Nuove Energie

Lombardia, linee guida per gli impianti da fonti rinnovabili

A breve anche l’individuazione delle aree ‘‘non idonee’’ alle installazioni

vedi aggiornamento del 19/12/2012
Letto 5221 volte

24/04/2012 - La Giunta regionale lombarda ha approvato le Linee Guida per il rilascio delle autorizzazioni per gli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili quali fotovoltaico, eolico, biomasse biogas e idroelettrico.

 
Le nuove direttive, che recepiscono quelle nazionali del 2010 (DM 10 settembre 2010), regolano l’istallazione e l’esercizio degli impianti di produzione di energia da rinnovabili, delineando le procedure necessarie per ottenere l’autorizzazione, e valgono sia per le amministrazioni che autorizzano e per gli Enti che rilasciano pareri e nulla osta, sia per i privati interessati.
 
“È stato fatto uno sforzo non solo di semplificazione - ha spiegato l’assessore all’Ambiente, Energia e Reti Marcello Raimondi - ma anche di certezza del diritto e di omogeneizzazione dei procedimenti su tutto il territorio lombardo, cercando di garantire tempi sicuri a tutti i soggetti coinvolti. Una bella svolta nel settore, talvolta ingolfato di burocrazia”.
 
Per velocizzare la normativa, la Regione ha scelto di ‘spacchettare’ questa riforma dall’individuazione delle aree ‘non idonee’, quelle cioè dove è vietata l’installazione di questi impianti, al fine di favorire il confronto e l’ascolto degli Enti locali e di tutti i soggetti interessati.
 
Una delle principali novità introdotte dalle Linee Guida, è lo snellimento della procedura per l’intallazione di piccoli impianti (es.: un impianto fotovoltaico di installare su un’abitazione privata); sarà sufficiente una comunicazione preliminare al Comune per attività in edilizia libera.
 
“Una misura - ha detto ancora Raimondi - che si sposa con tutte quelle che incentivano l’efficientamento energetico degli edifici, in questo caso individuando un’incentivazione nei minori costi e nella minore burocrazia che ci si dovrà sobbarcare per un piccolo impianto fotovoltaico domestico, per cui in Lombardia siamo i primi in Italia”.
 
Per gli impianti non integrati sui tetti o di potenza leggermente superiore (fino a 200kW elettrico) a quelli domestici è prevista una Procedura abilitativa semplificata (Pas), rilasciata dal Comune, per cui è richiesto un progetto e un iter amministrativo per quanto possibile snello, con la concentrazione in un unico atto dei diversi pareri, nulla osta o titoli necessari da parte del Comune, che raccoglie anche gli atti degli altri Enti eventualmente coinvolti. Il termine entro il quale il Comune deve dare risposta è di 30 giorni.
 
Per gli impianti di maggiore potenza esiste invece l’Autorizzazione unica (Au), rilasciata dalla Provincia, che raccoglie in un procedimento unico tutte le singole autorizzazioni, anche ambientali, necessarie. Uno dei valori aggiunti delle Linee guida - spiega la Regione - è stato quello di razionalizzare tutti i subprocedimenti, facendo in modo che il procedimento unico rispetti la durata di 90 giorni prevista dalla legge nazionale, al netto dei tempi necessari alla Valutazione di impatto ambientale.
 
Vengono inoltre individuati criteri per la determinazione delle misure compensative ambientali, per garantire anche un importante aspetto del territorio e dei paesaggi, parallelamente allo sviluppo della quota di rinnovabili nell’offerta energetica lombarda. “Ancora una volta siamo riusciti a ottenere un buon risultato grazie al nostro metodo incentrato sul dialogo e sul confronto - ha concluso Raimondi -, riunendo intorno a un tavolo tutti i soggetti coinvolti, dalle Direzioni generali regionali alle Province lombarde, dall’Anci ai produttori di impianti rinnovabili, dal mondo agricolo a quello industriale. È stato un lungo lavoro di ascolto, ma crediamo di aver trovato un giusto equilibrio tra tutte le esigenze coinvolte”.
 
Le misure verranno spiegate nel dettaglio in incontri mirati nelle diverse Sedi territoriali regionali.
(riproduzione riservata)
Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Normativa sull'argomento

Inserisci un commento alla news

Non hai un account Facebook?

Clicca qui
I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news più precisa e completa.
NEWS IN TEMPO REALE?
ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI SOCIAL







Yokis
Marmomacc
Emmegi grigliati