog
Controsoffitti acustici
-15%
Questo è paesaggio. 48 definizioni
QUESTO È PAESAGGIO. 48 DEFINIZIONI

Prezzo: € 14

Offerta: € 11,9

-15%
Guida pratica alla progettazione. Con DVD-ROM
GUIDA PRATICA ALLA PROGETTAZIONE. CON DVD-ROM

Prezzo: € 78

Offerta: € 66,3

ECOSE Technology