Carrello 0
PROGETTAZIONE Costruire off limits, 10 strutture che sfidano la natura
PROGETTAZIONE

Costruire off limits, 10 strutture che sfidano la natura

di Paola Mammarella
Commenti 9138

Edifici dirompenti ma integrati nel paesaggio, di grande difficoltà realizzativa ma di straordinaria bellezza

Commenti 9138
22/02/2016 – Vivere a pochi passi dall’acqua, sotto terra o a strapiombo sul dirupo di una montagna. Sono soluzioni estreme, in molti casi diventate icone. Le soluzioni progettuali individuate dagli architetti di tutto il mondo per realizzare le opere in un contesto insolito danno vita a strutture dal forte impatto e, spesso, altamente integrate con la natura circostante.
 
Se la bellezza del risultato non si discute, la fase di realizzazione può comportare delle difficoltà. Basti pensare al trasporto dei materiali e alle condizioni di lavoro a quote così elevate o in ambienti estremi.
 

Villa Malaparte - Capri

Villa Malaparte
L’edificio si trova sull’isola di Capri su uno stretto promontorio roccioso. Progettata negli anni ’30 dall’architetto Adalberto Libera, ma probabilmente con un grande contributo dello scrittore e proprietario del terreno, Curzio Malaparte, rappresenta l’integrazione tra la modernità razionalista e l’ambiente naturale. 
 

Casa sulla cascata - USA

casa cascata
Conosciuta anche come Fallingwater, o Casa Kaufmann dal nome del suo proprietario, è una villa situata in Pennsylvania, realizzata alla fine degli anni ’30 sul progetto dell'architetto Frank Lloyd Wright e rientrante nel filone dell’architettura organica, che promuove l’armonia  tra uomo e natura. Oggi è una casa museo.
 

Stamp House - Australia

stamp house
La struttura, progettata dallo studio Charles Wright Architects, si trova in una zona climatica estrema, a ridosso della foresta del Far North Queensland, in Australia. L’edificio, realizzato nel 2013, è a prova di ciclone e produce le risorse necessarie per il proprio ciclo di vita. Un esempio di architettura energeticamente sostenibile e integrata nel contesto naturale.
 

Museo di Arte Contemporanea di Niteroi - Brasile

Museo di Arte Contemporanea di Niteroi
Progettato dall’architetto brasiliano Oscar Niemeyer nel 1996, il museo si trova su una roccia della baia di Guanabara a Niteroi, in Brasile. L’edificio è concepito come un fiore che sboccia sul mare
 

Skyway - Monte Bianco

skyway monte bianco
Realizzato nel 2015 dallo studio Carlo Cillara Rossi, si compone di tre stazioni sciistiche che rappresentano i valori di sostenibilità nell’ambiente e degli elementi naturali nelle diverse quote. Ogni stazione ha una differente tipologia architettonica, in stretta relazione con il proprio contesto ambientale.
 

Petronas Twin Towers - Malesia

petronas towers
Costruite a Kuala Lumpur dall'architetto argentino Cesar Pelli tra il 1995 e il 1998, sono collegate dallo Skybridge a 171 metri di altezza dal suolo. La pianta di entrambe le torri è composta da due quadrati ruotati e sovrapposti a formare una stella iscritta in un cerchio, simbolo della diffusione della religione islamica. Le fondamenta sono composte da 13.200 m cubi di cemento armato per uno spessore di 4,5 metri, del peso di 32.550 tonnellate sotto ogni torre, supportato da 104 pilastri di lunghezza variabile dai 60 ai 115 metri di lunghezza. Le strutture sono composte da cemento di resistenza diversa fino a 80, acciaio e superfici finestrate.
 

Grand Canyon Skywalk

grand canyon skywalk
Aperto al pubblico nel 2007, il Grand Canyon Skywalk è stato progettato dallo studio M.R.J. Architects. È una passerella sospesa nel vuoto a circa un chilometro di altezza e a 21 metri di distanza dalla parete del canyon. La struttura in acciaio a forma di ferro di cavallo è coperta da vetro rinforzato. La struttura può resistere a raffiche di vento fino a 161 chilometri orari e a terremoti di magnitudo 8.0 che si verifichino in un raggio di 80,5 chilometri.
 

Costruire in condizioni estreme

Nella progettazione di edifici e strutture destinati ad altitudini elevate o a condizioni climatiche proibitive è necessario tenere in considerazione le possibili difficoltà riscontrabili nella fase di realizzazione. Operai e maestranze saranno esposti a condizioni di lavoro più dure del normale.


I materiali dovranno essere trasportati ad alta quota con elicotteri, dove spesso non è possibile creare un deposito.
Elementi che, oltre a far lievitare i costi di realizzazione, possono comportare imprevisti in cantiere e di cui bisogna tenere conto nella scelta dei materiali e delle tecnologie da mettere in pratica.
 

Scatola Bianca - Valencia

scatola bianca
Si trova vicino Valencia ed è stata progettata nel 2010 da Fran Silvestre arquitectos. È una casa incassata nella roccia alle spalle della quale c’è uno strapiombo verso il vuoto nella valle de Ayora. I giochi d’ombre durante la giornata modificano l’impatto delle sue geometrie sull’ambiente circostante.
 

La chiesa nella roccia - Helsinki

helsinki chiesa nella roccia
La chiesa si trova nel quartiere di Taivallahti, caratterizzato da una roccia presente nella piazza centrale. Per rispondere all’esigenza di un edificio di culto nella piazza, nel 1961 venne indetto un concorso di progettazione, poi vinto dagli architetti Timo e Tuomo Suomalainen che hanno realizzato la chiesa salvaguardando lo stato dei luoghi. La roccia è stata in parte svuotata e al suo interno è stata incassata la chiesa, che è invisibile per chi arriva dalla strada, ma emerge man mano che ci si avvicina.
 

Caserma dei Vigili del Fuoco di Magrè

caserma vigili fuoco magrè
Non porta la firma di architetti illustri, ma la caserma dei Vigili del Fuoco di Magrè, in Alto Adige, rappresenta un caso di sostenibilità e integrazione nel paesaggio applicato alla vita quotidiana. La caserma è completamente ipogea ed è composta da tre caverne scavate nella roccia. Gran parte dell’energia necessaria al suo funzionamento viene prodotta  dal calore naturale della roccia.

 

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui