Carrello 0
NORMATIVA

Via libera del Senato al decreto ‘Milleproroghe’

di Paola Mammarella
Commenti 10378

I proventi dei titoli abilitativi e delle multe per abuso edilizio potranno essere destinati alle manutenzioni ordinarie fino al 2019

Vedi Aggiornamento del 25/05/2017
Commenti 10378
17/02/2017 - I Comuni potranno continuare a destinare alle manutenzioni ordinarie i proventi dei titoli abilitativi e delle multe per gli abusi edilizi. Lo prevede il disegno di legge “Milleproroghe”, che ieri ha ottenuto il via libera del Senato con 153 voti favorevoli e 99 contrari e passa ora all’esame della Camera.
 
Tra gli altri contenuti ricordiamo la proroga degli incentivi per l’acquisto di case ad alta efficienza energetica e lo slittamento dei termini per l’adeguamento alle norme antincendio e all’obbligo di installazione delle termovalvole.
 

Proventi dei titoli abilitativi alle manutenzioni ordinarie

Fino alla fine del 2019 si potranno utilizzare i proventi dei titoli abilitativi e delle sanzioni previste dal testo Unico dell’edilizia (Dpr 380/2001) per le spese di manutenzione ordinaria delle strade e del verde, nonché per le spese di progettazione delle opere pubbliche. Senza la proroga, dal 1° gennaio 2018 i proventi sarebbero stati destinati a progetti di rigenerazione urbana, eliminazione degli abusi edilizi e manutenzione ordinaria e straordinaria delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria.
 

Milleproroghe: acquisto di case in classe energetica A e B

L’acquisto di case, nuove o ristrutturate, in classe energetica A o B, direttamente dalle imprese di costruzione, per tutto il 2017 continuerà ad essere incentivato con una detrazione Irpef pari al 50% dell’Iva pagata. La misura è stata introdotta dalla Legge di stabilità per il 2016 (Legge 208/2015) ed è scaduta il 31 dicembre 2016. 
 

35% dei consumi coperti da fonti rinnovabili

Gli impianti termici degli edifici realizzati o ristrutturati in base a titoli abilitativi presentati nel 2017 potranno continuare a coprire almeno il 35% dei consumi con fonti rinnovabili. Dal 1° gennaio 2018 si passerà al 50%.
 

Affidamento dei lavori di edilizia scolastica

Slitta al 31 dicembre 2017 il termine entro cui i Comuni devono affidare i lavori di ristrutturazione delle scuole per non perdere le risorse assegnate (150 milioni di euro stanziati dal Decreto “del Fare” - DL69/2013 convertito nella Legge 98/2013).
 

Milleproroghe e norme antincendio

Gli edifici scolastici e i locali adibiti a scuola e ad asilo nido dovranno adeguarsi alla normativa antincendio entro il 31 dicembre 2017. Si pensava che non ci sarebbero state ulteriori proroghe dato che a maggio 2016 è entrato in vigore il decreto per l’adeguamento antincendio degli edifici scolastici, che prevedeva scadenze e interventi differenziati in base all’età delle scuole.
 

Norme antincendio negli alberghi

Slitta al 31 dicembre 2017 del termine per l’adeguamento alla normativa antincendio delle strutture ricettive, turistiche e alberghiere con più di venticinque posti letto, esistenti alla data di entrata in vigore del DM 9 aprile 1994.
 

Milleproroghe e termovalvole

È stato rinviato al 30 giugno 2017 il termine entro il quale installare sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore nei condomìni con impianti centralizzati.
 

Milleproroghe: agevolazioni post sisma

Con 32 milioni di euro si potranno finanziare una serie di misure nei Comuni colpiti dal sisma del 2016: la proroga al 31 dicembre 2017 della sospensione di mutui e altri finanziamenti, la sospensione per altri sei mesi delle fatture di gas, elettricità, acqua, assicurazioni, telefonia, RAI nei fabbricati inagibili, gli interventi di ricostruzione per cui siano già in possesso dei progetti esecutivi e del cronoprogramma. Rifinanziato anche il contributo straordinario per la ricostruzione del Comune de L’Aquila.
 

Milleproroghe e progetto Pompei

Continueranno fino al 31 dicembre 2019 gli incarichi di collaborazione per la partecipazione alle attività progettuali e di supporto al Grande Progetto Pompei. L’obiettivo è garantire la prosecuzione delle attività di tutela, recupero e valorizzazione del sito per poi iniziare, dal 2018, una gestione ordinaria senza logiche emergenziali.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui