Carrello 0
NORMATIVA

Nel 2011 detrazione del 55% in dieci anni invece che in cinque

di Rossella Calabrese
Commenti 89328

La Camera proroga fino al 31 dicembre 2011 il bonus fiscale per la riqualificazione energetica degli edifici

Vedi Aggiornamento del 22/12/2010
Commenti 89328
19/11/2010 - Sarà prorogata a tutto il 2011 la detrazione fiscale del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici.
 
La Camera ha infatti approvato la Finanziaria (Legge di Stabilità 2011) con l’emendamento che dà la possibilità di detrarre dall’Irpef il 55% delle spese per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici, sostenute fino al 31 dicembre 2011.
 
Unica modifica al bonus: la detrazione dovrà essere spalmata su dieci anni anziché su cinque. Non cambiano invece i tetti di spesa, le percentuali di detrazione e gli interventi ammessi.
 
Nel 2011 il bonus fiscale dovrebbe generare maggiori entrate Iva per 124,8 milioni di euro; dal 2012 (anno in cui si comincerà a detrarre le spese del 2011) la misura dovrebbe costare allo Stato circa 300 milioni di euro. Il costo complessivo per lo Stato, nei dieci anni di detrazione, sarà pari a 1,8 miliardi di euro.

IL TESTO DELL’EMENDAMENTO
“Art. 1 Comma 47-bis. Le disposizioni di cui l'articolo 1, commi da 344 a 347, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, si applicano, nella misura ivi prevista, anche alle spese sostenute entro il 31 dicembre 2011. La detrazione spettante ai sensi del presente comma è ripartita in dieci quote annuali di pari importo. Si applicano, per quanto compatibili, le disposizioni di cui all'articolo 1, comma 24, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e all'articolo 29, comma 6 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, della legge 28 gennaio 2009, n.2.”
 
LA VICENDA
La scorsa settimana il viceministro all’Economia, Giuseppe Vegas aveva annunciato che “la proroga al 2011 della detrazione Irpef del 55% sulle spese per l’efficientamento energetico degli edifici non trova spazio nella Legge di stabilità”. L’esclusione della proroga dalla Finanziaria aveva scatenato le proteste degli operatori dei settori interessati dal bonus, inducendo il relatore Marco Milanese ad affermare che il Governo avrebbe inserito la proroga del 55% nel decreto Milleproroghe; intenzione confermata dal viceministro Vegas.

Ma lunedì scorso, lo stesso Vegas ha annunciato che la proroga della detrazione del 55% sarebbe stata introdotta nella Finanziaria durante l’esame in Aula alla Camera. E infatti mercoledì pomeriggio l’emendamento è stato presentato. L’unica novità rispetto alla misura in vigore oggi - come detto sopra - è relativa al periodo di utilizzo della detrazione: l’importo dovrà essere spalmato in dieci anni, anziché in cinque. Non hanno invece trovato conferma le altre ipotesi di modifica, circolate nei giorni scorsi, secondo cui la percentuale di detrazione per la sostituzione di finestre e impianti termici sarebbe scesa al 41% e i tetti di spesa sarebbero stati ridotti a 440 euro/mq per le finestre, 600 euro/mq per i pannelli solari e 9000 euro per gli impianti termici.
 
I COMMENTI
La detrazione del 55% resta quindi in vigore, ma solo fino al 31 dicembre 2011. Si tratta di un orizzonte temporale molto breve, confrontato con i programmi di investimento per l’efficienza energetica dei privati ma soprattutto delle aziende. Inoltre, la scelta di allungare a dieci anni il periodo di detrazione rende meno conveniente gli investimenti.
 
“Prendiamo atto della scelta del Governo di espandere in 10 anni le rate” - ha detto Raffaella Mariani, capogruppo PD in Commissione Ambiente della Camera, aggiungendo che il PD continuerà ad insistere perché la detrazione del 55% “divenga una misura stabile e possa allargarsi ad altri settori come ad esempio edifici pubblici e case popolari”.

Assistal, Associazione costruttori di impianti, esprime la sua soddisfazione per la proroga del 55% e confida che il provvedimento non sia modificato dal Senato. La dilazione del periodo di utilizzo della detrazione - secondo Assistal - rischia però di ridurre i positivi effetti che l’incentivo ha generato sul mercato e potrebbe rallentare il raggiungimento, entro il 2020, degli obiettivi del pacchetto energia fissati dall’Unione Europea.

I PROSSIMI STEP
La Finanziaria è stata approvata oggi dalla Camera senza ricorrere alla fiducia. La prossima settimana passerà al Senato che dovrà dare il via libera definitivo entro il 10 dicembre.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
Mario

Il periodo di detrazione per il 2011 sarà di 10 anni anche per gli ultra 80enni, o meno ? Grazie.

ORESTE

Buongiorno,ho appena sostituito una vecchia caldaia con una nuova caldaia a condensazione, incentivato dal recupero del 55%.Gli importi della fattura sono suddivisi fra :caldaia (bene significativo),accessori di installazione,mano d'opera .L'iva e' in parte al 10% e in parte al 20%. Vorrei sapere se il recupero del 55% riguarda tutto l'importo della fattura o solo una parte di essa. grazie

michele

salve vorrei sapere se le persiane in alluminio sono detraibili e sè si quali sono i documenti da compilare e a chi inviarli

Grazia

Vorrei sapere se il periodo di detrazione per il 2011 sarà ridotto per le persone che hanno superato gli anni 75 e\o80:Grazie

lucia

I lavori per coebentare le pareti si possono detrarre? così pure x mettere il riscaldamento a pavimento hodovuto rifare il massettoe altro. Queste opere edlili si detraggono e come ?

Leonardo

Io sto comprando una casa in costruzione che sarà in classe B, ma i lavori non termineranno prima di metà 2011. Per le nuove costruzioni non potrò usufruire di questi incentivi ? Grazie, Leonardo

fulvio

ma sugli impianti di ridcaldamento.raffrescamento radianti esiste la detrazione?

cavassa luigi

Ho eseguito lavori di ristrutturazione edilizia nel mio appartamento compreso la sostituzione dei serramenti, mi sono rivolto ad un professionista per la certificazione e ho saldato tutto a 1/2 bonifico così come previsto. Cosa recupererò in % e in quanti anni? grazie

Carlo Ruggieri

Per interventi di risparmio energetico (sostituzione infissi) effettuati e pagati nel 2010, in quanti anni avrà luogo il rimborso del 55%: 5 o 10? Spero 5. Grazie!

Carlo Ruggieri

Per interventi di risparmio energetico (sostituzione infissi) effettuati e pagati nel 2010, in quanti anni avrà luogo il rimborso del 55%: 5 o 10? Spero 5. Grazie!

PAOLO G

QUANDO FU INTRODOTTA LA DETRAZIONE 55% SI POTEVA DECIDERE COME "SPALMARE" LA DETRAZIONE DA 3 A 10 ANNI; COSI' OGUNO POTEVA ADDATTARE AL MEGLIO TALE PERODO ALLA PROPRIA CAPACITA' CONTRIBUTIVA. PER IL MIO STIPENDIO VANNO BENE I 10 ANNI A CHI GADAGNA DI PIU' DI ME , ANDRBBERO BENE ANCHE I 3. LA RIDUZIONE DEGLI INCENTIVI ALLA SOSTITUZIONE SINGOLA DI INFISSI, DI CALDAIA VA NELLA DIREZONE CHE TALI INTERVENTI SINGOLI LACIANDOL'EDIFICIO COM'E', COMPORTANO UN RISPARMIO ENERGETICO MODESTO. INFINE E' STATO GIA PIU' VOLTE DIMOSTRATO CHE LA MINOR IRPEF INTROITATA DALLO STATO E' AMPIAMENTE COMPENSATA DALLA MAGGIOR INTROITO DERIVANTE DALL'EMERIONE DEL "NERO" IN TERMINI DI IVA, COMTRIBUTI INPS ECC.. SE MINOR CONSUMO= MINORI ACCISE, E' VERO ANCHE CHE E' = ANCHE A MINORE SPESE SANITARIE, A MINOR DEBITO PUBBLICO, A MAGGIOR STABILITA' DEI PREZZI, A + SICUREZZA SULLA FORNITURA, A MNORI PERDITE DI DISTRIBUZIONE ECC....

