Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Patti per il Sud, siglate intese per 39 miliardi di euro

di Alessandra Marra
Commenti 6017

Investimenti per sicurezza del territorio, trasporti e sviluppo economico

Vedi Aggiornamento del 28/04/2017
Commenti 6017
10/11/2016 – Ammontano a circa 39 miliardi di euro le risorse complessivamente stanziate dal Governo per il Mezzogiorno attraverso i Patti per il Sud siglati nel corso del 2016, 
 

Patti per il Sud: risorse per il Mezzogiorno

I patti mettono insieme risorse già assegnate con precedenti strumenti di programmazione o disponibili (provenienti da Por e Pon 2014-2020, Fondo di sviluppo e coesione (Fsc) ecc) e consentono di spendere subito le risorse per progetti che le Regioni o le Città metropolitane hanno individuato come “prioritari”.
 
Gli accordi firmati finora sono 15 su 16 per investimenti complessivi pari a circa 39 miliardi di euro; riguardano prevalentemente infrastrutture di trasporto, opere di messa in sicurezza antisismica o contro il dissesto idrogeologico, edilizia scolastica, beni culturali, ambiente e riqualificazione urbana.
 

Patti per il Sud: tutti gli accordi firmati

primi patti firmati a maggio con la Regione Campania, Regione Calabria, Città Metropolitana di Reggio Calabria, Regione Basilicata e Città Metropolitane di Catania e Palermo, impegnano complessivamente poco più di 20 miliardi di euro.

A metà maggio 2016 è stato il turno di Abruzzo e Bari, per investimenti di 2 miliardi di euro, e a luglio quello di Taranto con un piano per la bonifica, l’ambientalizzazione e la valorizzazione della città da 863 milioni di euro.
 
A fine luglio sono stati firmati anche i patti con il Molise e la Sardegna; il primo potrà contare su circa 727 milioni di euro mentre la Sardegna potrà usufruire di 2,9 miliardi di euro.
 
A settembre sono stati firmati i patti con la Puglia e con la Sicilia per risorse complessive pari a circa 11 miliardi di euro.
 
Il 22 ottobre scorso il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha firmato il Patto con la città di Messina che prevede circa 778 milioni di euro per infrastrutture; ambiente; sviluppo economico e produttivo; turismo e cultura; sicurezza e cultura della legalità.
 
Con il Patto per Napoli, firmato lo scorso 26 ottobre, la città potrà spendere circa 629 milioni di euro, per interventi in cinque assi prioritari: infrastrutture; ambiente e territorio; sviluppo economico; valorizzazione culturale; rafforzamento della Pubblica amministrazione.

Manca quindi all’appello solo la firma del Patto con Cagliari.

 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui