Carrello 0
AMBIENTE

Finalmente approvato il Collegato Ambiente

di Rossella Calabrese
Commenti 7368

35 milioni di euro per la mobilità sostenibile, 10 milioni per demolire gli edifici abusivi in aree a rischio

Vedi Aggiornamento del 23/06/2016
Commenti 7368
23/12/2015 - Risorse per la mobilità sostenibile e per la demolizione di edifici realizzati in aree ad alto rischio, interventi contro il rischio idrogeologico, credito di imposta per le imprese che rimuovono l’amianto.
 
Sono i principali contenuti del Collegato Ambiente approvato in via definitiva dalla Camera dopo un iter molto lungo e diversi passaggi nei due rami del Parlamento.
 

Mobilità sostenibile

Vengono destinati 35 milioni di euro al primo programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro (piedibus, car-pooling, car-sharing, bike-pooling e bikesharing), alla realizzazione di percorsi protetti per gli spostamenti tra casa e scuola, a piedi o in bicicletta, all’educazione e sicurezza stradale, alla riduzione del traffico, dell’inquinamento e della sosta delle auto in prossimità delle scuole e delle sedi di lavoro. Sarà finanziata la copertura INAIL per gli incidenti in bicicletta nel tragitto casa-lavoro.
 
5 milioni di euro per l’anno 2016 saranno assegnati alla Regione Emilia-Romagna per la riqualificazione ad uso ciclopedonale del vecchio tracciato ferroviario dismesso, al fine di completare il percorso ciclopedonale Bologna-Verona, all’interno del corridoio EUROVELO 7.
 

Demolizione di edifici abusivi in aree a rischio idrogeologico

Viene istituito un Fondo da 10 milioni di euro per il 2016 per l’abbattimento di immobili abusivi realizzati in aree ad alto rischio. Attraverso il Fondo, lo Stato anticiperà ai Comuni le risorse necessarie ad effettuare le demolizioni; successivamente i Comuni si rivarranno sui responsabili degli abusi. 
 

Prevenzione del dissesto idrogeologico

Viene modificato in più punti il Testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001) al fine di richiamare nelle varie disposizioni e procedure la normativa, gli interessi e i vincoli collegati alla tutela dell’assetto idrogeologico. Inoltre, agli atti e procedimenti relativi al rischio idrogeologico non si applicherà la disciplina generale sul silenzio-assenso.
 
Con una modifica alla disciplina dello sportello unico per l’edilizia, che acquisisce gli atti di assenso e rilascia i provvedimenti, si precisa che lo sportello acquisisce presso le amministrazioni competenti anche gli atti di assenso delle amministrazioni preposte alla tutela dell’assetto idrogeologico e provvede anche al rilascio delle determinazioni provvedimentali a carattere idrogeologico.
 
Inoltre, si precisa che gli interventi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo (l’attività edilizia libera) devo essere eseguiti nel rispetto anche delle norme di tutela dal rischio idrogeologico e vengono aggiunti gli interessi di rispetto dell’assetto idrogeologico tra quelli da considerare nel caso di demolizione di un’opera abusiva.
 
Al TUE viene aggiunto il richiamo alle norme sulla tutela dell’assetto idrogeologico tra quelle che devono essere rispettate nella realizzazione di nuovi impianti, lavori, opere, modifiche, installazioni, relativi alle fonti rinnovabili di energia, alla conservazione, al risparmio e all'uso razionale dell’energia, per i quali non è dovuto il contributo di costruzione.
 

Fondo per la progettazione di interventi contro il rischio idrogeologico

Per accelerare la predisposizione del Piano nazionale contro il dissesto idrogeologico, favorendo le attività progettuali, viene istituito presso il Ministero dell’ambiente il Fondo per la progettazione degli interventi contro il dissesto idrogeologico.
 
Al Fondo affluiscono 100 milioni di euro già assegnati dal CIPE con Delibera 32 del 20 febbraio 2015 e quelle destinate alla progettazione nei quadri economici dei progetti definitivi approvati. Il funzionamento del Fondo sarà disciplinato con un Dpcm, su proposta del Ministro dell’ambiente, da adottare entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del Collegato Ambiente.
 
Al Fondo dovrebbero accedere i 5 interventi urgenti ma con una progettazione ancora non definitiva, indicati dalla task force Italiasicura a fine ottobre. Si tratta dei lavori relativi al Fiume Saline a Montesilvano (PE), alla messa in sicurezza della città di Parma e del nodo idraulico di Colorno, alla Variante a Monterotondo (RM), alla cassa di espansione del fiume Dora Riparia a protezione della città di Torino, alla manutenzione dei canali di Maltempo a Palermo.
 

Bonus amianto

Sarà riconosciuto un credito di imposta del 50% alle imprese che bonificano dall’amianto i propri capannoni. Per ottenere l’agevolazione, gli investimenti devono ammontare ad almeno 20.000 euro. Il limite di spesa complessivo della misura è di 5,667 milioni di euro per ciascuno degli anni 2017, 2018 e 2019. Il bonus sarà riconosciuto in tre rate annuali. Il credito di imposta non concorrerà alla formazione del reddito né della base imponibile dell'imposta regionale sulle attività produttive (Irap). L'agevolazione sarà disciplinata nel dettaglio con un decreto del Ministero dell'Economia che sarà emanato entro 90 giorni dall'entrata in vigore della legge. 
 

Autorità di bacino

Sarà riscritta la disciplina in materia di autorità di bacino al fine di potenziare la programmazione di prevenzione del dissesto idrogeologico e saranno incentivati i contratti di fiume.
 

Acquisti verdi nelle P.A.

Le imprese in possesso di una registrazione Emas che partecipano ad appalti pubblici beneficeranno di una riduzione fino al 30% della cauzione a corredo dell'offerta. Anche per l'assegnazione di contributi e fondi in materia ambientale il possesso della registrazione Emas sarà considerato un elemento di preferenza. Inoltre, tra i criteri per la valutazione dell'offerta economicamente più vantaggiosa vengono inseriti la titolarità di un marchio Ecolabel e il ciclo di vita dell'opera, come previsto dalla nuova direttiva europea sugli appalti pubblici.
 

Le altre misure

Sono previste norme che rafforzano il recupero e il riciclo delle materie prime seconde, la riduzione della quantità di rifiuti prodotti, agevolazioni sulle tasse sui rifiuti per i comuni virtuosi, un catalogo dei sussidi ambientalmente dannosi.
 

Il commento di Ermete Realacci

“Una buona notizia per il Paese e per la nostra economia: atteso da molto tempo arriva finalmente il via libera definitivo della Camera al Collegato Ambiente, una piccola finanziaria verde che aiuta la società e le imprese ad andare nella direzione di un’economia più green e circolare. La strada indicata anche dalla Cop21 di Parigi”. Così Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente della Camera.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui