Carrello 0
Il Centro Arti e Scienze Golinelli di Mario Cucinella Architects
ARCHITETTURA

Il Centro Arti e Scienze Golinelli di Mario Cucinella Architects

di Cecilia Di Marzo

Il progetto si configura come racconto dell'evoluzione scientifica e artistica

26/01/2017 - Si terrà sabato 28 gennaio, in occasione di Bologna Artefiera 2017, l'incontro di presentazione del Centro Arti e Scienze Golinelli, il nuovo spazio espositivo di immaginazione e sperimentazione progettato da MCA - Mario Cucinella Architects, la cui inaugurazione è prevista per giugno 2017.

Il Centro Arti e Scienze Golinelli sorgerà in via Paolo Nanni Costa 14, sull’area antistante l’Opificio Golinelli, a completare, con una forte caratura artistica e simbolica, la cittadella per la conoscenza e la cultura.

L'idea del Centro si sviluppa con l'intenzione di dare corpo e rappresentazione materiale all'evoluzione scientifica e artistica, discipline in perenne divenire, fondanti i loro intenti sulla ricerca e la sperimentazione continua. 
I percorsi evolutivi di queste discipline sono paragonabili alla storia della Fondazione Golinelli, centro propulsivo di ricerca scientifica e valorizzazione delle dottrine artistiche in costante sviluppo che, per tale ragione, ha deciso di dotarsi di un nuovo spazio in cui ospitare le sue attività e iniziative, uno spazio aperto a tutti. 
L'architettura del progetto si configura come il racconto di questa evoluzione, un processo ininterrotto che avanza per parti e compone un tutto che - partendo da una fucina pulsante - si smaterializza nello spazio e lascia vedere gli elementi di cui è formato”.

Il cuore espositivo è un parallelepipedo a pianta libera di dimensioni 30x20 metri, di altezza pari a 8 metri; un grande spazio di circa 700 metri quadrati, con pavimentazione in cemento trattato, privo di partizioni o rigide organizzazioni planimetriche, e che consentirà la massima flessibilità.
La pianta rettangolare libera sarà infatti la cornice nella quale prevedere le più diverse attività che la Fondazione vorrà promuovere: esposizioni, conferenze, mostre, concerti e proiezioni troveranno facile adattamento e potranno via via modificarsi nel tempo, reimmaginandosi, sempre in chiave contemporanea e al passo coi tempi.

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui