Carrello 0
La 'Casa del Libro' dell'associazione culturale NonSoStare
ARCHITETTURA

La 'Casa del Libro' dell'associazione culturale NonSoStare

di Cecilia Di Marzo

Un cubo ludico e pedagogico per avvicinare i bambini alla lettura

16/01/2017 - L’associazione culturale NonSoStare di Agrigento ha realizzato il progetto denominato La Casa del libro. L’iniziativa consiste nella realizzazione di un piccolo locale da adibire a libreria, con particolare predilezione verso le letture per bambini e ragazzi. Incoraggiare l’interesse dei bambini verso i libri è infatti il vero obiettivo.

Lo spazio dovrà contenere fumetti, libri per ragazzi e quant’altro possa stimolare i più piccoli a prendere confidenza con la lettura e con il piacere ad essa legato.

La scelta del libro da leggere, il rapporto che si crea durante la lettura e la magia del libro stesso e della sua storia rappresentano ottimi motivi per amare i libri, per regalarli, ma anche prenderli in biblioteca o scambiarli con altri bambini. Il libro, in questo caso, esce dal suo contesto abituale e dilaga sul territorio attraverso la realizzazione di una piattaforma aperta e accessibile. La proposta di NonSoStare è quella di posizionare "la casa" in piazza Cavour in modo da dotare lo spazio di un’attrazione ludica e pedagogica, sottolineando il valore sociale della lettura come elemento chiave della crescita personale, culturale e civile dei cittadini di domani.

La biblioteca è un luogo magico per i bambini, se ben allestita e a loro misura diventa un luogo dove passare parte del pomeriggio.

Il progetto della casa del libro propone la realizzazione di una struttura leggera, rimovibile e dal design accattivante, adatta alle esigenze dei più piccoli ma anche di chi li accompagna.

La "Casa" è sviluppata all'interno di un cubo di dimensioni 2,4x2,4x2,4 m. La struttura è realizzata con un sistema ibrido legno-acciaio. La lega serve alla realizzazione della struttura portante, mentre i pannelli di legno Osb sono utilizzati per le tamponature esterne e per la copertura. Il locale è inoltre isolato grazie alla disposizione di panelli in policarbonato. Su un lato della libreria è ubicata una seduta del tipo amaca accessibile sia dall’interno che dall’esterno. Lo spazio sarà fruibile in tutte le ore del giorno. Per il continuo aggiornamento della libreria ci si affiderà totalmente alle donazioni volontarie dei cittadini, attraverso l'attivazione di politiche di book sharing e book crossing.

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui