Carrello 0
ANTINCENDIO

Prevenzione incendi: aggiornati i programmi dei corsi

di Alessandra Marra
Commenti 7735

Eliminato anche il vincolo massimo dei 60 partecipanti e chiarite le modalità di scelta dei docenti

Vedi Aggiornamento del 21/06/2016
Commenti 7735
05/02/2015 – E’ stato aggiornato il programma base dei corsi antincendio per i professionisti alla luce delle novità introdotte dal DM 3 agosto 2015.
 
A riferirlo una circolare del Ministero dell’Interno in cui è allegato il nuovo programma aggiornato del corso base di specializzazione antincendio, che sostituirà la precedente versione.
 

Prevenzione incendi: il programma aggiornato

Il corso si articola di tredici moduli formativi per un percorso di minimo 120 ore. Il soggetto organizzatore però può inserire ulteriori aggiornamenti ai singoli moduli, per una durata complessiva maggiore.
 
Per alcuni moduli saranno previsti dei test di verifica dell’apprendimento e la predisposizione di un progetto di prevenzione incendi sotto la guida del docente.
 
La frequenza delle lezioni è obbligatorie ed infatti non potranno sostenere l’esame finale coloro che abbiano maturato assenze superiori al 10% delle ore complessive.
 
I tredici moduli che compongono il corso trattano i seguenti argomenti: 1) Obiettivi, direttive, legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi; 2) Fisica e chimica dell’incendio; 3) Tecnologia dei materiali e delle strutture di protezione passiva; 4) Tecnologia dei sistemi e degli impianti di protezione attiva – Sicurezza degli impianti tecnologici; 5) Valutazione del rischio incendio e Gestione della sicurezza antincendio; 6) Procedure di prevenzione incendi; 7) Approccio ingegneristico e sistema di gestione della sicurezza; 8) Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro; 9) Attività a rischio di incidente rilevante; 10) Progettazione in mancanza di regole tecniche; 11) Progettazione in presenza di regole tecniche – Attività di tipo civile; 12) Progettazione in presenza di regole tecniche – Attività di tipo industriale; 13) Visita presso una attività soggetta.
 
Per ciascun modulo viene indicato il numero minimo di lezioni, con gli argomenti da sviluppare per ciascuna lezione.
 

Prevenzione incendi: organizzazione degli eventi formativi

La circolare mette in evidenza che, come richiesto in precedenza dagli Ordini e dai Collegi provinciali, è stato eliminato il numero massimo di partecipanti, fino a ieri limitato a 60 unità. Rimane però la necessità di assicurare l’efficacia dell’attività formativa erogata dal soggetto organizzatore.
 
Per l’organizzazione degli eventi formativi la circolare chiarisce che è l’organizzatore del corso che individua il corpo docente mentre alle strutture del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco (C.N.VV.F.) è assegnata la facoltà di proporre ai soggetti organizzatori i nominativi di dirigenti e funzionari operativi del C.N.VV.F. a cui affidare l’incarico di docenza.
 
Comunque al fine di mettere a punto corsi sempre più qualificati il Ministero dell’Interno esorta il costante confronto tra Direzioni Regionali, Comandi Provinciali, Ordini/Collegi professionali e Autorità scolastiche e universitarie per individuare le migliori professionalità disponibili, sia tra i tecnici esperti che tra i funzionari VV.F. 
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui