Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Decreto 06/11/ 2014

Ministero dello Sviluppo Economico - Rimodulazione degli incentivi per la produzione di elettricita' da fonti rinnovabili diverse dal fotovoltaico spettanti ai soggetti che aderiscono all'opzione di cui all'articolo 1, comma 3, del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, convertito con modificazioni, in legge 21 febbraio 2014, n. 9.

Decreto Ministeriale 07/08/ 2014

Ministero dello Sviluppo economico - Istituzione di un credito d’imposta per le imprese sottoscrittrici di accordi di programma nei Siti inquinati di interesse nazionale

Decreto Ministeriale 05/06/ 2014

Ministero dello Sviluppo Economico - Attuazione dell'art. 12, comma 6-bis, del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, relativo all'estensione degli interventi del Fondo di garanzia per le PMI alle operazioni di sottoscrizione di obbligazioni o titoli similari emessi da piccole e medie imprese

Legge dello Stato 21/02/ 2014 n. 9

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, recante interventi urgenti di avvio del piano «Destinazione Italia», per il contenimento delle tariffe elettriche e del gas, per la riduzione dei premi RC-auto, per l'internazionalizzazione, lo sviluppo e la digitalizzazione delle imprese, nonche' misure per la realizzazione di opere pubbliche ed EXPO 2015

News Correlate

23/12/2014
Rinnovabili: ecco come rimodulare gli incentivi

Il GSE pubblica le istruzioni operative per usufruire dell'opzione sulle FER non fotovoltaiche

21/11/2014
Rinnovabili, al via la riduzione volontaria degli incentivi

Preclusi ulteriori incentivi per chi non aderisce all'allungamento dell'agevolazione

03/11/2014
APE, nelle vendite immobiliari forzate non è obbligatorio allegarlo

Consiglio nazionale del Notariato: non si possono applicare sanzioni perchè la vendita non è conclusa dalle parti in modo consenziente

26/09/2014
Siti inquinati di interesse nazionale, aiuti alle imprese

In arrivo 70 milioni di euro per la bonifica e la messa in sicurezza delle aree e la riconversione industriale

22/09/2014
In arrivo controlli sui contratti immobiliari registrati online, multe per quelli senza APE

Il decreto 'Semplificazioni fiscali' abolisce la comunicazione per i lavori che usufruiscono dell'Ecobonus e che proseguono l'anno successivo

02/07/2014
Dai Notai la guida alla normativa sulla certificazione energetica

Cos’è l’Attestato di Prestazione Energetica e quando è obbligatorio redigerlo e allegarlo agli atti di vendita e di affitto

31/01/2014
Riqualificare i centri storici, proposto un fondo da 250 milioni

Le risorse coprirebbero fino al 100% dei costi ma non sarebbero cumulabili con altri bonus

17/01/2014
Contratti senza APE, restano valide le multe fino a 18 mila euro

Il Ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri chiarisce che non si può applicare la nullità differita introdotta con la Legge di Stabilità

03/01/2014
Compravendite e affitti senza APE, è caos normativo

Decreto Destinazione Italia, legge di Stabilità per il 2014 e Milleproroghe si sovrappongono con obblighi in contrasto tra loro

27/12/2013
Compravendite, l'APE si potrà allegare successivamente

Marcia indietro sulle multe in mancanza dell'attestato di prestazione energetica, cancellati i vincoli sul Bonus Mobili

20/12/2013
Contratti senza APE, validi ma puniti con multe fino a 18mila euro

Destinazione Italia: rimodulazione degli incentivi alle rinnovabili e modifiche alla riforma del condominio

19/12/2013
Condominio, il ‘Fondo Lavori’ può essere costituito gradualmente

Destinazione Italia: più agevoli le procedure per decidere gli interventi per il risparmio energetico

18/12/2013
Se l'appaltatore è in crisi la SA paga direttamente i subappaltatori

Nel decreto legge 'Destinazione Italia' una soluzione alla mancanza di liquidità delle imprese

17/12/2013
Compravendite senza APE punite con multe fino a 18 mila euro

Destinazione Italia: in alcuni casi la nullità dei contratti può essere cancellata e sostituita da una sanzione amministrativa

16/12/2013
Rinnovabili, il piano Destinazione Italia rimodula gli incentivi

Via libera del Governo ad un pacchetto di misure per il riutilizzo produttivo dei siti da bonificare e il sostegno agli investimenti delle imprese

Decreto Legge 23/12/2013 n. 145

(Gazzetta ufficiale 23/12/2013 n. 300)

Interventi urgenti per lo sviluppo economico e per l’avvio del piano “Destinazione Italia”, per il contenimento delle tariffe elettriche e del gas, per la riduzione dei premi RC-auto, per l’internazionalizzazione, lo sviluppo e la digitalizzazione delle imprese, nonché misure per la realizzazione di opere pubbliche ed EXPO 2015

ART. 1
(Disposizioni per la riduzione dei costi gravanti sulle tariffe elettriche, e per l’introduzione di un sistema incentivante opzionale offerto ai produttori di energia elettrica rinnovabile, per gli indirizzi strategici dell’energia geotermica ed in materia di certificazione energetica degli edifici e di condominio)

1. L’Autorità per l’energia elettrica e il gas aggiorna entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto i criteri per la determinazione dei prezzi di riferimento per le forniture destinate ai clienti finali non riforniti sul mercato libero, tenendo conto delle mutazioni intervenute nell’effettivo andamento orario dei prezzi dell’energia elettrica sul mercato.
2. A decorrere dal 1° gennaio 2014, i prezzi minimi garantiti, definiti dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas ai fini dell’applicazione dell’articolo 13, commi 3 e 4, del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387, e dell’articolo 1, comma 41, della legge 23 agosto 2004, n. 239, sono pari, per ciascun impianto, al prezzo zonale orario nel caso in cui l’energia ritirata sia prodotta da impianti che accedono a incentivazioni a carico delle tariffe elettriche sull’energia prodotta.
3. Al fine di contenere l’onere annuo sui prezzi e sulle tariffe elettriche degli incentivi alle energie rinnovabili e massimizzare l’apporto produttivo nel medio-lungo termine dagli esistenti impianti, i produttori di energia elettrica da fonti rinnovabili titolari di impianti che beneficiano di incentivi sotto la forma di certificati verdi, tariffe omnicomprensive ovvero tariffe premio possono, per i medesimi impianti, in misura alternativa:
a) continuare a godere del regime incentivante spettante per il periodo di diritto residuo. In tal caso, per un periodo di dieci anni decorrenti dal termine del periodo di diritto al regime incentivante, interventi di qualunque tipo realizzati sullo stesso sito non hanno diritto di accesso ad ulteriori strumenti incentivanti, incluso ritiro dedicato e scambio sul posto, a carico dei prezzi o delle tariffe dell’energia elettrica;
b) optare per una rimodulazione dell’incentivo spettante, volta a valorizzare l’intera vita utile dell’impianto. In tal caso, a decorrere dal primo giorno del mese successivo al termine di cui al comma 5, il produttore accede a un incentivo ridotto di una percentuale specifica per ciascuna tipologia di impianto, definita con decreto del Ministro dello sviluppo economico di concerto con il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, con parere del [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Marcegaglia Buildtech
Finstral

NEWS NORMATIVA

16/01 - Oneri di urbanizzazione e sanzioni, nuove destinazioni in vigore dal 1° gennaio

Manutenzione, risanamento, demolizione di edifici abusivi, ambiente, rischio idrogeologico e progettazione delle opere pubbliche

16/01 - Obbligo di POS, in vigore la riduzione delle commissioni interbancarie

In Gazzetta Ufficiale il decreto che contribuirà a diffondere maggiormente i pagamenti con moneta elettronica


Hormann
usBIM.viewer+