Carrello 0
AZIENDE

Il consolidamento delle fondazioni con micropali precaricati SYSTAB

di Systab

Intervento su una una civile abitazione a Bibbiena (AR)

28/11/2017 - Si tratta del consolidamento di una villetta a schiera sita nel comune i Bibbiena, provincia di Arezzo. Un edificio civile in muratura con un piano seminterrato in cemento armato, dotato di fondazioni continue a trave rovescia.

Il fabbricato ormai da anni manifestava un cedimento differenziale sul lato di valle, probabilmente impostato su terreni di riporto e argillosi. Il cedimento delle fondazioni aveva determinato il manifestarsi di un quadro fessurativo con lesioni prevalentemente a 45°, di tipo passante, visibile a tutti  livelli della struttura.

L’INTERVENTO DI CONSOLIDAMENTO
La prima problematica da affrontare era quella di un intervento risolutivo di consolidamento e stabilizzazione delle fondamenta che potesse essere eseguito nel più breve lasso di tempo possibile e possibilmente evitando di realizzare scavi importanti e nuovi cordoli in cemento armato, riducendo quindi al minimo l’invasività di tutte le opere.

Si è quindi deciso, in accordo con i tecnici della Committenza di realizzare una serie di micropali precaricati sulla porzione di fabbricato interessata dal cedimento differenziale, intervenendo dall’interno del piano semi - interrato  in modo da ridurre al minimo le opere di scavo, e collegando direttamente i pali al setto in cemento armato mediante piastre in acciaio.

TEMPISTICHE E VANTAGGI RISPETTO A TECNICHE TRADIZIONALI
Il sistema descritto sopra ha portato numerosi vantaggi rispetto alla tradizionale palificazione ed in particolare ha permesso di:
·         installare i pali di diametro 114 mm e spessore 8 mm senza estrazione di terreno e senza impiego di acqua o fanghi;
·         operare dall’interno del piano interrato riducendo gli scavi;
·         avere la possibilità di controllare la pressione di installazione e collaudare la portata raggiunta da ogni singolo micropalo;
·         precaricare ogni palo con un carico superiore a quello di esercizio, imponendo il cedimento primario evitando assestamenti prolungati nel tempo;
·         infine garantire un collegamento efficacie palo-struttura al termine delle opere senza la necessità di realizzare nuovi cordoli.

Il lavoro di infissione e collegamento dei 10 micropali precaricati SYSTAB di lunghezza 16 metri circa ha richiesto 5 giornate di lavoro.
 
Systab su Edilportale.com
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui