Carrello 0
La firma di NOWA per il Nuovo Padiglione Protiro
ARCHITETTURA

La firma di NOWA per il Nuovo Padiglione Protiro

di Cecilia Di Marzo

Riuso di due ex capannoni artigianali e uso di materiali grezzi resi espressivi

10/01/2017 - NOWA (Navarra Office Walking Architecture) è l'autore del progetto per il Nuovo Padiglione Protiro a Caltagirone. Il progetto è fra i 17 italiani candidati al Premio di Architettura Contemporanea dell'Unione Europea - Mies van der Rohe Award 2017.

Il riuso di due ex capannoni artigianali è l’occasione per segnare un contesto urbano anonimo e degradato attraverso il potere e la forza dell’architettura che si serve di materiali grezzi rendendoli fortemente espressivi.

La Fondazione Concetta D’Alessandro e` una Onlus che si occupa di assistenza e riabilitazione di persone diversamente abili. Il programma prevedeva il riutilizzo di due ex capannoni artigianali per attivita` di riabilitazione e formazione.

Al piano terra è stata ricavata una foresteria e al primo piano, sotto la grande copertura a botte, un ampio spazio per attività collettive. La realizzazione di questa sala ha reso necessario l’addizione di un ascensore e una scala. Questo corpo si e` trasformato in una nuova grande facciata caratterizzata da una pelle ottenuta attraverso il riciclo di cassette di plastica per la raccolta delle arance.

Il nuovo corpo, attraverso il suo cromatismo e l’illuminazione, ha assunto così il ruolo di segnale e di simbolo riconoscibile a distanza nell’anonimo paesaggio urbano circostante. Questo progetto, da un lato, è l’avanzamento di una ricerca, ormai decennale, sul riutilizzo delle cassette di plastica come materiale da costruzione per l’architettura, dall’altro rappresenta un modo per mettere al centro la forma e l’ornamento dell’architettura come potente strumento di promozione di azioni sociali di grande valore.

Questa facciata nobilita materiali poveri trasformandoli attraverso il disegno e la tessitura in un potente segnale estetico e identitario.

Lo spazio della sala principale è modellato da una grande volta che si distende come un telo arricciato sotto la copertura che rimane sospeso sul piano definito dal tavolato di legno del pavimento. Il nuovo corpo ha una struttura in acciaio e un rivestimento realizzato con delle cassette di plastica della raccolta delle arance di due tonalità di verde. Le cassette costituiscono i pixel di una tessitura che presenta una trama disegnata da linee diagonali parallele di un verde chiaro.

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui