Carrello 0
Vivere sotto terra, dieci esempi di strutture ipogee
PROGETTAZIONE

Vivere sotto terra, dieci esempi di strutture ipogee

di Paola Mammarella
Commenti 10641

Bassissimo impatto sul territorio, naturale isolamento termico e riduzione al minimo dei consumi energetici

Commenti 10641
21/03/2016 – Hanno pochissimo impatto sull’ambiente e abbattono di molto i consumi energetici. Sono le strutture ipogee: case, musei, biblioteche e altri esercizi pubblici realizzati sottoterra.
 
Se da una parte, queste strutture presentano un naturale isolamento termico, non sono soggette a dispersioni né esposte agli agenti atmosferici, dall’altra è necessario avere le idee molto chiare quando si progetta una architettura ipogea perchè, una volta realizzata, sarà difficile intervenire con delle modifiche.
 
Ecco degli esempi di strutture ipogee contemporanee.

Concert Hall Blaibach in Germania

La struttura è stata progettata dallo studio Peter Haimerl Architektur di Monaco per rivitalizzare la vita della città di Blaibach.

L’edificio si trova completamente sotto la superficie del villaggio ed è ricoperto da un monolite che richiama la tradizione degli intagliatori di pietra.
 

Danish National Maritime Museum in Danimarca 

Si trova a Helsingor, in Danimarca, ed è stato progettato dallo Studio BIG - Bjarke Ingels Group. La struttura dà al visitatore l’idea di partecipare al processo di costruzione delle barche.

Il museo è completamente interrato per non impattare con il “castello di Amleto” situato nelle immediate vicinanze.
 

Opificio Salpi a Perugia

Nothing Studio ha realizzato un prosciuttificio nelle campagna vicino Perugia mettendo al centro la sostenibilità. Un terzo dell’edificio si trova sotto una collina.

i tratta di una struttura ipogea a C coperta da un tetto verde che segue l’andamento naturale del pendio. Per la realizzazione sono stati adottati gli standard costruttivi LEED per la sostenibilità ambientale.
 

Cantina Antinori a Bargino - Firenze 

È stata realizzata dallo studio Archea Associati e si trova a Bargino, in provincia di Firenze nel contesto vinicolo-collinare del Chianti, a metà strada tra Firenze e Siena.

La costruzione fisica e concettuale della cantina per la produzione del vino è incentrata sul legame profondo e radicato con la terra.
 

Villa Vals in Svizzera

La casa, progettata dallo studio SeArch, appare nascosta nel pendio alpino ed è stata soprannominata “il buco”.

Grazie al completo interramento è stato possibile costruire molto vicino alle famose terme di Vals di Peter Zumthor.
 

Pachacamac Hill House in Perù

La struttura si trova in un sito Inca  a 40 chilometri da Lima.

È stata progettata dallo studio Longhi Architects per una coppia di filosofi che volevano ristabilire una relazione col territorio.
 

Road Museum in Estonia

Il museo a cielo aperto è stato progettato dallo studio Salto AB e si trova nella zona di un ufficio postale storico.

Al suo interno contiene dispositivi interattivi sullo sviluppo delle strade.
 

Casa semi ipogea a Marostica - Vicenza

L’edificio, progettato dall’architetto Dario Scanavacca, concepito per ottenere un basso impatto ambientale essendo incassato, in una condizione semi-ipogea, a ridosso della collina.

Si sviluppa su più livelli così che la copertura di ogni piano diventa il giardino di quello superiore.
 

Piscina del Roccolo in Lombardia

Progettata da Act Romegialli, è un padiglione ipogeo contenente una piscina ipogea ed altri locali abitabili.

Per la sua realizzazione sono stati sfruttati i dislivelli naturali presenti nel parco di una villa storica privata.
 

Cave Bianche Hotel a Favignana - Trapani

Situato a Favignana, la più grande delle isole Egadi, l’hotel sfrutta i numerosi spazi ipogei utilizzati un tempo per l'escavazione della calcarenite.

Gli edifici, realizzati su progetto dello studio Cusenza Salvo, occupano in parte la quota del piano di campagna, ed in parte la quota di escavazione.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui