Fondazione Architetti e Ingegneri liberi professionisti

Scheda Normativa

Norme Correlate

Decreto Pres. Repubblica 16/04/ 2013 n. 75

Regolamento recante disciplina dei criteri di accreditamento per assicurare la qualificazione e l'indipendenza degli esperti e degli organismi a cui affidare la certificazione energetica degli edifici, a norma dell'articolo 4, comma 1, lettera c), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192

Decreto Ministeriale 22/11/ 2012

Ministero dello Sviluppo economico - Modifica dell'Allegato A del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, recante attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia

Decreto Legislativo 29/03/ 2010 n. 56

Modifiche ed integrazioni al decreto 30 maggio 2008, n. 115, recante attuazione della direttiva 2006/32/CE, concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi energetici e recante abrogazioni della direttiva 93/76/CEE

Decreto Ministeriale 26/06/ 2009

Ministero dello Sviluppo economico - Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici

Decreto Pres. Repubblica 02/04/ 2009 n. 59

Regolamento di attuazione dell'articolo 4, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, concernente attuazione della direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia

Decreto Legislativo 19/08/ 2005 n. 192

Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia

Decreto Legislativo 19/08/ 2005 n. 192

Ripubblicazione del testo del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, recante: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia", corredato delle relative note

Direttiva CEE 16/12/ 2002 n. 2002/91/CE

Parlamento Europeo - Rendimento energetico nell'edilizia

News Correlate

09/10/2014
Nuove UNI TS 11300 e Ape: al via l’adeguamento dei software

Le nuove norme per il calcolo delle prestazioni energetiche degli edifici e degli impianti sono entrate in vigore il 2 ottobre 2014

03/10/2014
Prestazioni energetiche edifici, le nuove norme UNI/TS 11300-1 e 2

Novità per la certificazione energetica degli edifici nuovi ed esistenti nelle Regioni che richiamano le norme UNI/TS 11300

22/10/2013
Ecobonus 65%, detraibili le spese per compilare l’APE

Enea: dal 4 agosto 2013 in alcuni interventi l’Ape è obbligatorio per accedere alle detrazioni

13/02/2013
Certificatori energetici, ecco il Regolamento con i requisiti

In dirittura d’arrivo il decreto che fissa titoli e criteri di accreditamento per i tecnici abilitati alla certificazione energetica

12/09/2012
Certificazione energetica: stop all’autodichiarazione in classe G

L’autocertificazione potrà essere sostituita con una delle procedure di certificazione energetica semplificate

27/04/2012
Certificazione energetica: Italia deferita alla Corte UE

Leggi italiane non conformi alle norme sugli attestati di rendimento energetico

05/10/2011
Efficienza energetica degli edifici: richiamo UE per l’Italia

Bruxelles chiede all’Italia di conformare la normativa nazionale alla direttiva comunitaria sul rendimento energetico in edilizia

01/04/2011
Sicilia, legge regionale sulla certificazione energetica

L’iscrizione all’elenco dei certificatori vale come pre-accreditamento

Decreto Legislativo 29/12/2006 n. 311

(Gazzetta ufficiale 01/02/2007 n. 26)

Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, recante attuazione della direttiva 2002/91/CE, relativa al rendimento energetico nell'edilizia

testo in vigore dal: 2-2-2007

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;
Visto il decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, recante
attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento
energetico nell'edilizia;
Vista la direttiva 2002/91/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio, del 16 dicembre 2002, sul rendimento energetico
nell'edilizia;
Vista la legge 31 ottobre 2003, n. 306, ed in particolare
l'articolo 1, comma 4, che prevede che entro un anno dalla data di
entrata in vigore di ciascuno dei decreti legislativi previsti, nel
rispetto dei principi e dei criteri direttivi fissati dalla legge
medesima, il Governo puo' emanare, con la procedura ivi indicata,
disposizioni integrative e correttive dei decreti emanati;
Vista la legge 9 gennaio 1991, n. 10, ed in particolare il titolo
II, recante norme per il contenimento dei consumi di energia negli
edifici;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n.
412, di attuazione della legge 9 gennaio 1991, n. 10;
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Vista la legge 1° giugno 2002, n. 120;
Visto il decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42;
Vista la legge 23 agosto 2004, n. 239;
Ritenuto opportuno apportare le modifiche e le integrazioni
necessarie, al fine di meglio conformare le disposizioni contenute
nel predetto decreto legislativo alla direttiva 2002/91/CE;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 6 ottobre 2006;
Acquisito il parere della Conferenza unificata di cui
all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, reso
nella seduta del 30 novembre 2006;
Acquisiti i pareri delle competenti Commissioni della Camera dei
deputati e del Senato della Repubblica;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 22 dicembre 2006;
Sulla proposta del Ministro per le politiche europee e del Ministro
dello sviluppo economico, di concerto con i Ministri per gli affari
regionali e le autonomie locali, degli affari esteri, della
giustizia, dell'economia e delle finanze, dell'ambiente e della
tutela del territorio e del mare e delle infrastrutture;
Emana
il seguente decreto legislativo:
Art. 1.
Modifiche all'articolo 3 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n.
192
1. All'articolo 3, del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192,
di seguito denominato: «decreto legislativo n. 192 del 2005», sono
apportate le seguenti modificazioni:
a) il comma 1 e' sostituito con il seguente:
«1. Salve le esclusioni di cui al comma 3, il presente decreto si
applica, ai fini del contenimento dei consumi energetici:
a) alla progettazione e realizzazione di edifici di nuova
costruzione e degli impianti in essi installati, di nuovi impianti
installati in edifici esistenti, delle opere di ristrutturazione
degli edifici e degli impianti esistenti con le modalita' e le
eccezioni previste ai commi 2 e 3;
b) all'esercizio, controllo, manutenzione e ispezione degli
impianti termici degli edifici, anche preesistenti, secondo quanto
previsto agli articoli 7, 9 e 12;
c) alla certificazione energetica degli edifici, secondo quanto
previsto all'articolo 6.»;
b) alla lettera b) del comma 2, dopo la parola: «applicazione»
sono inserite le seguenti: «integrale, ma»;
c) il numero 1) della lettera c) del comma 2 e' sostituito con il
seguente:
«1) ristrutturazioni totali o parziali, manutenzione
straordinaria dell'involucro edilizio e ampliamenti volumetrici
all'infuori di quanto gia' previsto alle lettere a) e b);»;
d) al comma 3, dopo la parola: «edifici» sono inserite le
seguenti: «e di impianti»;
e) al comma 3), lettera a), dopo le parole: «recante il codice
dei beni culturali e del paesaggio» sono aggiunte, in fine, le
seguenti: «nei casi in cui il rispetto delle prescrizioni
implicherebbe una alterazione inaccettabile del loro carattere o
aspetto con particolare riferimento ai caratteri storici o
artistici»;
f) al comma 3, dopo la lettera c) e' aggiunta la seguente:
«c-bis) gli impianti installati ai fini del processo produttivo
realizzato nell'edificio, anche se utilizzati, in parte non
preponderante, per gli usi tipici del settore civile.».



Art. 2.
Modifiche all'articolo 6 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n.
192
1. La rubrica dell'articolo 6 del decreto legislativo n. 192 del
2005 e' sostituita dalla seguente: «Certificazione energetica degli
edifici».
2. All'articolo 6 del decreto legislativo n. 192 del 2005, dopo il
comma 1, sono inseriti i seguenti:
«1-bis. Le disposizioni del presente articolo si applicano agli
edifici che non ricadono nel campo di applicazione del comma 1 con la
seguente gradualita' temporale e con onere a carico del venditore o,
con riferimento al comma 4, del locatore:
a) a decorrere dal 1° luglio 2007, agli edifici di superficie
utile superiore a 1000 metri quadrati, nel caso di trasferimento a
titolo oneroso dell'intero immobile;
b) a decorrere dal 1° luglio 2008, agli edifici di superficie
utile fino a 1000 metri quadrati, nel caso di trasferimento a titolo
oneroso dell'intero immobile con l'esclusione delle singole unita'
immobiliari;
c) a decorrere dal 1° luglio 2009 alle singole unita'
immobiliari, nel caso di trasferimento a titolo oneroso.
1-ter. A decorrere dal 1° gennaio 2007, l'attestato di
certificazione energetica dell'edificio o dell'unita' immobiliare
interessata, conforme a quanto specificato al comma 6, e' necessario
per accedere agli incentivi ed alle agevolazioni di qualsiasi natura,
sia come sgravi fiscali o contributi a carico di fondi pubblici o
della generalita' degli utenti, finalizzati al miglioramento delle
prestazioni energetiche dell'unita' immobiliare, dell'edificio o
degli impianti. Sono in ogni caso fatti salvi i diritti acquisiti ed
il legittimo affidamento in relazione ad iniziative gia' formalmente
avviate a realizzazione o notificate all'amministrazione competente,
per le quali non necessita il preventivo assenso o concessione da
parte della medesima.
1-quater. A decorrere dal 1° luglio 2007, tutti i contratti, nuovi
o rinnovati, relativi alla gestione degli impianti termici o di
climatizzazione degli edifici pubblici, o nei quali figura comunque
come committente un soggetto pubblico, debbono prevedere la
predisposizione dell'attestato di certificazione energetica
dell'edificio o dell'unita' immobiliare interessati entro i primi sei
mesi di vigenza contrattuale, con predisposizione ed esposizione al
pubblico della targa energetica.».
3. All'articolo 6 del decreto legislativo n. 192 del 2005, dopo il
comma 2, e' inserito il seguente:
«2-bis. Salvo quanto previsto dall'articolo 8, comma 2, l'attestato
di qualificazione energetica puo' essere predisposto a cura
dell'interessato, al fine di semplificare il rilascio della
certificazione energetica, come precisato al comma 2 dell'allegato
A.».
4. All'articolo 6 del decreto legislativo n. 192 del 2005, i commi
3 e 4 sono sostituiti dai seguenti:
«3. Nel caso di trasferimento a titolo oneroso di interi immobili o
di singole unita' immobiliari gia' dotati di attestato di
certificazione energetica in base ai commi 1, 1-bis, 1-ter e
1-quater, detto attestato e' allegato all'atto di trasferimento a
titolo oneroso, in originale o copia autenticata.
4. Nel caso di locazione di interi immobili o di singole unita'
immobiliari gia' dotati di attestato di certificazione energetica in
base ai commi 1, 1-bis, 1-ter e 1-quater, detto attestato e' messo a
disposizione del conduttore o ad esso consegnato in copia dichiarata
dal proprietario conforme all'originale in suo possesso.».



Art. 3.
Modifiche all'articolo 8 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n.
192
1. All'articolo 8 del decreto legislativo n. 192 del 2005, i
commi 2 e 3 sono sostituiti dai seguenti:
«2. La conformita' delle opere realizzate rispetto al progetto e
alle sue eventuali varianti ed alla relazione tecnica di cui al
comma 1, nonche' l'attestato di qualificazione energetica
dell'edificio come realizzato, devono essere asseverati dal direttore
dei lavori e presentati al comune di competenza contestualmente alla
dichiarazione di fine lavori senza alcun onere aggiuntivo per il
committente. La dichiarazione di fine lavori e' inefficace a
qualsiasi titolo se la stessa non e' accompagnata da tale
documentazione asseverata.
3. Una copia della documentazione di cui ai commi 1 e 2 e'
conservata dal comune, anche ai fini degli accertamenti di cui al
comma 4. A tale scopo, il comune puo' richiedere la consegna della
documentazione anche in forma informatica.».



Art. 4.
Modifiche all'articolo 9 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n.
192
1. All'articolo 9 del decreto legislativo n. 192 del 2005, dopo il
comma 3, sono inseriti i seguenti:
«3-bis. Ai sensi dell'articolo 1, comma 3, le regioni e le province
autonome di Trento e di Bolzano in accordo con gli enti locali,
predispongono entro il 31 dicembre 2008 un programma di
sensibilizzazione e riqualificazione energetica del parco immobiliare
territoriale, sviluppando in particolare alcuni dei seguenti aspetti:
a) la realizzazione di campagne di informazione e
sensibilizzazione dei cittadini, anche in collaborazione con le
imprese distributrici di energia elettrica e gas, in attuazione dei
decreti del Ministro delle attivita' produttive 20 luglio 2004
concernenti l'efficienza energetica negli usi finali;
b) l'attivazione di accordi con le parti sociali interessate alla
materia;
c) l'applicazione di un sistema di certificazione energetica
coerente con i principi generali del presente decreto legislativo;
d) la realizzazione di diagnosi energetiche a partire dagli
edifici presumibilmente a piu' bassa efficienza;
e) la definizione di regole coerenti con i principi generali del
presente decreto legislativo per eventuali sistemi di incentivazione
locali;
f) la facolta' di promuovere, con istituti di credito, di
strumenti di finanziamento agevolato destinati alla realizzazione
degli interventi di miglioramento individuati con le diagnosi
energetiche nell'attestato di certificazione energetica, o in
occasione delle attivita' ispettive di cui all'allegato L, comma 16.
3-ter. Ai fini della predisposizione del programma di cui al
comma 3-bis, i comuni possono richiedere ai proprietari e agli
amministratori degli immobili nel territorio di competenza di fornire
gli elementi essenziali, complementari a quelli previsti per il
catasto degli impianti di climatizzazione di cui al comma 3, per la
costituzione di un sistema informativo relativo agli usi energetici
degli edifici. A titolo esemplificativo, tra detti elementi, si
segnalano: il volume lordo climatizzato, la superficie utile
corrispondente e i relativi consumi di combustibile e di energia
elettrica.
3-quater. Su richiesta delle regioni e dei comuni, le aziende di
distribuzione dell'energia rendono disponibili i dati che le predette
amministrazioni ritengono utili per i riscontri e le elaborazioni
necessarie alla migliore costituzione del sistema informativo di cui
al comma 3-ter.
3-quinquies. I dati di cui ai commi 3, 3-ter e 3-quater possono
essere utilizzati dalla pubblica amministrazione esclusivamente ai
fini dell'applicazione del presente decreto legislativo.».
2. All'articolo 9 del decreto legislativo n. 192 del 2005, dopo il
comma 5 e' aggiunto il seguente:
«5-bis. Le regioni, le province autonome di Trento e di Bolzano e
gli enti locali considerano, nelle normative e negli strumenti di
pianificazione ed urbanistici di competenza, le norme contenute nel
presente decreto, ponendo particolare attenzione alle soluzioni
tipologiche e tecnologiche volte all'uso razionale dell'energia e
all'uso di fonti energetiche rinnovabili, con indicazioni anche in
ordine all'orientamento e alla conformazione degli edifici da
realizzare per massimizzare lo sfruttamento della radiazione solare e
con particolare cura nel non penalizzare, in termini di volume
edificabile, le scelte conseguenti.».



Art. 5.
Modifiche all'articolo 11 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n.
192
1. All'articolo 11 del decreto legislativo n. 192 del 2005, dopo il
comma 1 sono aggiunti, in fine, i seguenti:
«1-bis. Fino alla data di entrata in vigore delle Linee guida
nazionali per la certificazione energetica degli edifici, di cui
all'articolo 6, comma 9, l'attestato di certificazione energetica
degli edifici e' sostituito a tutti gli effetti dall'attestato di
qualificazione energetica rilasciato ai sensi dell'articolo 8,
comma 2, o da una equivalente procedura di certificazione energetica
stabilita dal comune con proprio regolamento antecedente alla data
dell'8 ottobre 2005.
1-ter. Trascorsi dodici mesi dall'emanazione delle Linee guida
nazionali di cui all'articolo 6, comma 9, l'attestato di
qualificazione energetica e la equivalente procedura di
certificazione energetica stabilita dal comune perdono la loro
efficacia ai fini di cui al comma 1-bis.».



Art. 6.
Modifiche all'articolo 15 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n.
192
1. All'articolo 15 del decreto legislativo n. 192 del 2005, sono
apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 1 la parola: «progettista» e' sostituita dalle
seguenti: «professionista qualificato» e dopo la parola:
«certificazione» sono inserite le seguenti: «o [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
Made 2015
Techokolla
Vitrum, semplicemente inimitabile

NEWS NORMATIVA

20/12 - Legge di Stabilità 2015, confermata la proroga dei bonus 65% e 50%

Nel testo anche nuovi minimi tassati al 15%, 400 milioni per il recupero degli alloggi di edilizia sociale e un piano per le periferie

19/12 - Lavori in casa, arrivano i moduli semplificati CIL e CIL asseverata

Approvati dalla Conferenza Unificata Stato Regioni i modelli unici per gli interventi di edilizia libera, i frazionamenti e gli accorpamenti


Controsoffitti acustici
-15%
Geometri
GEOMETRI

Prezzo: € 32

Offerta: € 27,2

Q Cells