Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Edificio Sostenibile 4.0, Anie chiede un piano al Governo

di Paola Mammarella

Dare continuità a Industria 4.0 puntando sull’efficienza nel mondo delle costruzioni per la città elettrica del futuro

Vedi Aggiornamento del 11/07/2018
28/06/2018 – Puntare sull’efficienza delle costruzioni con un piano “Edificio 4.0” che si ponga in continuità rispetto a Industria 4.0. è la richiesta che Anie, Federazione aderente a Confindustria che rappresenta le imprese elettrotecniche ed elettroniche che operano in Italia, ha avanzato al Governo durante l’evento pubblico “Tecnologia, digitalizzazione, sostenibilità: l’Italia delle eccellenze”, svolto in occasione della propria assemblea nazionale.
 

Edificio Sostenibile 4.0

Il presidente di Anie, Giuliano Busetto, nel suo intervento ha chiesto al nuovo Governo “continuità al Piano Impresa 4.0 per proseguire il cammino virtuoso di innovazione che l’industria manifatturiera italiana sta portando avanti.  Questa stessa filosofia del fare industria ci piacerebbe che fosse proiettata sul mondo delle Costruzioni e auspichiamo quindi che si possa a breve dare attuazione a un piano Edificio Sostenibile 4.0 (un primo passo verso la città elettrica del futuro)”.
 
Busetto ha continuato ribadendo la richiesta della piena attuazione della Strategia Energetica nazionale (SEN): “più rinnovabili, più efficienza energetica e più elettrificazione della domanda”.
 
Si tratta, come sottolineato da Busetto, di argomenti attuali vista ad esempio la recente revisione della direttiva europea sulle performance energetiche degli edifici, che impegna tutti i Paesi membri dell'Unione Europea alla riqualificazione energetica degli edifici.
 
Concludendo, il presidente di Federazione Anie ha chiesto concreti investimenti in infrastrutture. “Molto è stato fatto – ha affermato - ma molto resta ancora da fare con il coinvolgimento di tutti gli attori in gioco”.
 

Costruzioni, Anie: crescita del 3,9%

Durante l’evento, Federazione Anie ha presentato i risultati ottenuti dai suoi settori di attività nel 2017. Per quanto riguarda il Building, dopo un decennio di forte debolezza, è stata registrata una crescita del 3.9%, in linea con i positivi segnali di riavvio degli investimenti che arrivano dal mercato edile. In particolare, sicurezza e automazione degli edifici mostrano i risultati più performanti.
 
Le esportazioni, si legge nello studio dell’osservatorio Anie, sono cresciute del 4,3% e il mercato interno ha registrato un +4,2%.
 
Per tracciare l’andamento del primo semestre del 2018, il Servizio Studi di Anie ha condotto un’indagine quali-quantitativa su un campione di 130 aziende rappresentative associate, espressione di un fatturato aggregato pari a 15 miliardi di euro. Il 58% delle imprese ha evidenziato una crescita del fatturato e il 63% un aumento degli ordinativi. Positivi anche i dati sull'occupazione. I livelli occupazionali totali sono rimasti stabili nell'86% delle imprese. Anie evidenzia che resta alta la domanda di tecnici e ingegneri, il cui numero non è sufficiente a coprire le necessità interne.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Prodotti e materiali edili, li compreresti online? Leggi i risultati