Bentofix XF

APE obbligatorio per nuovi edifici, ristrutturazioni importanti e immobili pubblici

Consiglio Nazionale del Notariato: l’obbligo di dotarsi dell’attestato scatta anche se gli edifici non sono venduti o affittati

vedi aggiornamento del 02/07/2014
Letto 33071 volte

29/10/2013 - I nuovi edifici, quelli ristrutturati e gli immobili pubblici devono essere dotati di Ape, Attestato di prestazione energetica, a prescindere dal fatto che vengano venduti o affittati. Lo sostiene il Consiglio Nazionale del Notariato, che con lo studio 657-2013/C ha tracciato una panoramica delle novità introdotte col DL Ecobonus 63/2013.

 
Secondo il Consiglio Nazionale del Notariato, l’obbligo di dotarsi dell’Ape è composto da un presupposto contrattuale e da uno oggettivo. Il primo è legato al momento in cui l’immobile viene ceduto o affittato, il secondo si fonda sulle caratteristiche specifiche dell’edificio.
 
A prescindere dal fatto che un immobile venga venduto o affittato, quindi, l’obbligo di dotarsi dell’Ape vale per:
 
Nuovi edifici
Sono gli edifici costruiti sulla base di un permesso di costruire o di una denuncia di inizio attività richiesto o presentata dopo l'8 ottobre 2005. Nel caso del permesso di costruire, ad essere determinante è la data della richiesta e non quella del rilascio. Gli edifici di nuova costruzione devono essere dotati dell’attestato di prestazione energetica prima del rilascio del certificato di agibilità. L’Ape è prodotto a cura del costruttore.
 
Edifici ristrutturati
Perché scatti l’obbligo di dotare l’immobile dell’Ape, spiega il Consiglio Nazionale del Notariato, sull’edificio deve essere effettuata una ristrutturazione importante. Si tratta di interventi edilizi come la manutenzione ordinaria o straordinaria, la ristrutturazione e il risanamento conservativo che coinvolgono oltre il 25 per cento della superficie dell'involucro dell'intero edificio e che, a titolo esemplificativo, possono consistere nel rifacimento di pareti esterne, di intonaci esterni, del tetto o nell'impermeabilizzazione delle coperture.
 
Gli edifici devono essere dotati dell’attestato di prestazione energetica prima del rilascio del certificato di agibilità. Secondo il Consiglio Nazionale del Notariato, in analogia con la disciplina vigente per i nuovi edifici, l’attestato deve essere prodotto a cura del costruttore.
 
Analogamente, anche se non espressamente previsto nella normativa vigente, in analogia con quanto previsto per gli edifici di nuova costruzione, il Consiglio Nazionale del Notariato ritiene che l’obbligo della dotazione dell’attestato di prestazione energetica scatti solo per le ristrutturazioni importanti realizzate sulla base di un di permesso di costruire, di una Dia o di una Scia successivi all'8 ottobre 2005.
 
Il Consiglio Nazionale del Notariato ha spiegato che sulla materia ha inciso molto il DL Ecobonus 63/2013 in base al quale l’edificio deve essere dotato dell’Ape in presenza di una ristrutturazione importante che può consistere in qualsiasi intervento di recupero edilizio riguardante una porzione superiore al 25 per cento della superficie del suo involucro. L’obbligo scatta quindi anche con la manutenzione o il risanamento, che sono interventi diversi dalla ristrutturazione edilizia.
 
Secondo la disciplina previgente, invece, l’obbligo sorgeva solo per gli edifici di superficie superiore ai mille metri quadri oggetto di ristrutturazione integrale degli elementi edilizi costituenti l'involucro o demolizione e ricostruzione. 

Il Dl Ecobonus, sottolinea il Consiglio Nazionale del Notariato, ha quindi ampliato la platea degli interventi rilevanti ai fini energetici.
 
Edifici pubblici
Negli edifici utilizzati dalle pubbliche amministrazioni e aperti al pubblico, con superficie utile totale superiore a 500 metri quadri e non ancora dotati di Ape, il proprietario o il soggetto responsabile della gestione ha l’obbligo di produrre l'attestato di prestazione energetica entro il 4 dicembre 2013, cioè entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della legge che ha convertito il DL Ecobonus. Dal 9 luglio 2015, la soglia di 500 metri quadri viene abbassata a 250. L’attestato deve essere affisso all'ingresso dell'edificio o in altro luogo chiaramente visibile al pubblico.


Ricordiamo che è in discussione la possibilità di eliminare la nullità dei contratti di compravendita e affitto a cui non sia allegato l'APE e di sostituirla con una sanzione amministrativa (Leggi Tutto).


Per essere sempre aggiornato, seguici anche sui nostri canali social: Facebook e Twitter.
  (riproduzione riservata)
Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Normativa sull'argomento

Inserisci un commento alla news

Non hai un account Facebook?

Clicca qui
I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news più precisa e completa.
Altri Commenti

gepy

Per incrementare l'attività nell'edilizia si dovrebbero : agevolare l' IVA al 5% per tutti i tipi d'intervento; consentire il recupero fiscale " per sempre"; snellire la burocrazia nei Comuni con semplice modustiche da uniformare iin tutti i Comuni ; esenzione da pagamento di qualsiasi onere (diritti, oneri, permessi a 100 Enti, ecc.ma che decida - magari anke con piccolo spese - il Comune velocemente!!!!);altre soluzioni le vedano (se ci vedono o loro preferiscono vedere altre cose con grossi tornaconti per loro) i Ns. amatissimi politici perchè devono sapere (lo sanno?) che l'edilzia è il motore trainante del Ns. amatissimo Paese. Grazie

NEWS IN TEMPO REALE?
ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI SOCIAL







Ytong
Nuovo termometro a immagine IR
Controsoffitti acustici
-15%
Repertorio di piani di sicurezza e coordinamento
REPERTORIO DI PIANI DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

Prezzo: € 30

Offerta: € 25,5

-5%
Busta paga edilizia
BUSTA PAGA EDILIZIA

Prezzo: € 41

Offerta: € 38,95

SismiCad 12