Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Pompe di calore: con il Conto termico incentivi da 1.497 a 499 euro

di Rossella Calabrese
Commenti 15972

ANIMA: con il 65% la detrazione sarebbe stata pari a 5.440 euro

Vedi Aggiornamento del 03/03/2014
Commenti 15972
10/07/2013 - Tutti soddisfatti per la proroga del bonus per la riqualificazione energetica degli edifici e per l’innalzamento dal 55 al 65% della percentuale di detrazione, previsti dal Decreto-Legge 63/2013?
 
Non proprio tutti: la novità che ha scontentato alcuni settori industriali è stata l’esclusione dalla detrazione degli impianti di riscaldamento e degli scaldacqua a pompa di calore e degli impianti geotermici, esclusione dovuta al fatto - come spiegato nei giorni scorsi dal Ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato - che questi interventi sono già agevolati dal Conto Termico.
 
Abbiamo chiesto ad ANIMA, la Federazione delle Associazioni Nazionali dell’Industria Meccanica Varia ed Affine, affiliata a Confindustria, di confrontare la detrazione del 65% con gli incentivi del Conto Termico.
 
L’intervento preso come esempio è la sostituzione di una caldaia con una pompa di calore aria/acqua di 10kW. Il costo dell’impianto finito e consegnato all’utente è di circa 800 €/kW installato, per un costo complessivo di 8.000 euro.
 
Con la detrazione del 65% questo impianto avrebbe ricevuto una detrazione complessiva di 5.440 euro da spalmare in 10 anni (544 euro/anno).
 
Con il Conto Termico lo stesso impianto riceve un contributo diretto, spalmabile in due anni, che varia da 1.497 euro a Bormio (zona F); 1.414 euro a Milano (zona E); 1.164 euro a Roma zona D; 915 euro a Napoli (zona C); 707 euro a Reggio Calabria (zona B)  a 499 euro a Porto Empedocle (zona A).
 
Una bella differenza dunque, che rende il Conto Termico molto meno conveniente della detrazione del 65% per chi voglia installare questo tipo di impianti (vedi Tabella).
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
Simo

e vogliamo parlare degli impianti geotermici: ipotizziamo un impianto da 30000€, conto termico 3-4000€ in due anni, con il 65% sarebbero stati più di 19000€... praticamente la stessa cosa no???