Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Toscana, 15 milioni di euro per edilizia pubblica sperimentale

di Rossella Calabrese
Commenti 3183

Finanziati 20 progetti di co-housing, case temporanee e autocostruzione

Commenti 3183
20/01/2016 - Alloggi in co-housing che favoriscano le relazioni sociali, abitazioni temporanee e case in autocostruzione o autorecupero.
 
Sono questi i cardini del programma di misure sperimentali di edilizia residenziale pubblica, che la Regione Toscana ha finanziato con un plafond di quasi 15 milioni di euro.
 
Si tratta, nello specifico, di interventi finalizzati a realizzare alloggi destinati alla locazione, con caratteristiche di sostenibilità ambientale e che favoriscano le relazioni umane e sociali (il cosiddetto co-housing), strutture di alloggio temporanee, gestite dai Comuni o da soggetti gestori, per affrontare situazioni di grave emergenza abitativa, e di interventi di autocostruzione o auto recupero di alloggi destinati alla locazione o altro titolo di godimento.
 
Delle 51 proposte pervenute, ne sono finanziate 20, sulla base delle graduatorie approvate dalla Regione in merito alle misure sperimentali all’interno del programma.
 
In particolare, oltre 7,4 milioni di euro saranno destinati alla realizzazione di 46 alloggi relativi al co-housing nei Comuni di Incisa Figline, Bientina, Capannori, Prato, Livorno, Vaiano. Altri 3,8 milioni di euro sono stati messi a disposizione per la realizzazione di nove interventi per complessivi 31 alloggi temporanei nei Comuni di Pontassieve, Livorno, Cascina, Firenze, Lamporecchio.
 
Infine, oltre 3,6 milioni di euro saranno utilizzabili per la realizzazione di 82 alloggi in autocostruzione o autorecupero nei Comuni di Chiusi della Verna, Firenze, Collesalvetti, Arezzo, Terranuova Bracciolini. Ora i beneficiari avranno 6 mesi di tempo per dare avvio ai lavori.
 
“Mettiamo in opera una misura molto attesa - sottolinea l’assessore all’edilizia residenziale pubblica Vincenzo Ceccarelli - che rischiava di arenarsi a causa dei sopravvenuti vincoli di bilancio. Abbiamo fortemente voluto rispettare gli impegni presi, nonostante i mutati scenari, in quanto riteniamo che si tratti di misure che daranno sollievo ai bisogni abitativi di tanti cittadini, oltre a rappresentare forme innovative e non convenzionali di approccio al problema dell’abitare in Toscana”.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui