Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Adeguamento antisismico delle scuole, ecco i 50 interventi finanziati

di Alessandra Marra
Commenti 11544

Via libera dalla Corte dei conti al decreto da 37,5 milioni di euro. Le Regioni avranno dieci mesi per aggiudicare i lavori e due anni per eseguirli

Vedi Aggiornamento del 25/05/2016
Commenti 11544
26/02/2016 - In partenza il piano di adeguamento sismico nelle scuole che prevede una dotazione di circa 37,5 milioni di euro, sui 40 disponibili per le annualità 2014 e 2015, per 50 interventi sui immobili scolastici.

È stato infatti registrato alla Corte dei conti il DM 943 dell'11 febbraio 2016 con l'elenco delle scuole assegnatarie delle risorse per l'adeguamento antisismico degli edifici, previste dalla legge Buona Scuola  (Legge 107/2015) per rendere più sicure le scuole che sorgono nelle zone particolarmente esposte a rischio sismico.
 

Antisismica nelle scuole: 37, milioni di euro per 50 interventi

Su uno stanziamento complessivo di 40 milioni, saranno erogati 37.536.601 euro per un totale di 50 interventi.

Italiasicura in una nota fa sapere che gli ulteriori 2,5 milioni non assegnati andranno a cumularsi con i 20 milioni di euro dei Fondi protezione civile del 2016.

In allegato al decreto l’elenco degli interventi suddivisi per Regione; la Regione con il maggior numero d’interventi è la Lombardia con ben 12 strutture interessate dai lavori per l’adeguamento sismico. Nessun intervento previsto in Sardegna e in Valle d’Aosta.  
 

Adeguamento sismico nelle scuole: le procedure per i lavori

Il decreto stabilisci la tabella di marcia da rispettare nell’affidamento e nell’esecuzione dei lavori: entro 10 mesi dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale l'ente locale devono approvare la progettazione esecutiva e devono affidare l'appalto, almeno in via provvisoria.
Dall’aggiudicazione definitiva alla fine dei lavori devono passare massimo due anni

Le erogazioni verranno liquidate in base allo stato di avanzamento lavori fino al 90% dell'importo; il restante 10% viene liquidato a seguito dell’avvenuto collaudo con certificato di regolare esecuzione.

All'ente locale potrà riutilizzare il 50% delle economie di gara nell'ambito dello stesso appalto solo in caso di varianti dovute a eventi imprevisti o imprevedibili o per opere complementari. 
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
oooooo

fhjgchc