Carrello 0
NORMATIVA

Finanziaria 2011: tutte le novità per l’edilizia

di Rossella Calabrese e Paola Mammarella

Detrazione 55% fino al 31 dicembre 2011 e in dieci rate annuali; all’edilizia sanitaria 1,5 miliardi di euro dai fondi Fas per il 2012

Vedi Aggiornamento del 06/01/2011
10/12/2010 - Saranno detraibili in dieci rate annuali, anziché cinque, le spese per la riqualificazione energetica degli edifici sostenute nel 2011. L’agevolazione scadrà il 31 dicembre 2011.
 
Sono queste le novità per la detrazione del 55% introdotte dalla Legge di Stabilità per il 2011 (ex Finanziaria), approvata in via definitiva martedì scorso dal Senato. Non variano invece i tetti di spesa, le percentuali di detrazione e gli interventi ammessi.
 
Sono infatti agevolabili le spese sostenute per:
- interventi di riqualificazione globale su edifici esistenti, fino ad un massimo di 100.000 euro, pari al 55% di 181.818,18 euro;
- interventi sugli involucri degli edifici (strutture opache e infissi), fino ad un massimo di 60.000 euro, pari al 55% di 109.090,90 euro;
- installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda, fino ad un massimo di 60.000 euro, pari al 55% di 109.090,90 euro;
- sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, fino ad un massimo di 30.000 euro, pari al 55% di 54.545,45 euro.
 
L’agevolazione per la riqualificazione energetica - a differenza di quella per le ristrutturazioni, riservata ai soli edifici residenziali - interessa i fabbricati esistenti di tutte le categorie catastali, anche rurali, compresi quelli strumentali.
 
Destinatari della detrazione sono, analogamente agli anni precedenti, le persone fisiche, le società di persone e le società di capitali, le associazioni tra professionisti e gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.
 
 
LE ALTRE NOVITÀ PER L’EDILIZIA

Edilizia sanitaria

Per il 2012 la legge finanziaria assegna all’edilizia sanitaria pubblica una quota dei fondi Fas pari a  1,5 miliardi di euro. Restano ferme le quote per la ripartizione in base alle quali l’85% delle risorse deve essere assegnato al Sud. Il restante 15% sarà invece suddiviso tra Centro e Nord Italia.

Patto di stabilità
Dopo le richieste avanzate dagli esponenti del settore costruzioni, gravemente danneggiati dai ritardati pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni, è stato approvato un allentamento del patto di stabilità interno per i comuni. La Finanziaria ha istituito un fondo da 60 milioni di euro per il 2011 per il pagamento degli interessi passivi maturati dai comuni a causa del ritardato pagamento dei fornitori.Nel 2011 gli effetti negativi sull’indebitamento netto non possono superare i 480 milioni. 
 
Il Ministro dell’interno individuerà i comuni virtuosi che potranno accedere al fondo. Il Presidente del Consiglio dei ministri, di intesa con il Ministro dell’economia e delle finanze, con la Conferenza Stato-città e le autonomie locali, potrà stabilire misure correttive del patto di stabilità.
 
Per la verifica del rispetto del patto di stabilità, nel saldo finanziario non saranno considerate le risorse provenienti dallo Stato e le spese di parte corrente e in conto capitale sostenute da province e comuni a seguito delle dichiarazioni dello stato di emergenza. Saranno esclusi dal patto di stabilità anche i fondi europei, le spese sostenute per censimenti, le spese affrontate dal Comune di Milano per l’Expo 2015 e gli investimenti in conto capitale deliberati entro il 31 dicembre 2010 dai comuni della provincia de L’Aquila.
 
Esenzione Iva sugli immobili
Passa da 4 a 5 anni l’esenzione dal pagamento dell’Iva per le cessioni di fabbricati diversi da quelli strumentali, che per le loro caratteristiche non possono essere utilizzati a fini diversi senza implicare radicali trasformazioni, effettuate dalle imprese costruttrici o da quelle che hanno eseguito interventi di ristrutturazione edilizia.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
franco

posso detrarre il 36% e il 55% avendo più fatture cioè: fattura mano d'ope, fattura acquisto maderile sanitari, porte, materiale pavimentazione (36%). prtoncino d'ingresso blindato, elementi termosifoni e valvole termostatiche al 55%. vorrei un chiarmento in merito di come devo eseguire le pratiche.

thumb profile
Giorgio

partendo dal supposto che le detrazioni valgono nell'anno in cui si paga.. --> bonifico nel 2010 .. detrazioni in 5 anni... bonifici nel 2011.. detrazione in 10. io non capisco se per la sostituzione infissi è necessario fare la dia/scia o nulla!?!?

thumb profile
Roberta

per quanto riguarda le ditte il pagamento deve avvenire entro il 2010 per usufruire dei 5 anni ? o è suffciente la consegna materiali , quindi fattura e stop?

thumb profile
nickapo

con questa nuova finanziaria 2011 ho diritto all'ecobonus per l'acquisto di un immobile nuovo in classe energetica "a"(ho prenotato il bonus a luglio 2010), dato che il ravvedimento del precedente ecobonus è stato prosciugato dall'unione di tutti gli incentivi?

thumb profile
Evaristo

Grazie Giancarlo! La tua spiegazione non fà una piega e rende chiaro l'argomento, mi devi scusare ma in merito all'argomento, leggendo tra i vari siti, non avevo trovato nulla che lo spiegasse. Grazie ancora! ^_^

thumb profile
Giancarlo

Perchè difficile? Credo si ragioni come sempre per cassa, quindi se faccio un lavoro a cavallo tra 2010 e 2011 detrarrò le spese sostenute nel 2010 in 5 rate a partire dal 2011 e quelle sostenute nel 2011 in 10 rate a partire dal 2012, come se fossero due interventi diversi, con unica certificazione. La detrazione in 10 anni agevola meno chi ha alta capienza di imposta e agevola di più chi ha minore capienza = reddito più basso.

thumb profile
Evaristo

Ma per i lavori iniziati nel 2010 e che proseguiranno per il 2011, di quanti anni è la detrazione fiscale, di cinque o di dieci anni?!?!?!?!? Come sempre non ci fanno un capire un cassio...così ci fanno sbagliare...e la detrazione và a farsi benedire...