Carrello 0
URBANISTICA

L’INU a Congresso a Cagliari dal 28 al 30 aprile

di Rossella Calabrese
Commenti 5179

Saranno presentati il ‘Progetto Paese’ e il ‘Rapporto del Territorio 2016’

Vedi Aggiornamento del 28/04/2016
Commenti 5179
05/02/2016 - Si terrà a Cagliari, dal 28 al 30 aprile prossimi, il ventinovesimo Congresso dell’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU).
 
Oltre ad eleggere i propri dirigenti, i membri dell’associazione nazionale di riferimento per la pianificazione e il governo del territorio, elaboreranno un ‘Progetto Paese’ da sottoporre alle istituzioni nazionali, che sia in grado di segnare un profondo rinnovamento della disciplina.
 

Cos’è il ‘Progetto Paese’

Il ‘Progetto Paese’ sarà un pacchetto di proposte operative. “È giunto il momento di rinnovare la cultura e la disciplina urbanistica, percepite solo per gli aspetti vincolistici, quantitativi, edilizi” spiega la presidente INU, Silvia Viviani. Occorre ripartire dagli obiettivi, relativi al miglioramento della qualità e delle condizioni di convivenza nelle città. L’urbanistica deve quindi essere in grado di rispondere a nuovi bisogni, come l’inclusione sociale e l’adattamento climatico, e utilizzare nuovi strumenti, a cominciare dalle innovazioni tecnologiche.
 
“L’urbanistica - prosegue Viviani - deve cominciare a parlare un linguaggio universale a tutti i livelli, e a tutti i livelli, dallo Stato fino alle città, i compiti devono essere chiari e definiti, senza duplicazioni. L’urbanistica deve diventare un sistema di strumenti e capacità in grado di rendere più semplice e attuabile la rigenerazione urbana, tanto da farne un progetto collettivo”.
 

Il ‘Rapporto del Territorio 2016’

Il ‘Progetto Paese’ sarà presentato nella seconda giornata del Congresso, il 29 aprile, quando ci sarà spazio anche per le sue declinazioni locali, curate dalle sezioni regionali dell’INU. Nella prima giornata è in programma, tra l’altro, la presentazione del ‘Rapporto del Territorio 2016’, un accurato lavoro di ricerca dell’INU che dà conto dello stato della pianificazione urbanistica e territoriale nel nostro Paese, quest’anno realizzato in collaborazione con il Cresme. Il 30 aprile si terrà l’assemblea dei soci.
 

Il governo del territorio in Sardegna

Il sindaco di Cagliari, Massimo Zedda, si dice onorato “che l’Istituto Nazionale di Urbanistica abbia scelto Cagliari per il suo XXIX Congresso. Un’altra importante iniziativa che si aggiunge al lungo elenco di appuntamenti di livello nazionale e internazionale in una città che sta vivendo un momento di grande trasformazione. Abbiamo portato avanti in questi anni un modello di rigenerazione urbana basato sulla sostenibilità, sul non consumo del suolo, sulla riqualificazione dell’esistente sempre con l’idea di avere una città a misura degli abitanti e dei suoi visitatori. È una sfida che ci trova  preparati anche ora che Cagliari diventa Area Metropolitana e siamo  certi di poter trovare nuovi spunti da questo importante appuntamento”.
 
Cristiano Erriu, assessore all’Urbanistica della Regione Sardegna, inquadra il patrocinio dato all’evento all’interno di un contesto che ha visto “la Sardegna prima Regione ad aver adottato un Piano paesaggistico e che ora lavora al suo adeguamento negli ambiti interni e a una legge organica di governo del territorio. Il Congresso dell’INU consentirà di approfondire alcuni temi di comune interesse: la valorizzazione del patrimonio paesaggistico, attraverso un corretto inserimento delle trasformazioni del territorio perché si possa realizzare uno sviluppo sostenibile delle aree interessate; il contrasto e il contenimento del consumo del suolo, attraverso la promozione di politiche che garantiscano la salvaguardia del territorio rurale; infine, la promozione del riuso e della riqualificazione delle aree urbane compromesse e degradate”.

Il Congresso si svolgerà presso l’Auditorium comunale di piazza Dettori. Le attività collaterali saranno invece ospitate nella sede espositiva dell’archivio storico comunale.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui