Carrello 0
NORMATIVA

Sicilia, in vigore il Testo Unico dell’Edilizia

di Alessandra Marra
Commenti 13980

Ance: ‘dopo 15 anni la Regione recepisce le norme nazionali. Finalmente anche la Sicilia entra a fare parte dell'Italia nel campo delle costruzioni’

Commenti 13980
24/08/2016 – In Sicilia è entrata in vigore, dal 19 Agosto 2016, la norma che recepisce il DPR 380 del 2001 (Testo unico dell’Edilizia).
 
La Legge regionale 16/2016 è stata pubblicata nella Gazzetta ufficiale della Regione Sicilia del 19 agosto, diventando effettiva immediatamente.
 

La Sicilia recepisce il Testo Unico sull’Edilizia

L'Assemblea regionale siciliana (ARS) aveva recepito il Testo unico in materia di edilizia il 2 Agosto scorso con 60 voti favorevoli e uno solo contrario.
 
Il Testo approvato non comprende la sanatoria per gli abusi edilizi commessi tra il 1976 e il 1985 entro 150 metri dalla costa in quanto il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, l’aveva dichiarata inammissibile.
 
Il Testo, formato da 30 articoli, contiene molte novità per l’edilizia siciliana; ad esempio adesso gli enti locali siciliani dovranno adottare gli stessi strumenti urbanistici usati nel resto del Paese, come il “permesso di costruire” invece della “concessione edilizia”.
 

Ance: Sicilia in ritardo di 15 anni

Santo Cutrone, presidente di Ance Sicilia, ha commentato così l’approvazione della norma: “Dopo 15 anni la Regione siciliana recepisce, in maniera dinamica, il Testo unico dell’Edilizia che nel 2001 ha innovato in maniera evoluta e incentivante le norme in materia: finalmente anche la Sicilia entra a fare parte dell’Italia nel campo delle costruzioni. Non possiamo che essere soddisfatti”.
 
“Un grave ritardo”, aggiunge Cutrone, “che deve fare riflettere sull’urgenza di rivedere lo Statuto regionale affinché nel recepire le leggi nazionali l’Autonomia da freno dello sviluppo possa diventare una rapida opportunità di agganciare la ripresa e superare l’arretratezza economica e sociale dell’Isola. Adesso spetta a tutte le pubbliche amministrazioni applicare nella maniera più celere e coerente possibile le nuove norme, affinché il settore possa godere quanto prima dei tanti benefici vigenti nel resto d’Italia e finora negati alle imprese siciliane. Un gap di concorrenza che era diventato intollerabile e insostenibile. Fra questi, quelli introdotti dal “Decreto del Fare” che, modificando il Dpr 380, ha introdotto numerose semplificazioni, quali la demolizione e ricostruzione di edifici con modifica della sagoma”.
 
“Inoltre, gli enti locali siciliani adesso dovranno adottare gli stessi termini usati nel resto del Paese, come il “permesso di costruire” invece della “concessione edilizia”. “Non è solo una questione lessicale, ma anche di contenuti e procedure – spiega Santo Cutrone – che nel frattempo sono già cambiati col ‘decreto legislativo Scia’ entrato in vigore lo scorso 28 luglio e che cambieranno ulteriormente con il prossimo ‘decreto legislativo Scia 2’ già esitato lo scorso 15 giugno dal Consiglio dei ministri. Questo testo modificherà il Dpr 380 e, ad esempio, prevederà tre sole possibili alternative di provvedimenti amministrativi per l’attività edilizia: il Permesso di costruire, la Segnalazione certificata di inizio attività (Scia) e la Comunicazione di inizio lavori asseverata (Cila), oltre alla Edilizia libera e alla Segnalazione certificata di agibilità. E in vista vi sono anche il nuovo Regolamento edilizio unico e la nuova Terminologia unica associata”.
 
“In sostanza se l’Ars avesse perso questa occasione di recepire il Testo unico dell’Edilizia del 2001, la Sicilia sarebbe rimasta indietro anni luce e totalmente tagliata fuori dalla notevole evoluzione che l’intero sistema normativo sta subendo a livello nazionale” ha concluso Cutrone.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
Golfieri

Ma la regione sapeva che sta per essere pubblicata la SCIA 2? Con la nuova legge regionale rimane la DIA, e anche la CIL..