Carrello 0
Vivreste in un vecchio gasometro vittoriano?
ARCHITETTURA

Vivreste in un vecchio gasometro vittoriano?

di Valentina Ieva

Wilkinson Eyre trasforma i vecchi Gasholders dell'800 in appartamenti

01/03/2018 - Londra: nella metà del 1800 la King’s Cross station rappresentava uno degli snodi ferroviari più importanti della città, oltre che un vero e proprio distretto industriale. Quando l’industria pesante si trasferì alla periferia della città quest’area fu progressivamente abbandonata e portata ad un forte livello di degrado.

Un ricco patrimonio industriale che comprende i gasometri, costruiti per stoccare il gas utilizzato per l’illuminazione della città e per il consumo domestico, venne smantellato.

E' qui che è intervenuto lo studio londinese 
Wilkinson Eyre, con lo scopo di recuperare i Gasholders vittoriani dell'area e trasformarli in complessi residenziali. All'interno di tre cilindri di diverse altezze i progettisti hanno ricavato ben 145 appartamenti.

Esternamente il progetto rispetta l’estetica industriale dei fabbricati e ne conserva la grezza matericità dei telati in ghisa per ricordarne la funzione originale. Il tutto impreziosito con scenografiche passerelle che proiettano un gioco di luci e ombre sullo specchio d’acqua del cortile centrale, e con tetti giardino.

Internamente è stato creato un mondo totalmente opposto, luminoso ma complesso, per ospitare non soltanto alloggi ma anche una business lounge, una suite di intrattenimento con sala proiezioni, bar e sala da pranzo privata. 

La sfida di Wilkinson Eyre è stata riqualificare delle strutture storiche industriali, dando loro un nuovo significato più attuale e con uno sguardo al futuro. Una sfida che si è rivelata una fortunata opportunità.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui