Axolute Monochrome

Piemonte: pubblicato il bando per il nuovo palazzo della Regione

Le imprese di costruzioni avranno tempo fino al 18 gennaio 2010 per presentare le offerte

vedi aggiornamento del 04/03/2010
Letto 5908 volte

20/11/2009 - Scatta il conto alla rovescia per la posa della prima pietra del nuovo Palazzo della Regione Piemonte. Ad annunciarlo sono stati il 19 novembre la presidente Mercedes Bresso, il vicepresidente con delega al Patrimonio, Paolo Peveraro, l’assessore all’Urbanistica del Comune di Torino, Mario Viano, e l’architetto Massimiliano Fuksas, progettista della struttura.

Con la pubblicazione del bando di gara sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea è infatti incominciata la fase operativa: per presentare le offerte, le imprese di costruzioni avranno tempo fino al 18 gennaio 2010 ed entro lo stesso mese di gennaio si procederà all’aggiudicazione dei lavori. A questo punto il progetto potrà diventare realtà: il via libera ai cantieri è previsto entro maggio, mentre per vedere l’opera finita occorrerà attendere tre anni.
 
Una struttura pubblica di grandi dimensioni, pensata dalla Regione per raccogliere in un unico edificio le 40 sedi ora sparse su tutto il territorio cittadino, andando così a colmare una carenza organizzativa della macchina amministrativa. Non solo: con la costruzione del nuovo Palazzo notevoli saranno i riflessi economici, legati sia alla riqualificazione di un’area degradata che all’attivazione di investimenti che l’opera concentrerà su Torino e sull’intero territorio piemontese.
 
Oltre alla realizzazione del Palazzo nell’area ex Fiat Avio, il masterplan firmato dall’architetto Massimiliano Fuksas prevede inoltre un ampio intervento di trasformazione urbana che riguarda i terreni di proprietà di Rfi (Rete ferroviaria italiana) e quelli su cui sorge la struttura olimpica Oval. Coinvolti nel progetto sono pertanto anche il Comune di Torino e Rfi, con i quali la Regione Piemonte ha di recente firmato un accordo di programma. Il Palazzo, infatti, sorgerà in posizione strategica, vicino al Lingotto, in un’area ben servita dal punto di vista dei trasporti grazie alla stazione della metropolitana (ora in costruzione), alla presenza della ferrovia e infine al futuro collegamento alla tangenziale tramite il sottopasso di corso Giambone.
 
Notevoli i miglioramenti dal punto di vista ambientale: ipotizzando che almeno l’80% dei dipendenti della Regione utilizzerà i mezzi pubblici per andare al lavoro, si otterrà un risparmio di 11,55 tonnellate di anidride carbonica (CO2), che equivalgono a circa 3.000 tonnellate all’anno. La costruzione del grattacielo sarà il più grande cantiere pubblico d’Europa e l’intera operazione muoverà un giro d' affari stimato in 1,2 miliardi di euro, facendo crescere il Pil regionale dell'1%. Per realizzare la nuova sede degli uffici regionali, destinati a ospitare 2.700 dipendenti e 2-3.000 visitatori al giorno, l’ente ricorrerà allo strumento del leasing immobiliare in costruendo. Il costo dei lavori è stimato in 262 milioni di euro, ma il bando sarà aggiudicato secondo il criterio più basso offerto per il canone, comprensivo di quota capitale e interessi, previsto per una durata di 20 anni.
 

 
Fonte: Regione Piemonte (riproduzione riservata)
Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Progetti correlati
Palazzo della Regione Piemonte - Masterplan - © Studio Fuksas
Palazzo della Regione Piemonte - © Studio Fuksas
Palazzo della Regione Piemonte - © Studio Maggi/Moreno Maggi
Italia -

Palazzo della Regione Piemonte

Studio Fuksas
Inserisci un commento alla news

Non hai un account Facebook?

Clicca qui
I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news più precisa e completa.
Altri Commenti

Silvia

Speriamo che dall'alto, riescano a vedere quali sono i reali problemi della Regione Piemonte

Paolo

???????? sempre in inglese; scriviamo in italiano dove ci sono i termini. Infatti: Con il termine Master Plan si identificano - in genere - quelle strategie di indirizzo attraverso le quali, uno o più soggetti (pubblici o privati) delineano azioni di programmazione finalizzate all'ottenimento di un risultato atteso; è quindi una locuzione utilizzata, in genere, per indicare il coordinamento strategico di atti di programmazione altrimenti indipendenti. Nei paesi di lingua anglofona, invece, il Masterplan (almeno in campo urbanistico) coincide con quello che in Italia è il concetto di Piano Regolatore Generale o Piano Strutturale.

NEWS IN TEMPO REALE?
ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI SOCIAL







Yokis
Problemi di umidità? Chiama Volteco
Optima Reflex
Emmegi grigliati