Carrello 0
TECNOLOGIE

Da ENEA un innovativo sistema di isolamento sismico per gli edifici

di Rossella Calabrese
Commenti 9011

Presentata una piattaforma da realizzare sotto le fondazioni delle costruzioni esistenti

Vedi Aggiornamento del 11/09/2017
Commenti 9011
14/05/2015 - Una ‘piattaforma isolante’ che attenua l’impatto delle scosse sismiche sull’edificio, che viene realizzata sotto le fondazioni, senza alcun intervento sulle costruzioni sovrastanti, e non prevede interventi invasivi per le strutture e le architetture interessate, anche nel caso dei locali sotterranei, che diventano così parte integrante della sovrastruttura isolata.
 
È l’innovativo sistema di isolamento sismico per edifici esistenti realizzato dall’ENEA insieme al Politecnico di Torino, che può applicarsi a qualsivoglia costruzione, di piccole o grandi dimensioni, ma anche ad interi aggregati edilizi o impianti (come i centri storici) a rischio di incidente rilevante.

Il sistema di isolamento sismico per edifici esistenti è un brevetto presentato qualche anno fa e proposto per l’adeguamento sismico di alcuni edifici storici all’Aquila, ma non ancora realizzato. Attualmente è oggetto di una proposta di progetto di ricerca in via di preparazione, in ambito europeo con numerosi partner italiani e stranieri. Una delle prime applicazioni dimostrative potrebbe essere in Italia.
 
Leggi la sintesi del progetto. Un filmato esplicativo è disponibile a questo link, cliccando su: Retrofit of existing buildings e successivamente su Palazzo Margherita in L'Aquila, Italy (animation).

Il sistema è stato presentato qualche giorno fa nel convegno “Tueor ergo ero” (“Proteggo quindi sarò”) presso la sede dell’Agenzia a Roma. Una occasione - a pochi giorni dal drammatico terremoto che ha provocato migliaia di vittime e distrutto gran parte del patrimonio monumentale ed edilizio del Nepal - nella quale l’ENEA ha riunito esperti delle principali istituzioni impegnate nella salvaguardia dei beni culturali dal rischio sismico e idrogeologico, per fare il punto sulle innovazioni tecnologiche per rafforzare la sicurezza degli edifici di interesse storico e artistico a livello internazionale.
 
“La distruzione di un monumento-simbolo come la torre Dharahara di Katmandu è la dimostrazione di come la prevenzione, la valutazione dei potenziali effetti e l’attenta analisi della vulnerabilità delle strutture siano essenziali nella tutela del patrimonio culturale e artistico - ha dichiarato l’esperto ENEA Paolo Clemente. Le competenze ENEA in questi settori, derivate dalla ricerca in campo energetico, hanno consentito all’Agenzia di sviluppare una serie di  progetti non invasivi per la prevenzione del rischio sismico e idrogeologico su monumenti ed edifici storici in Italia e nel mondo”.

Tra le ultime campagne sperimentali condotte in Italia dai ricercatori ENEA figurano quelle sugli effetti delle vibrazioni ambientali su alcuni monumenti di Roma, tra cui le Colonne Traiana e di Marco Aurelio, e la valutazione della stabilità della copertura della Villa dei Misteri a Pompei. In ambito UNESCO, l’ENEA ha svolto numerose attività, tra cui studi sulla stabilità di alcuni minareti in Afghanistan e sul rischio geomorfologico a Machu Picchu in Perù.
 
Attualmente è in corso l’analisi della Torre Stilita di Umm er Rassas in Giordania, in collaborazione con ISPRA. Di particolare interesse anche l’analisi multi-hazard nell’area di Valparaiso in Cile e il progetto per l’isolamento sismico del Museo Nazionale di Teheran, in collaborazione con il locale Istituto di Sismologia e Ingegneria Sismica e con l’Università Mediterranea di Reggio Calabria.
 
Infine, presso i laboratori di ‘Qualificazione Materiali’ del Centro Ricerche della Casaccia, l’ENEA ha condotto studi sul comportamento sismico della struttura della Chiesa di Santa Irene a Istanbul, grazie al sistema delle ‘Tavole Vibranti’ utilizzate anche per un progetto europeo riguardante la sperimentazione della volta a crociera della Moschea di Algeri.
 
 

 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui