Carrello 0
NORMATIVA

Bonus Mobili, Entrate: nel 2017 spetta solo se i lavori sono iniziati dal 2016

di Alessandra Marra
Commenti 26653

Le istruzioni dell’Agenzia alla detrazione del 50% per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici

Vedi Aggiornamento del 22/05/2017
Commenti 26653
18/01/2017 – L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la versione aggiornata a gennaio 2017 della Guida alle agevolazioni per il Bonus Mobili, detrazione del 50% per chi arreda la casa ristrutturata.
 

Bonus mobili: proroga e novità

Le Entrate ricordano che la Legge di Bilancio 2017 ha stabilito che la detrazione Irpef del 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici, di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), vale anche per le spese sostenute nell’anno in corso, purché collegate a interventi di ristrutturazione edilizia intrapresi nell'anno in corso (2017) o iniziati a partire dal 1° gennaio 2016.
 
In precedenza, invece, per gli stessi beni comprati tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2016, il presupposto per fruire dell’agevolazione era quello di aver sostenuto spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio iniziati a decorrere dal 26 giugno 2012.

In altre parole, nel 2017 l’agevolazione potrà essere richiesta solo se l’intervento di ristrutturazione è iniziato dopo il 1° gennaio 2016. Invece, se l’acquisto del mobile o dell’elettrodomestico è avvenuto tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2016, il presupposto per usufruire della detrazione resta quello di aver sostenuto le spese per la ristrutturazione a partire dal 26 giugno 2012.
 
Per gli interventi di ristrutturazione iniziati nel 2016 (anche se proseguono nel 2017), l’importo massimo agevolabile è di 10.000 euro, considerato al netto delle spese sostenute nello stesso anno e per le quali si è fruito della detrazione.
 
L’Agenzia fa sapere inoltre che le casistiche non sono cambiate rispetto al passato, tuttavia ricorda che, nel caso in cui parte degli acquisti siano già stati portati in detrazione con il regime precedente, l’importo massimo di 10mila euro, riferito a lavori iniziati nel 2016 o nel 2017, deve essere considerato al netto delle spese per le quali si è fruito già dell’agevolazione.

SCARICA LA GUIDA EDILPORTALE SUL BONUS MOBILI 
 

Bonus mobili: le FAQ delle Entrate

Nella parte finale della guida l’Agenzia risponde ai questi più frequenti sulla detrazione.
 
Per esempio si specifica che si ha diritto all’agevolazione per l’acquisto dei mobili all’estero se si eseguono i medesimi adempimenti previsti per gli acquisti effettuati in Italia (documentando la spesa con fattura e pagando con carta di credito o di debito).
 
Viene anche precisato che tra gli interventi di recupero del patrimonio edilizio che permettono di avere la detrazione per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici non sono compresi quelli per la realizzazione di box o posti auto pertinenziali rispetto all’abitazione principale.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
Marianna

Salve, effettivamente anche io vorrei capire se il bonus mobili spetta anche a chi inizia i lavori a metà del 2017?

I am the new girl

It is not my first time to go to see this website, i am visiting this website dailly and obtain nice data from here everyday.

Ivano

Buongiorno, più che un commento, una richiesta. Se inizio i lavori di ristrutturazione oggi 09/02/2017 ho diritto all'agevolazione Bonus mobili?

Ivano

Buongiorno, più che un commento, una richiesta. Se inizio i lavori di ristrutturazione oggi 09/02/2017 ho diritto all'agevolazione Bonus mobili?

antonio

Dal titolo non si capisce se i lavori che iniziano nel 2017 godino dell'agevolazione. leggendo la guida dell'agenzia sembra di si. meglio chiarire.