Carrello 0
PROGETTAZIONE

Accordo Miur-MAXXI per le scuole del futuro

di Rossella Calabrese
Commenti 7414

In arrivo un concorso internazionale per giovani architetti e una mostra di progetti curata da Cino Zucchi

Vedi Aggiornamento del 22/10/2015
Commenti 7414
30/04/2013 - È stato firmato il 24 aprile scorso dal Ministro (ormai ex) dell’Istruzione, Università e Ricerca, Francesco Profumo, e dalla presidente della Fondazione MAXXI, Giovanna Melandri, un  protocollo d’intesa dal titolo “Edilizia scolastica innovativa” per la promozione della qualità architettonica nelle scuole.
 
Il primo atto della collaborazione sarà un programma pilota per “scuole tipo” rispondenti ai nuovi indirizzi nei campi della progettazione architettonica, nel design degli interni e degli arredi scolastici.
 
Nuovi indirizzi che sono stati da poco messi nero su bianco nelle Linee Guida per le architetture interne delle scuole approvate qualche giorno fa dalla Conferenza Unificata (leggi tutto) e che fanno parte di un ampio e complessivo progetto di innovazione del sistema educativo portato avanto dal MIUR.
 
“Questo progetto - si legge nel comunicato - attribuisce fondamentale importanza alla necessità di rinnovare profondamente il modo di concepire gli ambienti destinati all’apprendimento, adeguando le strutture didattiche al linguaggio della generazione dei ‘nativi digitali’, rendendo cioè l’offerta educativa e formativa coerente con l’evoluzione in senso digitale di tutti gli altri settori della società. Per raggiungere quest’obiettivo è indispensabile che scuole, aule, arredi, spazi educativi sia interni che esterni rispondano a criteri del tutto nuovi e adeguati ad una didattica supportata integralmente dalle nuove tecnologie”.
 
Tra i punti qualificanti dell’accordo, che avrà la durata di un anno, figura un concorso per giovani architetti, destinato a valorizzare i migliori progettisti italiani e stranieri, per individuare nuove soluzioni architettoniche e nuove tipologie di arredi per le scuole del futuro. I lavori presentati verranno, in seguito, esposti in una mostra e saranno oggetto di un’apposita pubblicazione. 
 
L’indirizzo scientifico dell’iniziativa sarà affidato a un prestigioso Consiglio, composto da esperti nelle discipline specifiche. Sarà presieduto da Cino Zucchi, tra i più noti architetti italiani, menzione speciale alla 13.Biennale Architettura di Venezia nel 2012. Lo sviluppo e l’attuazione del progetto sono curati da un Comitato con rappresentanti delle due Istituzioni: Il MIUR, attraverso INDIRE, l’Istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca innovativa, la Fondazione MAXXI attraverso il MAXXI Architettura che, nel corso degli anni, ha maturato una notevole competenza a supporto e consulenza per la realizzazione di interventi architettonici qualificati.
 
“L’evoluzione della didattica e del modo di lavorare a scuola, resi impellenti dai bisogni educativi dei nostri studenti e dalle esigenze di misurarsi con le nuove frontiere dell’apprendimento - ha commentato Francesco Profumo - impongono di ripensare completamente gli spazi e le modalità di lavoro, e dunque le stesse strutture degli edifici scolastici. La divisione degli spazi in aule e corridoi appare oggi superata, mentre nel futuro si parlerà sempre più di scuole tecnologiche e aperte al territorio, ovvero civic center capaci di diventare poli di aggregazione delle comunità locali”.
 
“Per raggiungere questo obiettivo, il MIUR ha realizzato le nuove Linee guida in materia di edilizia scolastica, aggiornando le precedenti, ferme agli anni ’70. La preziosa collaborazione con il MAXXI - ha aggiunto Profumo - consentirà ora, attraverso un concorso di idee aperto a giovani progettisti, italiani e internazionali, di individuare le più funzionali soluzioni architettoniche, e le nuove tipologie di arredi per le scuole del futuro”.
 
“Questa collaborazione - ha detto Giovanna Melandri - sottolinea ancora una volta come il MAXXI, oltre a essere uno spazio espositivo straordinario con mostre bellissime da vedere (come quelle dedicate a Luigi Ghirri, appena inaugurata, Fiona Tan e Alighiero Boetti, oppure Energy), sia anche una fucina di idee, un luogo di ricerca e sperimentazione con altissime professionalità e competenze. La promozione della qualità architettonica fa parte della missione del MAXXI. Contribuire a ideare le scuole del futuro in modo innovativo e contemporaneo sarà un impegno importante e una grande sfida per tutti noi”.
 
“Questo accordo - ha concluso Margherita Guccione, Direttore MAXXI Architettura - rafforza ulteriormente l’interesse del MAXXI a sviluppare programmi sperimentali e progetti di ricerca che promuovano il valore della qualità, del progetto e dell’architettura”.


Foto tratta da www.indire.it/eventi/quandolospazioinsegna
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui