Carrello 0
NORMATIVA

Appalti, OICE critica sulle deroghe che consentono l’appalto integrato

di Rossella Calabrese
Commenti 1297

‘Nel Correttivo norme incomprensibili, immotivate e illogiche. Bene l’obbligatorietà dei Parametri’

Vedi Aggiornamento del 20/02/2017
Commenti 1297
15/02/2017 - Per le gare pubbliche di ingegneria e architettura, il 2017 segue la tendenza molto positiva iniziata nel 2016 dopo il varo del nuovo Codice dei Contratti pubblici.

Lo afferma l’OICE, l'Associazione delle organizzazioni di ingegneria, architettura e consulenza tecnico-economica, il cui Presidente Gabriele Scicolone ha dichiarato: “il trend di crescita del mercato della progettazione, conferma nel mese di gennaio, è anche frutto dell’applicazione di quel principio fondante il nuovo Codice Appalti che è rappresentato dall’obbligo di appaltare progetti esecutivi”.
 

‘Non ci piace il passo indietro sull’appalto integrato’

OICE esprime le sue preoccupazioni sullo schema di decreto correttivo: “Non ci piace l’inatteso passo indietro del Governo su alcuni temi fondanti del criterio di delega sulla ‘centralità del progetto’ - ha continuato Scicolone - nello specifico sull’affidamento dei lavori sul progetto esecutivo: le numerose deroghe che consentono l’appalto integrato sono un elemento del tutto negativo, non condivisibile, di forte ambiguità per le stazioni appaltanti che da otto mesi lanciano gare di progettazione esecutiva le quali, a breve, porteranno a molti appalti di lavori. Ci appare un passo indietro troppo macroscopico rispetto ad una legge varata solo otto mesi addietro. Evidentemente si deve assistere all’ennesimo esempio di mancanza di coraggio di cambiare, di ricercare il valore della trasparenza invece che le semplificazioni piene di deleteri effetti collaterali per la collettività ai quali siamo evidentemente assuefatti”.
 

‘Norme incomprensibili, immotivate e illogiche’

Incomprensibile è - secondo l’OICE - prevedere l’applicazione della disciplina del contraente generale oltre i 15 milioni, ossia per appalti tutto sommato piccoli: “ci viene da pensare che forse è saltato uno zero. Ugualmente immotivato e illogico - continua l’OICE - l’obbligo di affidare al vincitore del concorso gli sviluppi progettuali, senza una preventiva qualificazione dello stesso, meccanismo che ingenererà un mercato parallelo all’‘hard-discount’ dell’ingegneria, a tutto detrimento della qualità delle progettazioni”.
 

‘Bene invece l’obbligatorietà del Decreto Parametri’

Qualche nota positiva nel testo si ritrova: “Salutiamo invece con favore - ha affermato il Presidente OICE - l’accoglimento delle nostre proposte sull’applicazione obbligatoria del ‘decreto parametri’, sul divieto di subordinare il pagamento dei corrispettivi al finanziamento dell’opera e sul divieto di pagare i progetti con rimborsi o sponsorizzazioni, anomalie che proprio dal nostro Osservatorio abbiamo segnalato in questi mesi. Molto bene anche il soccorso istruttorio non oneroso”.
 

Gli altri interventi attesi da OICE

“Mancano ancora interventi importanti sui consorzi stabili, che il Codice Appalti ha affossato immotivatamente, così come sulle modalità di rimborso delle spese di pubblicità sui quotidiani e sulla qualificazione del personale tecnico delle stazioni appaltanti che devono essere in grado, ad esempio per le direzioni lavori, di dimostrare le stesse referenze richieste quando si affida a terzi attività tecnico-professionale. Infine, auspichiamo che si abbia il coraggio di incentivare i supporti al RUP almeno per le grandi infrastrutture”.
 
Il Presidente OICE ha concluso: “Dispiace il forte passo indietro sull’appalto integrato; si vedeva finalmente la possibilità di un cambiamento che avrebbe permesso alla società di ingegneria italiane quel cambio di passo anche nella difficile competizione internazionale, a tutto vantaggio dell’esportazione di know-how e di filiera di supporto. Si auspica l’apertura ad un’ampia riflessione sul tema, altrimenti avremo perso un treno che ripasserà da qui a non prima di un decennio”.
 

I dati dell’Osservatorio OICE-Informatel al 31 gennaio

Tornando ai dati e secondo l’aggiornamento al 31 gennaio dell’Osservatorio OICE-Informatel, le gare per servizi di ingegneria e architettura rilevate nel mese sono state 389 (di cui 40 sopra soglia), per un importo complessivo di 72,3 milioni di euro (58,5 sopra soglia). Rispetto al mese di gennaio 2016 il numero delle gare cresce del 10,5% (+150,0% sopra soglia e +3,9% sotto soglia), e il loro valore cresce del 42,4% (+47,2% sopra soglia e +24,8% sotto soglia).
 
Nel mese di gennaio le gare di servizi per sola progettazione sono state 222 (di cui 19 sopra soglia) per un importo di 30,5 milioni di euro; rispetto al mese di gennaio 2016 hanno avuto un calo del 9,0% in numero e una crescita del 176,2% in valore.
 
Dobbiamo registrare che sono sempre molto alti i ribassi con cui le gare vengono aggiudicate. In base ai dati raccolti fino a dicembre il ribasso medio sul prezzo a base d'asta per le gare indette nel 2015 è al 40,0%, le notizie che riguardano le gare pubblicate nel 2016 ci danno un ribasso che arriva al 39,7%.
 
Nel mese di gennaio 2017 l’andamento delle gare miste, cioè di progettazione e costruzione insieme (appalti integrati, project financing, concessioni di realizzazione e gestione) ha raggiunto i 2,3 miliardi di euro, grazie ad un bando di AREXPO spa (MI) con la concessione per la rigenerazione urbana dell'area ex EXPO Milano 2015, del valore di 2 miliardi di euro. Gli appalti integrati da soli mostrano, sempre rispetto a gennaio 2016, cali del 96,6% in numero e del 95,8% in valore.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui