Carrello 0
AZIENDE

Link Industries: ‘facciamo strada insieme’

di LINK industries

14/03/2017 - La ghisa è una lega ferrosa  con tenore di carbonio relativamente alto che durante la solidificazione si separa dalla massa metallica e rimane presente come grafite uniformemente dispersa. Le caratteristiche fisiche-meccaniche della ghisa possono essere notevolmente variabili in funzione della presenza più o meno elevata di altri elementi e della struttura metallografica risultante. La carica metallica della ghisa è normalmente composta da ghisa in pani di prima fusione, ritorni di fonderia come canali e attacchi di colata, scarti di produzione, rottami di ghisa e ferro-leghe, da aggiungere come correttivo di analisi.
 
La lega così costituita trova largo impiego nella produzione di chiusini e griglie da strada in zone di circolazione pedonale e/o veicolare. La sua particolare struttura metallografica porta a distinguerle la lega in  ghisa a grafite “lamellare’’ e "sferoidale” . Nella ghisa lamellare la grafite si presenta sotto forma di lamelle creando un materiale con buone caratteristiche di resistenza alla rottura, indeformabilità, elevata capacità di assorbimento delle vibrazioni ed una  notevole resistenza all’usura e alla corrosione. Nella ghisa sferoidale la grafite si presenta sotto forma di sferoidi. Questa lega aggiunge alle caratteristiche tipiche della ghisa lamellare, ulteriori doti meccaniche quali la resistenza alla trazione e agli urti, buon allungamento ed elevato limite elastico. La cristallizzazione della grafite in sferoidi, ottenuta mediante l’aggiunta di magnesio prima o durante la colata, ne modifica la struttura,  consentendo di prevenire eventuali fessurazioni dovute a concentrazioni di sforzo sulle “lamelle’’ e conseguenti possibili linee di propagazione di rottura occasionali nella ghisa lamellare.  Le caratteristiche meccaniche della ghisa sferoidale, consentono di realizzare manufatti più leggeri, facilitando la posa e la manutenzione, nel rispetto delle disposizioni comunitarie per la sicurezza sul lavoro.
 
LINK INDUSTRIES produce e commercializza prodotti per il drenaggio in ghisa sferoidale, offrendo alla propria clientela non solo un ampia gamma di soluzioni, ma anche una garanzia di qualità sul prodotto maturata dalla lunga esperienza, dalla costante attenzione ai processi produttivi e dalla selezione delle materie prime. La garanzia di totale conformità alle normative di riferimento e la continuità degli standard dichiarati è ulteriormente supportata dalla certificazione volontaria attraverso un controllo di fabbricazione dei prodotti da parte di un sistema di garanzia di produzione (ISO 9001) e dall’ispezione da parte di un Ente Terzo delle precedenti disposizioni.

Le norme di riferimento, EN 124-1 e EN 124-2, approvate dal Comitato Europeo di Normazione (CEN), assumeranno lo status di Norme nazionali da Marzo 2017. Tali Norme risultano ad oggi non armonizzate e pertanto, non è possibile né legale, apporre sui prodotti il marchio CE, ne è richiesto fornire le DOP (Declaration Of Performance).
Le EN 124-1:2015 e EN 124-2:2015 (UNI EN 124-1 e UNI EN124-2 in Italia) si applicano a chiusini, griglie e caditoie in ghisa grigia, ghisa sferoidale combinati o meno con malta cementizia e prescrivono livelli prestazionali minimi aggiuntivi rispetto alla precedente EN124:1994.

Richiedono, inoltre, maggiore attenzione su controlli di produzione in fabbrica (FPC) oltre ad un aumento del numero delle “Prove di Tipo” per modello, ed un incremento delle tipologie di test, quali:
  • prova per la resistenza allo scivolamento;
  • prova di inclinazione;
  • prova per il fissaggio del coperchio/griglia al telaio;
  • sicurezza a prova di bambino.

La norma definisce inoltre i requisiti, le indicazioni di impiego e la marcatura, dei dispositivi per coronamento e chiusura, prescrivendo al punto 11 quanto segue: “L’installazione dovrebbe essere eseguita in conformità alle regole di messa in opera corrispondenti. Fino a quando non esisterà un codice di messa in opera europeo, applicare il codice di messa in opera nazionale oppure le raccomandazioni del Fabbricante”. Nel 2007 è stato pubblicato, a livello nazionale, il rapporto tecnico: “Guida all’installazione di dispositivi di coronamento e di chiusura in zone di circolazione pedonale e/o veicolare” – UNI TR 11256:2007”.

Ad integrazione di tale documento LINK INDUSTRIES propone agli operatori (progettisti – installatori – manutentori), il file scaricabile dal sito: il MANUALE TECNICO E PRINCIPALI LINEE GUIDA PER L’INSTALLAZIONE DI DISPOSITIVI PER CORONAMENTO E DI CHIUSURA PER ZONE DI CIRCOLAZIONE UTILIZZATE DA PEDONI E VEICOLI dove vengono fornite indicazioni sulla movimentazione dei pallet, sulla classe appropriata dei dispositivi di coronamento e di chiusura da utilizzare che varia a seconda del luogo di impiego (Classe A 15; Classe B 125; Classe C 250; Classe D 400; E 600; Classe F 900), ma anche sulla preparazione della superficie e del letto di posa nonché sull’apertura e chiusura dei coronamenti stradali ed il loro smaltimento.
 
Attenta all’evoluzione normativa LINK INDUSTRIES ha recentemente informato la propria clientela che a partire dal 31 marzo p.v. la norma UNI EN 124:1995 sarà ritirata. Pertanto tutti i prodotti costruiti (e quindi marcati) con data di produzione antecedente a tale data potranno essere commercializzati conformemente alla norma  del 1995, mentre tutti i prodotti che saranno fabbricati successivamente al 31 Marzo 2017 non potranno più riportare la  conformità alla norma UNI EN 124:1995.

Per la stessa ragione LINK INDUSTRIES ritirerà i “vecchi” certificati e potrà fornire i “nuovi” certificati su richiesta.
Per LINK INDUSTRIES garantire continuità ed efficienza è un servizio essenziale alla clientela.
 
LINK industries su Edilportale.com
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Prodotti e materiali edili, li compreresti online? Leggi i risultati