Carrello 0
NORMATIVA

Condominio, si può allacciare un radiatore o un bagno in più?

di Paola Mammarella
Commenti 9285

Cassazione: sì se non si incide sulla funzionalità dell’impianto e se si rispettano i diritti degli altri condomini

Vedi Aggiornamento del 14/03/2016
Commenti 9285
26/06/2015 – Può un condomino allacciare un radiatore aggiuntivo all’impianto di riscaldamento condominiale o realizzare un bagno aggiuntivo nella propria abitazione?  
 
La Cassazione con la sentenza 11445/2015 ha risposto di sì, a condizione che non si alteri la destinazione della cosa comune, non si incida sulla funzionalità dell’impianto e gli altri condomini possano continuare ad utilizzarlo nello stesso modo.
 
I giudici hanno spiegato che ogni condomino è libero di servirsi della cosa comune anche per fini propri purchè non crei un pregiudizio agli altri.
 
Allo stesso tempo la Cassazione ha sottolineato che l’allaccio di nuove utenze non modifica la destinazione della rete idrica, elettrica o fognaria che per sua natura è pensata per accogliere nuove utenze.
 
Se, quindi, il condominio vuole negare l’autorizzazione deve dimostrare che l’allaccio potrebbe incidere sulla corretta funzionalità dell’impianto.

Segui la nostra redazione anche su Facebook, Twitter e Google+


 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
01COCCO

non si parla della ripartizione delle spese ! chi allaccia 1 radiatore in più pagherà di più ? oppure devono pagare gli altri condomini il suo maggior comfort ? NON SI CAPISCE !