Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Bonus ristrutturazione vs ecobonus 50%: quale scegliere?

di Alessandra Marra
Commenti 13076

Le due agevolazioni hanno differenti beneficiari, procedure e tetti di spesa

Vedi Aggiornamento del 18/01/2018
Commenti 13076
12/01/2018 – Con l’entrata in vigore della Legge di Bilancio 2018, l’ecobonus per la sostituzione di finestre, caldaie non evolute e schermature solari è stato ridotto dal 65% al 50%.
 
Poiché la detrazione prevista dal nuovo ecobonus è la stessa prevista dal bonus ristrutturazione, molti si sono chiesti le differenze tra le due agevolazioni.
 

Ecobonus e Bonus ristrutturazioni: interventi con doppia chance

Tra gli interventi per cui si pone la scelta tra bonus ristrutturazione ed ecobonus ci sono:
- sostituzione di serramenti;
- sostituzione di caldaie a biomassa e caldaie a condensazione in classe A (senza sistemi intelligenti di termoregolazione).
 
Per l’acquisto e la posa in opera di schermature solari, invece, l’ecobonus è l’unica strada percorribile.
 

Ecobonus 65%: unico strumento per le imprese

La differenza principale tra bonus ristrutturazione ed ecobonus consiste nella platea dei beneficiari; il primo consiste in una detrazione irpef del 50% e interessa solo i privati. Inoltre sono coinvolti unicamente gli immobili residenziali. 
 
L’ecobonus, invece, è anche una detrazione Ires, oltre che Irpef, e quindi coinvolge anche i contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali) e le associazioni tra professionisti. Inoltre, possono accedere al beneficio gli edifici esistenti di tutte le categorie catastali (anche rurali e strumentali) su cui vengono effettuati lavori di efficientamento energetico.
 
Di conseguenza, l’ecobonus (anche se ridotto rispetto agli anni precedenti) rimane l’unica agevolazione a cui possono accedere le imprese mentre i privati hanno la possibilità di scegliere tra le due agevolazioni nel caso di immobili residenziali o sfruttare l’ecobonus per edifici non residenziali.
 

Ecobonus e Bonus Ristrutturazione: due plafond da sfruttare 

Il bonus ristrutturazione (che non vale in caso di lavori di manutenzione ordinaria) ha un limite di spesa complessivo di 96 mila euro; i singoli interventi edilizi effettuati (sostituzione finestre, realizzazione di divisioni interne, ecc) non hanno un autonomo limite di spesa, ma rientrano nel limite previsto per l’unità abitativa.
 
Optando per l’ecobonus, che ha tetti massimi e percentuali della detrazione dedicate per ogni intervento (ad esempio la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale ha 30.000 euro come tetto massimo di detrazione, l'acquisto e posa in opera delle schermature solari 60.000 euro ecc), chi fa lavori rilevanti evita di “sforare” i 96mila euro previsti dal bonus ristrutturazione e può godere del beneficio ottenuto dalla somma dei due plafond.
 

Ecobonus: ok alla cessione del credito

Inoltre, da quest’anno i soggetti beneficiari dell’ecobonus possono optare per la cessione del credito di imposta corrispondente alla spettante quota di detrazione ai fornitori che hanno effettuato gli interventi o ad altri soggetti privati, tranne che alle banche o ad altri intermediari finanziari. Tale opzione non è prevista per chi gode del bonus ristrutturazione. 
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
lorenzo

L'articolo come spesso capita nel descrivere gli interventi di agevolazione per risparmio energetico non è chiaro: i 60.000 , 30.0000, ecc euro sono il limite di detrazione e NON di spesa "plafond".