Carrello 0
NORMATIVA

Tenda o pergolato? Ecco come riconoscerli

di Paola Mammarella

Il Tar Toscana spiega: dipende dalla funzione che la copertura deve svolgere

12/04/2018 – Per capire se si è in presenza di una tenda o di un pergolato è necessario valutare la funzione cui la copertura è destinata. Lo ha spiegato il Tar Toscana con la sentenza 486/2018.
 

Tenda o pergolato, vale il criterio funzionale

I giudici hanno spiegato che una tenda, a prescindere dalle dimensioni, dagli elementi che la compongono e dalle tecniche utilizzate per l’installazione, serve a migliorare la fruibilità di uno spazio già esistente, come ad esempio un balcone o una parte di giardino.
 
Al contrario, il pergolato crea un nuovo ambiente coperto.
 

Tenda o pergolato, il caso

Nel caso esaminato, il proprietario di un’abitazione situata in un’area vincolata aveva realizzato un tendaggio con bracci metallici retrattili per la copertura di un balcone, oltre ad una serie di opere per le quali aveva chiesto la sanatoria edilizia e si era dotato del nulla osta paesaggistico.
 
Il Comune aveva rigettato la richiesta includendo tra le ragioni del diniego anche il tendaggio. A suo avviso, non ci si trovava in presenza di un semplice tendaggio srotolabile infisso alla parete del balcone. Il fatto che la tenda fosse sorretta da bracci metallici, utili a fare da sostegno fisso alla tenda, aveva spinto l’Amministrazione a ritenere che si trattasse di un pergolato, che tra l’altro eccedeva le dimensioni massime consentite dal vigente regolamento edilizio.
 
Il Tar ha spiegato invece che l’intelaiatura metallica non deve essere considerata come elemento fine a sé stesso, ma come elemento costitutivo della tenda, quale elemento di protezione dal sole e dagli agenti atmosferici, finalizzata ad una migliore fruizione dello spazio esterno dell'unità abitativa.
 
Per questo motivo ha accolto il ricorso del proprietario giudicando legittima la realizzazione della tenda.
 

Tende e pergolati nel glossario per le opere di edilizia libera

Ricordiamo che nei giorni scorsi è stato pubblicato il glossario unico per le opere di edilizia libera, pensato per facilitare l’applicazione di questi accorgimenti.
 
Le tende rientrano a pieno titolo nelle attività di edilizia libera, che non richiedono nessun tipo di autorizzazione. Il Glossario unico ufficializza l’orientamento della giurisprudenza secondo cui questa tipologia di interventi non ha rilevanza edilizia e non richiede alcun permesso perchè ha una semplice funzione accessoria di arredo dello spazio esterno, limitata nel tempo. In base al Dpr 31/2017, inoltre, l’installazione di tende non richiede neanche l’autorizzazione paesaggistica. 

Per quanto riguarda i pergolati, possono essere considerati interventi di edilizia libera a condizione che siano di limitate dimensioni e non stabilmente infissi al suolo. Dal punto di vista paesaggistico, l'installazione di pergolati, singoli manufatti amovibili o altri materiali leggeri per informazione turistica o per attivita' didattico-ricreative rientra tra le opere per cui non è richiesta l’autorizzazione paesaggistica. 
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui