Bentofix XF

Detrazione 50% ristrutturazioni e riqualificazione energetica, via libera al Decreto Sviluppo

Risolto il nodo della copertura finanziaria con un prelievo sulle polizze assicurative e ipotesi di dismissione del patrimonio immobiliare pubblico

vedi aggiornamento del 27/03/2013
Letto 79576 volte

15/06/2012 - Via libera del Consiglio dei Ministri al pacchetto crescita, contenente misure per il rilancio dell’edilizia e gli incentivi alle imprese. Confluiti in un unico provvedimento i decreti sulle infrastrutture e la crescita, che hanno superato il nodo della copertura finanziaria.

 
Ecco nel dettaglio tutte le misure per il rilancio dell’edilizia e delle imprese.
 
Ristrutturazioni
Il decreto prevede l’innalzamento dal 36% al 50% della percentuale di detrazione e il raddoppio del tetto di spesa per ogni unità immobiliare da 48mila a 96mila euro, ma accorcia i tempi per beneficiarne al 30 giugno 2013.

Riqualificazione energetica
Il bonus del 55%, in scadenza al 31 dicembre 2012, sarà prorogato al 30 giugno 2013, ma con una percentuale di detrazione ridotta al 50%.

Servizi di progettazione
Dopo l’abrogazione delle tariffe professionali con il DL Liberalizzazioni 1/2012, ci si è chiesti sulla base di quali parametri calcolare i compensi professionali e fissare le tariffe da porre a base di gara. Il DL crescita prevede che si faccia riferimento al decreto, previsto dal Dl Liberalizzazioni, per la liquidazione dei compensi da parte di un organo giudiziale. Fino a quel momento, si potrà continuare a fare riferimento alle tariffe professionali vigenti prima dell’entrata in vigore del Decreto Liberalizzazioni.

Piano Città
È previsto un nuovo strumento operativo, il “Piano nazionale per le città”, per la realizzazione di interventi nelle aree urbane, soprattutto in quelle degradate, relativi a nuove infrastrutture, riqualificazione urbana, costruzione di parcheggi, alloggi e scuole. Un’apposita Cabina di regia selezionerà gli interventi da realizzare, su proposta dai Comuni, mettendo insieme interventi diffusi e isolati (incentivi, fondi europei, fondi per l’edilizia scolastica, per l’housing sociale o per programmi non più attivi), snellendo le procedure e coinvolgendo gli investitori interessati, in particolare quelli privati. La modalità attuativa prevista è il “Contratto di valorizzazione urbana”, promosso dalla Cabina di regia in collaborazione con i Comuni interessati. Il Piano sarà finanziato con un apposito Fondo nel quale confluiscono le risorse non utilizzate o provenienti da revoche di programmi in materia di edilizia residenziale.
 
Semplificazioni procedurali in edilizia
In caso di SCIA, si estende la semplificazione, oltre che ai pareri, a tutti gli atti preliminari di altri enti o organi appositi. La stessa previsione di semplificazione procedimentale viene prevista espressamente per la DIA, con la modifica dell’art. 23 del testo unico dell’edilizia.

Project Bond
Per incentivare la sottoscrizione di obbligazioni di progetto, il decreto prevede per esse lo stesso trattamento fiscale agevolato previsto per i titoli di stato, cioè una ritenuta sugli interessi par al 12,5%.

IMU su immobili invenduti
Gli immobili di proprietà delle imprese di costruzione rimasti invenduti saranno esentati dall'Imu per tre anni.

IVA nella vendita e nella locazione di nuove costruzioni
Il testo approvato reintroduce l’Iva nelle cessioni e locazioni di nuove costruzioni, in modo da rendere disponibili risorse economiche, che attualmente le imprese di costruzione non utilizzano a causa della normativa vigente in base alla quale le cessioni di immobili residenziali effettuate dalle imprese costruttrici, oltre i cinque anni dalla costruzione, sono esenti dall’Iva.

Affidamento a terzi di lavori nelle concessioni autostradali
Sale dal 50 al 60% la la quota di lavori che i concessionari autostradali titolari di concessioni assentite prima del 30 giugno 2002, sono tenuti ad affidare a terzi (il Decreto liberalizzazioni aveva già elevato la quota dal 40 al 50%). La norma è volta a favorire una maggiore partecipazione degli operatori economici, anche di medie e piccole dimensioni, nella realizzazione degli interventi presenti nel piano degli investimenti previsti nelle convenzioni di concessione.

Fondo per lo sviluppo
Le agevolazioni previste dalla Legge 46/1982 dovrebbero essere riorganizzate in un Fondo per la crescita sostenibile per il finanziamento di programmi ed interventi per la competitività e il sostegno dell’apparato produttivo. Se la bozza del decreto venisse confermata, il fondo opererà secondo tre linee direttrici: promozione di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione, rafforzamento della struttura produttiva e promozione della presenza internazionale delle imprese, con l’attrazione di investimenti dall’estero.

Bonus occupazione
Il decreto introduce un contributo in forma di credito d’imposta per le nuove assunzioni a tempo indeterminato di personale altamente qualificato in possesso di laurea magistrale a carattere tecnico o scientifico impiegato in attività di ricerca e sviluppo o in possesso di dottorato di ricerca senza vincoli sulle attività di impiego. L’aliquota del beneficio è pari al 35% delle spese calcolate sul costo aziendale, con un vincolo di trattenere il personale assunto per almeno 3 anni. Sono stabilmente destinati alla misura 50 milioni di euroall’anno recuperati dalle risorse che provengono annualmente dalla riscossione delle tasse sui diritti brevettuali. Il contributo potrebbe favorire oltre 4 mila nuove assunzioni.
 
Occupazione giovanile nella green economy

Il finanziamento agevolato previsto dal fondo Kyoto (su cui sono disponibili 470 milioni di euro) è esteso a soggetti pubblici e privati che operano in ulteriori 4 settori della Green Economy: protezione del territorio e prevenzione del rischio idrogeologico e sismico, ricerca e sviluppo e produzioni di biocarburanti di seconda e terza generazione, ricerca e sviluppo e produzioni e istallazione di tecnologie nel solare termico, solare a concertazione, solare termo-dinamico, solare fotovoltaico, biomasse, biogas e geotermia, incremento dell’efficienza negli usi finali dell’energia nei settori civile, terziario e nel social housing. 
Secondo il Ministro Clini, la misura potrebbe creare circa 60 mila posti di lavoro (Leggi Tutto).

Sistri
Per consentire i necessari accertamenti sul funzionamento del sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI), vengono sospesi il termine di entrata in operatività del sistema per un massimo di 12 mesi e i conseguenti adempimenti delle imprese, ferma restando la disciplina di controllo preesistente.

Realizzazione e completamento degli investimenti
Per determinare date certe di completamento degli investimenti oggetto dei contratti di programma, il decreto prevede la possibilità di prorogare i termini e rimodulare le previsioni originarie dei Contratti oggetto di delibera CIPE. È inoltre disposta la risoluzione dei contratti di programma già stipulati allorché non sia stata prodotta da parte dell’impresa la documentazione idonea a comprovare l’avvio degli investimenti e l’ottenimento delle autorizzazioni necessarie. La bozza introduce inoltre una disposizione per liberare risorse impegnate per iniziative di fatto mai avviate o comunque non utilmente completate.

Finanziamento di infrastrutture mediante defiscalizzazione
Viene esteso a tutte le opere infrastrutturali, realizzate in partenariato pubblico-privato, il campo di applicazione della disciplina attuale di defiscalizzazione, a parziale o totale copertura del contributo pubblico a fondo perduto. Viene infine introdotta un’ulteriore forma di defiscalizzazione per le opere per le quali non è previsto un contributo pubblico a fondo perduto: in questo caso è previsto il rimborso a favore del concessionario e della società di progetto di 1/3 delle nuove entrate fiscali generate dalle opere realizzate.

Project financing e conferenza di servizi
Per rilanciare il project financing e superare le problematiche spesso connesse alle richieste di modifica del progetto definitivo di un’opera, è stabilita l’obbligatorietà della conferenza dei servizi preliminare sullo studio di fattibilità. Essa viene poi resa vincolante per le successive fasi di progettazione e sviluppo dell’opera, dando così certezza al concessionario e ai soggetti finanziatori riguardo all’invarianza del progetto.

(riproduzione riservata)
Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Documenti correlati

Normativa sull'argomento

Inserisci un commento alla news

Non hai un account Facebook?

Clicca qui
I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news più precisa e completa.
Altri Commenti

EnergyINlink

Oltre al defiscalizzaione un ulteriore strada è la richiesta di TEE Titoli di Efficienza Energetica http://www.energyinlink.it/2012/10/tee-per-limpiego-di-impianti-fotovoltaici-di-potenza-inferiore-a-20-kwp/

Fabrizio

Esaminado il decreto ho trovato nulla per snellire le procedure nei confronti di enti dai quali é difficile ottenere pareri come Provincia, ANAS e Ferrovie. Auspico ulteriori interventi in merito.

Fabrizio

E' necessario vedere se il decreto viene approvato salvo intese, in questo caso potrebbero volerci anche 15 giorni, altrimenti per la fine della prossima settimana potremmo pensare di vederlo pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Fabrizio

Assolutamente no, il decreto parla chiaro dicendo le spese sostenute successivamente all'entrata in vigore del provvedimento.

Alessandro

Quanto tempo occorre per la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale ? Devo iniziare dei lavori e sto aspettando che entri in vigore il decreto. grazie

Fabrizio

Il decreto è stato approvato, pertanto si attende solamente la pubblicazione sulla gazzetta per la sua efficacia. Le spese sono solamente quelle sostenute dell'entrata in vigore in avanti. Per i lavori in corso sarà necessaria una circolare, ma probabilemente si dovrà dimostrare che i lavori sono successivi alla modifica intervenuta con il decreto. Per il discorso del risparmio energetico non condivido quanto scritto da altri, le normative energetiche regionali prevedono comunque dei voncoli, ad esempio l'obbligo della caldaia a condensazione in Regione Piemonte e il rispetto delle trasmittanze sulle pareti opache o trasparenti.

ing. Claudio

si potrà ritenere valida anche per lavori inziati nel 2011? pagamenti del 2011 al 36%, pagamenti dal 1° gennaio 2012 al 50% e tetto di spesa di 96000 considerando sia i lavori del 2011 che quelli del 2012. che ne pensate?

NEWS IN TEMPO REALE?
ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI SOCIAL







Aermec FCXI
Casseforme e impalcature Peri
Corsi accreditati
Ytong e Multipor