Carrello 0
AZIENDE

Stahlbau Pichler per Expo Astana 2017

di STAHLBAU PICHLER

Wind, Sun e Water, i padiglioni realizzati dall’azienda di Bolzano per raccontare un nuovo concetto di energia

15/06/2017 - Tra il 10 giugno e il 10 settembre 2017 si svolge ad Astana, capitale del Kazakistan, l’esposizione internazionale che si colloca a fare da cerniera tra le due Expo Universali di Milano (2015) e Dubai (2020).

È un evento voluto per raccogliere e far conoscere le tecnologie e le politiche più innovative in tema di efficienza energetica e riduzione delle emissioni di CO2. L’esposizione internazionale di Astana prevede di coinvolgere 5 milioni di visitatori provenienti da ogni parte del mondo. Il sito occuperà ben 174 ettari ospitando oltre cento Paesi tra cui l’Italia.

Per Astana i 115 Paesi partecipanti non hanno costruito un proprio padiglione, ma saranno collocati negli spazi edificati dal Kazakistan, allestendo lì i propri concept. Pannelli solari, pale eoliche e una rete elettrica intelligente alimenteranno il sito. Gli edifici avranno tassi di risparmio energetico dal 35% al 75%.

Saranno i quattro elementi ad accogliere ed abbracciare i visitatori con altrettanti padiglioni a tema: WIND, SUN, WATER, EARTH.
Stahlbau Pichler, in particolare, si è occupata di studiare e realizzare le strutture di 3 padiglioni, il tutto in meno di 6 mesi: Wind, Sun, Water. L’architettura delle soluzioni scelte e lo sviluppo progettuale dei padiglioni dedicati agli elementi sono riusciti a modellare e proporre visivamente la forza degli agenti naturali nella creazione di energia. Le strutture riproducono gli elementi con l’intento di fare vivere ai visitatori una vera e propria immersione nella potenza della natura.

Water: il moto delle maree, il corso dei torrenti e la forza della caduta dell’acqua.
Wind: masse d’aria muovono l’energia con la forza cinetica del vento.
Sun: la fonte primaria di energia sulla Terra. Da essa derivano quasi tutte le altre fonti energetiche disponibili all'uomo.

Ecco che tutte queste forze straordinarie sono diventate “strutture”. L’acciaio, con la sua flessibilità e resistenza, è stato scelto per ricreare la forza degli elementi e per riprodurre le “onde” energetiche, i flussi di vita. Il fuoco (Sun) è l’elemento vivificatore, racchiude in sé il principio della vita stessa. L’aria (Wind) è l’energia vitale e intangibile che rappresenta il respiro cosmico. L’acqua (Water) è la fonte della vita che scorre e trasporta. La terra (Earth), solida e rigogliosa, simboleggia la materia primordiale che nutre la vita.

Per realizzare tali opere si sono rese necessarie 1.500 ore di progettazione da parte dell’ufficio tecnico Stahbau Pichler, mentre l’acciaio lavorato è stato pari a 130 tonnellate. Parlando di dimensioni, ogni padiglione si sviluppa su una pianta di 50m x 9m cui si aggiunge la copertura di circa 400 m². I tamponamenti sono stati realizzati con estrusi di alluminio, lamiere di alluminio e membrana in PVC.
Con questa Expo si presenta una buona occasione per esplorare un Paese poco conosciuto, sospeso tra le affascinanti yurte della tradizione nomade e gli avveniristici grattacieli della capitale, che mira a diventare il crocevia economico tra la Cina, la Russia e l’Europa.

STAHLBAU PICHLER su Edilportale.com
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui