Carrello 0
URBANISTICA

Tre progetti di rigenerazione urbana in Emilia-Romagna

di Rossella Calabrese
Commenti 1600

Da Urbanpromo le esperienze di Ferrara, Riccione e Ravenna

Commenti 1600
19/06/2017 - Urbanpromo, la manifestazione nazionale di riferimento per la rigenerazione urbana organizzata dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit, propone nella gallery sul proprio sito i progetti che hanno partecipato all’ultima edizione dell’evento. Significativa la presenza dei Comuni dell’Emilia-Romagna.
 

Nuovo quartiere Darsena a Ferrara

Tra questi Ferrara, con il nuovo quartiere Darsena. L’area progetto è situata a sud-ovest della città, in prossimità del Centro Storico, a ridosso dalle mura Estensi, e comprende il vecchio Mercato Ortofrutticolo (MOF), la darsena di San Paolo e l’ex Carcere di Piangipane, oggi sede del Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah (MEIS), con le relative connessioni al sistema delle piazze centrali, al Po di Volano ed alla stazione ferroviaria. 

Ferrara
L’area del MOF, attualmente usata come parcheggio pubblico, costituisce, unitamente al MEIS, la principale connessione tra il centro della città, il fiume e la Darsena che sarà destinata principalmente ad usi ricreativi, realizzando un luogo attrezzato per il tempo libero.

 Ferrara
Il progetto vuole creare un ambiente urbano che consenta alti standard di vita, ponendo uguale attenzione alle diverse esigenze dei futuri residenti, come dei turisti e di quanti vi si trovano per ragioni di lavoro e di studio, non determinando nuovo consumo di suolo ma una valorizzazione e un processo di riqualificazione. A sostegno del programma sono stati siglati protocolli d’intesa tra Comune di Ferrara e Agenzia del Demanio e tra Comune di Ferrara e Fondazione MEIS.

Ferrara
 

Parco attrezzato e Museo del Territorio a Riccione

Il Comune di Riccione, infine, ha riprogettato una vasta area prossima alla fascia turistico-costiera, sedimento di una parte significativa della memoria della città nonché custode di valori paesaggistici in attesa di un coordinato progetto di valorizzazione. Si tratta dell’unità di paesaggio situata in riva destra del torrente Melo tra la strada statale (tracciato dell’antica Flaminia) e l’asse di scorrimento mediano; essa è caratterizzata dalla presenza del ponte di epoca romana, dal vecchio cimitero monumentale, dalla vecchia fornace in parte già trasformata in scuola media e dalla relativa cava d’argilla sul cui limite sorgeva un antico monastero nonché dalla pista ciclabile che conduce sino al mare.

 Riccione
Il progetto prevede la connessione fisica e concettuale dei vari elementi del paesaggio trasformando la cava in un parco cittadino attrezzato e fruibile (denominato in ricordo del monastero: Parco degli Olivetani) e lo spazio interno della limitrofa cortina edilizia, recentemente restaurata, del forno Hoffmann della vecchia fornace, che ospiterà un moderno museo come una sorta di “casa dentro la casa” di ungersiana memoria.
 
Riccione
La struttura didattico-espositiva sarà sede del Museo del Territorio ricco di reperti archeologici e materiale divulgativo. È altresì previsto un approdo con banchina lignea sul torrente di cui si pensa di ripristinare la navigabilità con una chiatta per il trasporto di cittadini e turisti sino al ponte romano, primo ‘oggetto in situ’ del percorso archeologico attrezzato all’aperto che condurrà attraverso il nuovo parco al museo.
 
Riccione
L’acqua quale linea sulla quale scorrono i movimenti dell’uomo, gli usi, le esperienze sensoriali, un torrente che pur avendo perso la sue funzioni primarie può ancora contribuire alla restituzione di un rapporto fra uomo e paesaggio, dal quale non è possibile prescindere. Si tratta in sintesi di una fusione di valori ambientali, archeologici, naturali, culturali, civili, architettonici e paesaggistici che si candida a diventare un nuovo polo urbano e di vita della città.
 

“Paesaggi in divenire” a Ravenna

Da segnalare il progetto “Paesaggi in divenire” del Comune di Ravenna: con il Piano del Verde del 1993 Ravenna avvia la trasformazione del “Paesaggio Urbano”; la cintura del verde si struttura e cresce per definire il nuovo margine della città. Da allora con la cintura del verde tante aree sono state realizzate: Parchi Urbani (Teodorico e Baronio), Giardini di Quartiere, valorizzazione di Giardini storici. Assieme alle funzioni degli spazi verdi connessi sono state integrate le funzioni ambientali: acqua, boschi e campagna. L’acqua è stata immaginata sia come elemento compositivo sia come risorsa ambientale per la rigenerazione delle falde e il recupero dell’acqua piovana e di laminazione.

Ravenna
I boschi ormai caratterizzano il perimetro urbano della città e sono oggi riconosciuti come veri e propri polmoni ambientali per Ravenna. L’agricoltura torna ad essere protagonista dentro la città non solo come spazi agrari coltivati ad orto, ma anche nella salvaguardia di un patrimonio paesaggistico che oggi ci consente di riproporre il valore di coltivare e utilizzare i prodotti della terra.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui