Io consiglio Uretek

Piemonte, ai privati la manutenzione e la costruzione delle scuole

Fondi immobiliari, leasing in costruendo e contratti di disponibilità per intervenire sugli edifici

vedi aggiornamento del 29/09/2014
Letto 5080 volte

05/11/2013 - La Regione Piemonte apre al partenariato pubblico-privato per la costruzione e la manutenzione degli edifici scolastici.

 
La Regione consentirà agli enti locali proprietari degli edifici, di accedere a strumenti finanziari innovativi come i fondi immobiliari, i leasing in costruendo e i contratti di disponibilità, promuovendo di fatto l’impiego dei capitali privati per il finanziamento di opere edilizie (costruzioni, ampliamenti, manutenzioni) sul patrimonio pubblico.
 
Fondi immobiliari
Si potrà ricorrere ai fondi immobiliari qualora, ad esempio, si voglia dismettere e vendere una vecchia scuola per recuperare risorse con cui costruirne una nuova; in tal caso, verrà istituita una Società di gestione del risparmio in cui vengono conferiti sia gli edifici da dismettere, sia i capitali pubblici e privati.
 
Leasing in costruendo
Nel caso del leasing in costruendo l’ente pubblico corrisponde un canone al soggetto privato che si fa carico della costruzione di una nuova scuola o di interventi su un edificio già esistente di cui diventa temporaneamente proprietario. 

Contratto di disponibilità
Questa formula di finanziamento prevede che l’ente pubblico affidi a un soggetto privato la costruzione a suo rischio e spesa di un’opera di proprietà privata, a disposizione però della pubblica amministrazione in cambio di un canone. 
 
Con il trasferimento temporaneo della proprietà pubblica degli immobili oggetto degli interventi, i privati potranno anche accedere ai contributi regionali previsti per la manutenzione del patrimonio edilizio scolastico, a patto che l’edificio mantenga la destinazione scolastica per almeno vent’anni e che al termine del contratto di finanziamento la proprietà ritorni all’ente pubblico. 
 
“L’apertura a forme di partenariato pubblico-privato in ambito di edilizia scolastica - ha commentato l’assessore regionale all’Istruzione Alberto Cirio - è un meccanismo virtuoso che ha come obiettivo quello di far confluire anche risorse private nella costruzione e manutenzione delle nostre scuole”.
 
“Questa - ha sottolineato l’assessore - è una modalità che lo stesso Ministero dell’Istruzione ha invitato le Regioni ad adottare, non solo per favorire una moltiplicazione delle risorse disponibili per questi interventi, ma anche per venire incontro alle esigenze degli enti locali, vincolati in modo forte dal patto di stabilità nella possibilità operativa di avviare dei cantieri”.

Foto tratta da www.indire.it/eventi/quandolospazioinsegna (riproduzione riservata)
Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla news

Non hai un account Facebook?

Clicca qui
I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news più precisa e completa.
NEWS IN TEMPO REALE?
ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI SOCIAL







ecoBLOCK plus
Controsoffitti acustici
Mapelastic Turbo
Promozione Internorm