Carrello 0
TECNOLOGIE

Arriva M.A.DI., la casa pieghevole prefabbricata pronta in 6 ore

di Alessandra Marra
Commenti 5048

È un sistema costruttivo antisismico, facilmente trasportabile, rimovibile, riutilizzabile, recuperabile e 100% italiano

Commenti 5048
06/12/2017 – Arriva M.A.DI., una casa antisismica, prefabbricata e assemblata a secco, altamente personalizzabile, facilmente espandibile, ecosostenibile, energeticamente autonoma, a zero impatto ambientale, abitabile in giornata, facilmente trasportabile, rimovibile, riutilizzabile, recuperabile e 100% italiana.
 
Acronimo di Modulo Abitativo Dispiegabile, M.A.DI. è un sistema costruttivo che usa la tecnica del dispiegamento per la realizzazione di edifici antisismici ad uso residenziale, per il tempo libero, l’ospitalità, la collettività, il commercio, l’artigianato e la realizzazione di villaggi temporanei per eventi sportivi o fieristici e di pronto intervento in caso di calamità naturali.
 

Case prefabbricate: cos’è M.A.DI. e come funziona

M.A.DI. è una soluzione abitativa in grado di “crescere, cambiare e spostarsi” mantenendo una struttura autoportante e antisismica, fornita con tutte le certificazioni e calcoli strutturali.
 
La struttura viene prefabbricata in azienda con moduli composti in legno XLAM o CLT che, coadiuvati dalle coibentazioni ad alta densità in lana di roccia, fibra di legno e poliuretano espanso, assicurano anche ottime prestazioni termiche.


Finita la produzione, i moduli vengono caricati sul camion e trasportati dove verranno installati per poi essere dispiegati con la gru del camion, circa 30 minuti per aprire il modulo e 6 ore per renderlo abitabile.
 


 

Case prefabbricate trasportabili e personalizzabili

Nata per le esigenze del territorio abruzzese soggetto a continui terremoti a causa dell’alta sismicità, M.A.DI. permette di personalizzare e dimensionare la struttura in base alle proprie necessità e disponibilità finanziarie.
 
Tale soluzione offre innumerevoli tipologie architettoniche e dimensionali derivanti dall’aggregazione di più moduli e/o dall’uso di materiali diversi. La disponibilità di moduli di varie misure e la possibilità di affiancarli sia lateralmente che in profondità permette di creare agglomerati urbani dalle pregiate prospettive.
 
Le pareti di tamponamento non sono strutturali per cui, in base alle richieste della committenza, possono essere cieche, finestrate o a vetro continuo.
 

Soluzioni prefabbricate sostenibili e certificate

Le strutture M.A.DI. non consumano territorio perché non necessitano di fondazioni e non occorre prevedere un basamento in cemento in quanto la struttura può essere temporaneamente posizionata direttamente sul terreno purché livellato. Venuto meno l’uso, possono essere ripiegate e trasferite in altro luogo o semplicemente impilate in un deposito pronte per un nuovo utilizzo.
 
Per periodi lunghi, è consigliabile appoggiarla o ancorarla al suolo su una fondazione a vite, un innovativo sistema di fissaggio, non impattante e recuperabile al 100%.


Gli impianti (impianto idrico-sanitario, elettrico, di climatizzazione e di scarico delle acque) sono preinstallati così come sono preinstallati gli allacci per la cucina.

Nella versione standard vengono prodotte in classe energetica B ma, se richiesto dal committente, possono essere facilmente portate ad una classe A e superiore. L’aggiunta di pannelli solari può rendere le strutture M.A.DI. energeticamente autonome.


M.A.DI.: quali permessi per una casa pieghevole?

Secondo gli ideatori, una costruzione M.A.DI. proprio per la caratteristica di struttura dispiegabile, è assimilabile, pur essendo a tutti gli effetti un edificio, ad un bene mobile; di conseguenza, se utilizzata come struttura temporanea, non dovrebbe essere soggetta a concessione edilizia. Tuttavia, data la complessità delle norme, è meglio richiedere sempre un parere preventivo ad un tecnico abilitato o all’ufficio tecnico comunale territorialmente competente.
 
Se la struttura è usata in modo permanente, la normativa italiana la considera come casa a tutti gli effetti e, di conseguenza, si dovrà richiedere il permesso di costruire.  
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui