Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Smart Village in Tour, a Roma la casa attiva per il clima mediterraneo

di Rossella Calabrese
Commenti 5551

Grande interesse della platea anche per le smart cities e le reti urbane cooperative

Vedi Aggiornamento del 15/07/2014
Commenti 5551
12/04/2013 - Si è svolta ieri pomeriggio a Roma l’ottava tappa di Smart Village in Tour, il road show organizzato da Edilportale in collaborazione con Made Expo e con il supporto di Agorà, dedicato all’edilizia antisismica e ad alta efficienza energetica.

Davanti ad una platea di 700 progettisti, ha introdotto la sessione dedicata all’antisismica Dante Galeota, direttore del Cerfis, il Centro di ricerca dell’Università dell’Aquila per l’ingegneria sismica, che ha illustrato le attività che il centro sta conducendo nel capoluogo abruzzese, dopo il terremoto: il monitoraggio della Basilica di Santa Maria di Collemaggio, il consolidamento di edifici storici danneggiati dal sisma (scuola De Amicis, Palazzo Margherita, ponte di Santa Apollonia), la formazione delle maestranze.

Scarica gli atti del convegno


Guarda le foto dell'evento


Guarda il video del convegno


A seguito di un sisma sono spesso le parti non strutturali dell’edificio quelle che subiscono i danni maggiori. Lo ha spiegato Gerardo Verderame, docente all’Università Federico II. Questi elementi aumentano la resistenza sismica dell’edificio ma anche la sua rigidezza. Per migliorare le prestazioni degli elementi non strutturali, Verderame ha suggerito soluzioni innovative: tamponature in laterizio armato, pannelli sandwich con polistirene espanso, cartongesso.

La sessione sugli edifici a energia quasi zero è stata aperta da Antonio Frattari, docente all’Università di Trento, che ha ricordato i principi fondamentali per la transizione verso un’edilizia più sostenibile: il recupero del patrimonio esistente, l’uso di materiali innovativi e rinnovabili, la domotica.

Un bell’esempio di edificio sostenibile è stato presentato da Chiara Tonelli, docente al Dipartimento di Architettura dell’Università Roma Tre: si tratta di “MED in Italy”, la casa ad energia positiva per il clima mediterraneo certificata in Classe A che ha partecipato a Solar Decathlon. Il progetto ha studiato con attenzione le soluzioni per il raffrescamento, problema principale alle nostre latitudini. Ma non solo: la casa produce tre volte l’energia che consuma, si monta in sette giorni, è trasportabile su treno, è composta da materiali riciclati e riciclabili.
 
Dalla smart house, il dibattito si è spostato sulla smart city. Claudia Meloni, ricercatrice ENEA-UTTEI ha illustrato la roadmap delle smart cities e le reti urbane cooperative. Dalla strategia di sostituzione di singole parti di edificio, occorre passare a quella dello sviluppo integrato delle politiche sociali, energetiche, della mobilità. Un ruolo fondamentale ce l’hanno i cittadini, che devono usare la città in modo intelligente e consentire di tornare ad una città umanocentrica.
 
I partecipanti al Convegno hanno ricevuto gratuitamente il Vademecum “Edifici a energia quasi zero e Antisismica”. La partecipazione dà diritto all’assegnazione di crediti formativi.

I prossimi appuntamenti:
TRENTO - 18 aprile 2013
RIMINI - 8 maggio 2013
ANCONA - 9 maggio 2013
PESCARA - 16 maggio 2013
GENOVA - 22 maggio 2013
TORINO - 23 maggio 2013
PARMA - 29 maggio 2013
BERGAMO - 30 maggio 2013
PADOVA - 5 giugno 2013
UDINE - 6 giugno 2013

ISCRIVITI ALLA TUA TAPPA!

Durante i convegni, i partecipanti potranno interagire con le aziende espositrici - attraverso la formula di Business Matching chiamata Archidating - per ricevere una consulenza personalizzata. Prenota l’appuntamento!
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui