Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Rinnovabili nei nuovi edifici, rinviato al 2015 l’obbligo del 35%

di Rossella Calabrese
Commenti 35411

Il Milleproroghe fa slittare al 1° gennaio 2015 la disposizione prevista dal Decreto Rinnovabili

Vedi Aggiornamento del 26/02/2014
Commenti 35411
31/01/2014 - Posticipato di un anno l’obbligo di dotare gli edifici nuovi e quelli sottoposti a ristrutturazioni rilevanti di impianti di produzione di energia che ne producano almeno il 35% da fonti rinnovabili.
 
Si tratta di un obbligo previsto dal Decreto Rinnovabili (Dlgs 28/2011) il cui articolo 11 impone che i progetti di edifici di nuova costruzione e i progetti di ristrutturazioni rilevanti degli edifici esistenti debbano prevedere l’utilizzo di fonti rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento, pena il diniego del titolo edilizio.
 
Le percentuali di rinnovabili da impiegare sono state scaglionate nel tempo:
a) il 20% per le richieste di titolo edilizio presentate dal 31 maggio 2012 al 31 dicembre 2013;
b) il 35% per le richieste di titolo edilizio presentate dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2016;
c) il 50% se il titolo edilizio è rilasciato dal 1° gennaio 2017.

Il disegno di legge di conversione del DL Milleproroghe, approvato dal Senato, interviene sul Decreto Rinnovabili allungando di un anno il primo scaglione: fino alla fine di quest’anno, quindi, l’obbligo resta al 20% di energia da fonti rinnovabili.
 
Il Decreto Rinnovabili prevede, inoltre, valori crescenti per la potenza elettrica degli impianti da fonti rinnovabili da installare sopra o all’interno dell’edificio:
 
a) K = 80, quando la richiesta del titolo edilizio è presentata dal 31 maggio 2012 al 31 dicembre 2013;
b) K = 65, quando la richiesta del titolo edilizio è presentata dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2016;
c) K = 50, quando la richiesta del titolo edilizio è presentata dal 1° gennaio 2017.

K è un coefficiente (m2/kW) per calcolare la potenza elettrica, misurata in kW, secondo la seguente formula: P= 1/K x S, dove S è la superficie in pianta dell’edificio al livello del terreno, misurata in m2.
 
Anche in questo caso, l’obbligo di K = 65 slitta al 1° gennaio 2015 e, fino al 31 dicembre 2014, è obbligatorio K = 80.

“Questo provvedimento rappresenta l’ennesimo cambio in corsa delle regole, a tutto svantaggio della generazione distribuita - afferma il Presidente di assoRinnovabili, Agostino Re Rebaudengo. Appare inconcepibile la scelta di rallentare un settore che ha dimostrato di essere una leva propulsiva per il comparto edilizio e più in generale per l’economia nel suo complesso”. assoRinnovabili chiede quindi al Governo di porre rimedio ripristinando i termini per gli obblighi minimi prescritti dal Dlgs 28/2011.


Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento segui la nostra redazione anche su Facebook, Twitter e Google+
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
Francesco Passerini

Scusate l'ignoranza, per un edificio nuovo per calcolare il 20% dell'energia bisogna conoscere i consumi elettrici, ad esempio in un edificio occupato da uffici i consumi dei server. I consumi elettrici vanno calcolati in modo convenzionale o tenendo conto delle apparecchiature che effettivamente verranno connesse alla rete (cosa difficile da sapere in fase di progetto.. e poi bisognerebbe conoscere le ore di utilizzo)? Se in modo convenzionale, sulla base di che documenti?

Bulaggn capitale

In Emilia Romagna il 35% è già obbligo da un bel po'...ER guida il paese!

Edilportale

Gentile Cesare, la proroga non è contenuta nel DL Milleproroghe ma nel disegno di legge di conversione, approvato dal Senato e ora all'esame della Camera.

cesare

Guardando il decreto http://www.leggioggi.it/2014/01/03/decreto-milleproroghe-2013-2014-il-testo-dei-due-atti-usciti-gazzetta/ non ho trovato alcun riferimento, potete indicarmelo? grazie