giuseppe

E' opportuno fare delle considerazioni: 1) lo stato riducendo il consumo energetico riduce le sue entrate fiscali peer gli anni futuri 2)rinnovare per un anno i benefici fiscali significa mantenere alti i costi che gli imprenditori del settore faranno pagare ai soggetti interessati al provvedimento sull'acquisto dei prodotti mentre la sua permanenza creerebbe una vera e salutare competizione 3)se il provvedimento non dovesse passare quanti soldi lo stato dovra' tirare fuori per pagare la cassa integrazione dei lavoratori del settore? 4) e non ultimo si ridurrebbe la ricerca nel settore.

fabio

se la ristrutturazione energetica della casa avviene nel 2010 ma non si sono fatti ancora i bonifici,quale normativa mi verrà applicata? 5 anni o 10 anni? come debbono essere fatturate le spese che possono essere detratte, e quali sono ? grazie fabio yuri67@inwind.it

elena

se ho un ordine per sostituzione dei miei infissi in corso nel 2010 quale normativa si applicherà ai pagamenti che faccio nel 2010 e/o nel 2011?

francesca

scusate, ma quando entrano in vigore le condizioni della proroga? dal 1 gennaio 2011? o già dal 2010?

MASSIMO GIUSEPPE

E per quanto riguarda il rinnovo degli incentivi alla ristrutturazione edilizia del 36%? Non scadono anch'essi a fine 2010?

Vincenzo

Se questo emendamento passa, lo strumento del 55% perderà gran parte della sua efficacia. Spalmare il bonus su 10 dimezza i vantaggi perchè fa perdere di appeal l'ipotesi di sostituire gli infissi evitando di pagare una fetta di tasse alla fine dell'anno.

maurizio

rimandato di un anno il travaglio mentale appena passato ( forse), ma nel 2011 vogliamo sapere della nostra ' vita o morte ' da settembre - grazie ( un imprenditore del settore - infissi )

Claudio

Buongiorno, sono parzialmente soddisfatto per la notizia. Il lato positivo è che, se approvato definitivamente, questo emendamento permette di usufruire ancora per un anno dei benefici fiscali. Gli aspetti che mi lasciano perplesso sono: - che i giornalisti, anche specializzati come in questo caso, usino forme lessicali che suggeriscono al lettore che il provvedimento sia stato approvato definitivamente ed invece non lo è, e fino alla pubblicazione in gazzetta ufficiale potrebbe cambiare o sparire; per favore fate capire chiaramente al lettore che non c'è ancora nulla di definitivo! - che i legislatori ricorrano ad emendamenti in questo o quel decreto o legge, piuttosto che inserire i provvedimenti (almeno quelli utili) in maniera organica nelle leggi appropriate (es. l'emendamento che permette di usufruire del Conto Energia 2010 per il fotovoltaico senza dipendere dai tempi di allacciamento ENEL è stato inserito nel decreto "salva Alcoa" !!!, qui rischiavamo di andare nel milleproroghe ...); - sebbene il provvedimento in questione sia utile al cittadino, all'economia ed alle tasche dello stato (in pratica a tutti, eccetto forse gli evasori totali ed i nullafacenti) lo proroghino di anno in anno anzichè renderlo definitivo. Il sospetto è che si credano chissà chi e tengano i cittadini in sospeso ed in atteggiamento di chi implora la benevolenza della casta. Buon lavoro a tutti e ... ... appena potremo fare a meno dei loro favori saremo molto piu' liberi.