Carrello 0
Ascensori, le soluzioni per scalare grattacieli e montagne
TECNOLOGIE

Ascensori, le soluzioni per scalare grattacieli e montagne

di Paola Mammarella
Commenti 4389

Panoramici, veloci e all’avanguardia. Un viaggio tra modelli contemporanei, antichi e in fase di realizzazione

Commenti 4389
03/04/2017 – Oggi sono un oggetto di uso quotidiano, ma al loro debutto sul mercato, a metà Ottocento, erano stati concepiti come mezzi di trasporto. Sono gli ascensori: interni, esterni o panoramici. Spesso diventano attrazioni turistiche, altrettanto spesso sono fondamentali per centinaia di lavoratori che devono ogni giorno “scalare” i grattacieli delle global city. Ma tutti hanno qualcosa in comune: soluzioni ingegneristiche all’avanguardia.
 
Senza volerlo, gli ascensori hanno ridistribuito le classi sociali all’interno dei palazzi. Se prima del loro avvento gli alloggi ai piani superiori costavano poco perché scomodi da raggiungere, nei nuovi edifici, dotati di ascensore, le cose sono cambiate e sempre più benestanti hanno rivalutato la tranquillità e il panorama offerti dall’abitare in alto.
 
Come ricordato da Thyssenkrupp Elevator, lo scorso 23 marzo l'ascensore ha spento la 160esima candelina. Il primo ascensore destinato al trasporto delle persone è stato presentato nel 1853 a New York durante l’esposizione universale delle industrie. Prima esistevano solo montacarichi per la movimentazione delle merci, senza adeguati sistemi di sicurezza. Qualche anno più tardi, nel 1857, il primo esemplare è stato installato in un centro commerciale di Broadway.

L’Italia, secondo una stima di Thyssenkrupp Elevator, è il Paese con il più alto numero degli ascensori, oltre un milione di impianti installati, ma è anche il Paese con il parco più anziano in Europa. Circa il 40% degli impianti in funzione ha oltre 30 anni e il 60% non è dotato di tecnologie in grado di garantire un elevato standard di sicurezza. 
 
Ecco alcuni degli ascensori più particolari o antichi in giro per il mondo.
 

Aquadom Sealife - Radisson Blu Hotel – Berlino, Germania

L’ascensore è incastonato in un acquario (Aquadom Sealife) alto 25 metri, un primato mondiale. All’interno ci sono oltre 1500 pesci tropicali. Nato nel 2004, rappresenta, oltre che un’attrazione turistica, un progetto di conservazione per la tutela del regno marino. Si trova nella hall dell'albergo e alcune stanze hanno un affaccio vicinissimo alla struttura.
 Foto: www.radissonblu.com
 

Ascensore dei cento draghi – Hunan, Cina

È un ascensore in vetro che sale per 362 metri. La sua costruzione, iniziata nel 1999 e terminata nel 2002, ha destato molti dibattiti perché l’area su cui è stato realizzato, il parco nazionale dello Zhangjiajie, è classificata dall’Unesco come patrimonio dell’umanità. Nel 2003 è stato chiuso per rischio sismico nella zona.
 Foto: gruppomillepiani.com
 

Ascensori del Museo ‘Reina Sofia’ – Madrid, Spagna

L’edificio è stato costruito nel Settecento, su progetto dell’architetto italiano Francesco Sabatini, per essere un ospedale. Questa è stata la sua attività fino al 1965, anche se in realtà non era mai stato completato. Nel 1980 è iniziato il processo di riconversione in museo. I lavori sono iniziati proprio dalla facciata incompleta, su cui sono state posizionate due torri di vetro e legno. Al loro interno ci sono due ascensori.
 Foto: museoreinasofia.es

Ascensore inclinato – Bilbao, Spagna

È stato installato nel 2004 e rappresenta una soluzione innovativa per le zone con difficile accesso a causa della configurazione territoriale inclinata. È il primo nel suo genere.
 Foto: Thyssenkrupp Elevator
 

Ascensore Freedom Tower - New York, USA

È uno dei 71 ascensori installati, che viaggiano fino a 18 metri al secondo, dal piano zero al 102esimo in 60 secondi. È l’ascensore più veloce dell’emisfero occidentale.
 Foto: Thyssenkrupp Elevator
 

Ascensore TWIN – Shanghai, Cina

Installato nel 2016, è composto da due cabine, una sopra all’altra, che si muovono indipendentemente anche a differenti velocità e direzioni.
 Foto: Thyssenkrupp Elevator
 

Ascensore del Museo Mercedes Benz – Stoccarda, Germania

La sua particolarità consiste nella forma: una capsula che viaggia a 1,6 metri al secondo, percorrendo 36 metri in 37 secondi ed è in grado di trasportare 20 persone. È in funzione dal 2006 nel museo.
 Foto: Thyssenkrupp Elevator
 
Se questi sono degli esempi moderni, vediamo qualche caso storico.
 

Ascensore Estaciòn del Norte – Valencia, Spagna

È uno degli ascensori più antichi d’Europa, realizzato nel 1925. Per utilizzarlo si pagavano 1,5 pesetas a corsa.
 Foto: Thyssenkrupp Elevator
 

Ascensore della Torre di Cadice, Spagna

Risale al 1959 questo ascensore che, per l’epoca, aveva una velocità considerevole: si muoveva alla velocità di 7 metri al secondo, come un ascensore moderno.
 Foto: Thyssenkrupp Elevator
 

Ascensore del Campanile San Marco – Venezia

Realizzato nel 1973, copre 55 metri alla velocità di 2 metri al secondo. Trasporta ogni giorno circa 1500 turisti e funziona per 345 giorni all’anno.
 Foto: Thyssenkrupp Elevator


Multi, metropolitana di Londra, Regno Unito

Chiudiamo questa rassegna con un esempio futuro. Un ascensore senza funi, capace di viaggiare anche in orizzontale. Qui un rendering.
 Foto: Thyssenkrupp Elevator

 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui