Carrello 0
NORMATIVA

Riordino Protezione Civile, via libera alla legge delega

di Paola Mammarella
Commenti 6920

Professionisti e Università parteciperanno alle attività per la prevenzione dai rischi, i finanziamenti seguiranno procedure standard

Vedi Aggiornamento del 12/04/2017
Commenti 6920
09/03/2017 – Dopo circa due anni di confronto, la legge delega per il riordino della Protezione Civile è stata approvata in via definitiva dalla Camera con 304 voti favorevoli, 38 contrari e 107 astenuti.
 
Università, Enti di ricerca e professionisti parteciperanno alle attività di prevenzione e pianificazione della gestione delle emergenze. I finanziamenti seguiranno procedure standard, senza aspettare misure dell’ultimo momento nelle leggi di stabilità.
 
Il Governo avrà ora nove mesi di tempo per adottare una serie di decreti legislativi nei seguenti ambiti.
 

Protezione Civile, la parola d’ordine è prevenzione

Bisognerà dare rilievo a tutti gli interventi finalizzati alla riduzione dei rischi da calamità naturali. Si dovrà inoltre disciplinare lo stato di emergenza, garantendo tempi rapidi e omogenea valutazione delle condizioni dei territori.
 

Protezione Civile: partecipazione di professionisti e Università

La legge prevede che cittadini e professionisti partecipino alla pianificazione delle iniziative da adottare per fronteggiare l'emergenza, alle esercitazioni e alla diffusione di misure di auto protezione.
 
Sarà poi favorita la collaborazione tra Università ed enti di ricerca e Protezione Civile per promuovere l’innovazione nel campo della ricerca per la difesa dai disastri naturali.
 

Finanziamenti standardizzati alla Protezione Civile

I finanziamenti alla Protezione Civile non saranno più decisi in sede di legge di stabilità, ma determinati con un sistema più standardizzato e trasparente. Le risorse saranno convogliate nel Fondo della Protezione Civile, nel Fondo per le emergenze nazionali e nel Fondo regionale di Protezione Civile.
 
Il Governo dovrà regolare gli obblighi di rendicontazione, le procedure di controllo ed il subentro delle amministrazioni competenti in via ordinaria nei rapporti giuridici attivi e passivi sorti durante la gestione commissariale e nelle vicende contenziose o pre-contenziose durante lo stato di emergenza.
 

Risarcimenti e contributi 

I risarcimenti e i contributi, a favore delle popolazioni colpite da calamità, per la riparazione dei danni, non saranno più trattati con provvedimenti ad hoc, che rischiano di creare disparità di trattamento tra i territori. Saranno invece fissati con una norma unica e poi applicati ai vari casi.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui