Carrello 0

Scheda Normativa

Norme Correlate

Circolare 22/12/ 2017 n. 33

Presidenza del Consiglio dei Ministri. Dipartimento per le Politiche di Coesione - Termini e modalità di presentazione delle domande di agevolazione, nonchè indicazioni operative in merito alle procedure di concessione ed erogazione delle agevolazioni, ai sensi del regolamento adottato con decreto 9 novembre 2017, n. 174, di cui al Capo I, articolo 1, del decreto-legge 20 giugno 2017 n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2017, n. 123 (Resto al Sud)

Legge dello Stato 03/08/ 2017 n. 123

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91, recante disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno

Decreto Legge 20/06/ 2017 n. 91

Disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno

News Correlate

15/01/2018
Resto al Sud, al via le domande per gli incentivi

Sul piatto 1,25 miliardi di euro per giovani under 35 che avviano nuove imprese

07/12/2017
Resto al Sud, ecco come accedere agli incentivi

Finanziamenti fino a 50mila euro per i singoli e a 200mila euro per le società. Domande dal 15 gennaio 2018

01/12/2017
Resto al Sud, dal 15 gennaio 2018 le domande a Invitalia

1,25 miliardi di euro ai giovani tra 18 e 35 anni per avviare nuove imprese di produzione di beni e servizi

Decreto Ministeriale 09/11/2017 n. 174

(Gazzetta ufficiale 05/12/2017 n. 284)

Ministero per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno - Regolamento concernente la misura incentivante «Resto al Sud» di cui all'articolo 1, del decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2017, n. 123

IL MINISTRO
PER LA COESIONE TERRITORIALE
E IL MEZZOGIORNO

di concerto con

IL MINISTRO
DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

e

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto il decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91, convertito, con
modificazioni, dalla legge del 3 agosto 2017, n.123, recante
«Disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno»;
Visto il regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione del 18
dicembre 2013 relativo all'applicazione degli articoli 107 e 108 del
Trattato sul funzionamento dell'Unione europea agli aiuti de minimis,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea L 352 del 24
dicembre 2013;
Visto il regolamento (UE) n. 717/2014 della Commissione del 27
giugno 2014 relativo all'applicazione degli articoli 107 e 108 del
Trattato sul funzionamento dell'Unione europea agli aiuti de minimis
nel settore della pesca e dell'acquacoltura, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea L 190 del 28 giugno 2014;
Visto il regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione del 17
giugno 2014, che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con
il mercato interno in applicazione degli articoli 107 e 108 del
Trattato, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea L
187 del 26 giugno 2014, e, in particolare, l'allegato I al predetto
regolamento, recante la definizione di microimpresa, piccola impresa
e media impresa;
Visto il «Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto delle
garanzie a favore delle PMI» (n. 182/2010) approvato dalla
Commissione europea con decisione n. 4505 del 6 luglio 2010;
Visto l'articolo 1 del citato decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91,
relativo alla «Misura a favore dei giovani imprenditori nel
Mezzogiorno, denominata "Resto al Sud"»;
Considerato che il citato articolo 1, comma 3, del decreto-legge 20
giugno 2017, n. 91 individua l'Agenzia nazionale per l'attrazione
degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.A. - Invitalia, quale
Soggetto gestore della misura incentivante, per conto della
Presidenza del Consiglio dei ministri, amministrazione titolare di
tale misura;
Considerato che il medesimo articolo 1, comma 15, del decreto-legge
20 giugno 2017, n. 91 demanda ad un decreto del Ministro per la
coesione territoriale e il Mezzogiorno, di concerto con il Ministro
dell'economia e delle finanze e con il Ministro dello sviluppo
economico, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in
vigore della legge di conversione del decreto-legge 20 giugno 2017 n.
91, l'individuazione dei criteri di dettaglio per l'ammissibilita'
alla misura, le modalita' di attuazione della stessa nonche' le
modalita' di accreditamento dei soggetti di cui al comma 4 del
medesimo decreto-legge, e le modalita' di controllo e monitoraggio
della misura incentivante, prevedendo altresi' i casi di revoca del
beneficio e di recupero delle somme;
Considerato che il citato articolo 1, comma 17, del decreto-legge
20 giugno 2017, n. 91 prevede che le risorse pubbliche destinate alla
misura sono accreditate su un apposito conto corrente infruttifero
intestato ad Invitalia, aperto presso la Tesoreria centrale dello
Stato, e che la relativa gestione ha natura di gestione fuori
bilancio, assoggettata al controllo della Corte dei conti, ai sensi
dell'articolo 9 della legge 25 novembre 1971, n. 1041, alla cui
rendicontazione provvede la stessa Invitalia;
Visto il decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con
modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102 e, in particolare,
l'articolo 19, comma 5, che disciplina la facolta', per le
amministrazioni dello Stato, cui sono attribuiti per legge fondi o
interventi pubblici, di affidamento della relativa gestione a
societa' a capitale interamente pubblico;
Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241 recante Norme in materia di
procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti
amministrativi, e successive modifiche e integrazioni;
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 123, recante
Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno
pubblico alle imprese, a norma dell'articolo 4, comma 4, lettera c),
della legge 15 marzo 1997, n. 59;
Udito il parere del Consiglio di Stato n. 2153/17, espresso dalla
sezione consultiva per gli atti normativi nell'adunanza del 12
ottobre 2017;
Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei ministri,
effettuata con nota n. 958-P del 7 novembre 2017;
Visto l'articolo 17 della legge 23 agosto 1988, n. 400, e
successive modificazioni;

A d o t t a

il seguente regolamento:

Art. 1

Definizioni

1. Ai fini del presente regolamento, sono adottate le seguenti
definizioni:
a) «Banca finanziatrice»: la banca italiana o la succursale di
banca estera comunitaria o extracomunitaria operante in Italia e
autorizzata all'esercizio dell'attivita' bancaria di cui all'articolo
13 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385 e successive
modificazioni e integrazioni, recante Testo unico delle leggi in
materia bancaria e creditizia, aderente alla Convenzione di cui al
comma 14, articolo 1 del decreto-legge 20 giugno 2017 n. 91;
b) «Capo Dipartimento»: Capo Dipartimento per le politiche di
coesione presso la Presidenza del Consiglio dei ministri;
c) «Codice dell'Amministrazione digitale»: decreto legislativo 7
marzo 2005, n. 82 e successive modificazioni e integrazioni;
d) «Contributo a fondo perduto»: contributo erogato dal Soggetto
gestore pari al trentacinque per cento del Finanziamento;
e) «Contributo in conto interessi»: contributo concesso in misura
pari agli interessi da corrispondere sul Finanziamento bancario;
f) «Decreto-legge n. 91/2017»: decreto-legge 20 giugno 2017, n.
91, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2017, n. 123,
recante «Disposizioni urgenti per la crescita economica nel
Mezzogiorno»;
g) «DSAN»: la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta'
resa ai sensi dell'articolo 47 del decreto del Presidente della
Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni e
integrazioni, recante «Testo unico delle disposizioni legislative e
regolamentari in materia di documentazione amministrativa»;
h) «ESL»: equivalente sovvenzione lorda di un aiuto calcolato
secondo la metodologia di cui alla comunicazione della Commissione
europea (2008/C 14/02), relativa alla revisione del metodo di
fissazione dei tassi di riferimento e di attualizzazione, ovvero
secondo il metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto delle
garanzie a favore delle PMI (n. 182/2010) approvato dalla Commissione
europea con decisione n. 4505 del 6 luglio 2010;
i) «Finanziamento»: l'insieme delle somme erogate per garantire
la copertura finanziaria del cento per cento del Programma di spesa
entro i limiti dell'investimento ammissibile;
j) «Finanziamento bancario»: il finanziamento a medio-lungo
termine, pari al sessantacinque per cento del Finanziamento, concesso
dalla Banca finanziatrice all'impresa beneficiaria per le spese
oggetto della domanda di agevolazione che usufruisce del Contributo
in conto interessi e della Garanzia;
k) «Fondo di Garanzia per le PMI»: fondo centrale di garanzia per
le piccole e medie imprese (PMI), di cui all'articolo 2, comma 100,
lettera a), della legge 23 dicembre 1996, n. 662;
l) «Garanzia»: garanzia concessa a valere sul Fondo di Garanzia
per le PMI a favore del Finanziamento bancario;
m) «PEC»: posta elettronica certificata;
n) «PMI»: le micro, piccole e medie imprese, come definite
nell'allegato 1 del Regolamento UE n. 651/2014 di cui all'articolo 1,
comma 6, del decreto-legge n. 91/2017;
o) «Progetto imprenditoriale»: il business plan presentato in
sede di domanda di accesso alle agevolazioni che rappresenta i
contenuti e le caratteristiche dell'attivita' imprenditoriale
proposta;
p) «Programma di spesa»: rappresentazione quali-quantitativa
degli investimenti e delle spese previste per l'attuazione del
progetto imprenditoriale;
q) «Provvedimento di concessione»: provvedimento di concessione
del contributo a fondo perduto e del contributo in conto interessi;
r) «Regolamenti de minimis»: il regolamento UE n. 1407/2013 e il
regolamento UE n. 717/2014;
s) «Soggetto beneficiario»: impresa costituitasi ai sensi
dell'articolo 1, comma 6, del decreto-legge n. 91/2017 e risultata
assegnataria dell'agevolazione;
t) «Soggetto gestore»: l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli
investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. - Invitalia che svolge
gli adempimenti tecnici e amministrativi sulla base di appositi
accordi convenzionali sottoscritti ai sensi dell'articolo 3, comma 2,
del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 123 e dell'articolo 19,
comma 5, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito con
modificazioni con legge 3 agosto 2009, n. 102;
u) «Soggetto richiedente»: soggetti in possesso dei requisiti di
cui all'articolo 1, comma 2, del decreto-legge n. 91/2017, gia'
costituiti o da costituirsi nelle forme giuridiche di cui al medesimo
articolo 1, comma 6;
v) «Unita' produttiva»: struttura produttiva, dotata di autonomia
tecnica, organizzativa, gestionale e funzionale, eventualmente
articolata su piu' immobili e/o impianti, anche fisicamente separati
ma collegati funzionalmente.
Art. 2

Oggetto e finalita'

1. Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'articolo 1,
comma 15, del decreto-legge n. 91/2017, attua la misura incentivante
«Resto al Sud», individua i criteri di dettaglio per l'ammissibilita'
alla misura, le modalita' di attuazione della stessa, le modalita' di
accreditamento dei soggetti di cui all'articolo 5, comma 10 del
presente regolamento, le modalita' di corresponsione del contributo a
fondo perduto e del contributo in conto interessi, le modalita' di
escussione della garanzia, nonche' la misura della garanzia relativa
al prestito nella misura del 65 per cento del finanziamento, e le
modalita' di controllo e monitoraggio della misura incentivante,
prevedendo altresi' i casi di revoca e di recupero delle agevolazioni
concesse.
2. Con provvedimento del Capo Dipartimento, da adottare entro venti
giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del presente
regolamento e' fissato il termine di apertura per la presentazione
delle domande di agevolazione, sono forniti ulteriori dettagli
inerenti il processo di gestione complessiva della misura, l'elenco
degli oneri informativi a carico delle imprese per la fruizione delle
agevolazioni previste dal presente regolamento e sono pubblicati gli
schemi per la presentazione delle domande, delle richieste di
erogazione, nonche' l'articolazione dei criteri di valutazione in
parametri, con indicazione dei punteggi assegnabili ai progetti
imprenditoriali, incluse le soglie minime per l'accesso alle
agevolazioni.
3. Gli adempimenti tecnici ed amministrativi relativi alla gestione
della misura, sono svolti dal Soggetto gestore, secondo quanto
previsto dall'articolo 1, comma 3 del decreto-legge n. 91/2017.
Art. 3

Requisiti soggettivi

1. Le richieste di agevolazioni di cui al presente regolamento
possono essere presentate dai soggetti di eta' compresa tra i 18 e i
35 anni che siano in possesso, al momento della presentazione della
domanda, dei seguenti requisiti:
a) siano residenti nelle regioni di cui all'articolo 1, comma 1,
del decreto-legge n. 91/2017, al momento della presentazione della
domanda o vi trasferiscano la residenza entro sessanta giorni, o
entro centoventi giorni se residenti all'estero, dalla comunicazione
del positivo esito dell'istruttoria di cui all'articolo 9 del
presente decreto;
b) non risultino gia' titolari di attivita' di impresa in
esercizio alla data del 21 giugno 2017, data di entrata in vigore del
decreto-legge n. 91/2017, o beneficiari, nell'ultimo triennio, a
decorrere dalla data di presentazione della domanda, di ulteriori
misure a livello nazionale a favore dell'autoimprenditorialita'.
2. I soggetti di cui al comma 1 possono presentare domanda di
ammissione alle agevolazioni purche' risultino gia' costituiti, al
momento della presentazione della domanda e comunque successivamente
alla data del 21 giugno 2017, o si costituiscano, entro sessanta
giorni, o entro centoventi giorni in caso di residenza all'estero,
dalla data di comunicazione del positivo esito dell'istruttoria,
nelle seguenti forme giuridiche:
a) impresa individuale;
b) societa', ivi incluse le societa' cooperative.
3. I soggetti di cui al comma 1 risultati beneficiari delle
agevolazioni devono mantenere la residenza nelle regioni di cui
all'articolo 1, comma 1, del decreto-legge n. 91/2017 per tutta la
durata del finanziamento e le PMI di cui al comma 2 del presente
articolo, risultate beneficiarie delle agevolazioni, devono
mantenere, per tutta la durata del finanziamento, la sede legale e
operativa nelle regioni di cui all'articolo 1, comma 1, del
decreto-legge n. 91/2017.
4. Le societa' di cui alla lettera b), del comma 2, del presente
articolo possono essere costituite anche da soci persone fisiche che
non abbiano i requisiti anagrafici di cui al comma 1, a condizione
che la presenza di tali soggetti nella compagine societaria non sia
superiore ad un terzo, e che gli stessi non abbiano rapporti di
parentela fino al quarto grado con alcuno degli altri soggetti
richiedenti. I soci di cui al periodo precedente non possono accedere
alle agevolazioni di cui all'articolo 7 del presente regolamento.
5. Nel caso in cui i soggetti di cui al comma 1 del presente
articolo si costituiscano in societa' cooperative, le medesime
societa' possono essere destinatarie, nei limiti delle risorse
disponibili, anche degli interventi di cui all'articolo 17 della
legge 27 febbraio 1985, n. 49.
6. I soggetti di cui al comma 1 risultati beneficiari delle
agevolazioni non devono essere titolari di un contratto di lavoro a
tempo indeterminato presso un altro soggetto, a pena di decadenza del
provvedimento di concessione.
Art. 4

Avvio progetti imprenditoriali

I progetti imprenditoriali devono essere avviati successivamente
alla presentazione della domanda di agevolazione ovvero alla data di
costituzione della societa' nel caso in cui la domanda sia presentata
da persone fisiche ai sensi dell'articolo 3. A tal fine, per data di
avvio si intende la data del primo titolo di spesa ammissibile alle
agevolazioni. La realizzazione dei progetti deve essere ultimata
entro ventiquattro mesi dal provvedimento di concessione, salvo i
casi in cui il Soggetto gestore accerti che il ritardo derivi da
fatti o atti non imputabili al soggetto richiedente. Per data di
ultimazione si intende la data dell'ultimo titolo di spesa
ammissibile.
Art. 5

Procedura di accesso alle agevolazioni

1. Le agevolazioni di cui al presente regolamento sono concesse
sulla base di una procedura valutativa con procedimento a sportello,
secondo quanto stabilito dall'articolo 5 del decreto legislativo 31
marzo 1998, n. 123 e successive modificazioni e integrazioni.
2. Le domande di agevolazione, redatte in lingua italiana, devono
essere compilate esclusivamente per via elettronica, utilizzando la
procedura informatica messa a disposizione nel sito internet del
Soggetto gestore, www.invitalia.it, secondo le modalita' e gli schemi
pubblicati con il provvedimento di cui all'articolo 2, comma 2 del
presente regolamento, e pubblicati dal Soggetto gestore in
un'apposita sezione del suo sito. Le domande possono essere
presentate a partire dalla data indicata dal provvedimento di cui
all'articolo 2, comma 2. Le domande devono essere firmate
digitalmente ai sensi del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82,
dal legale rappresentante della PMI o dalla persona fisica in caso di
PMI costituenda, e devono essere corredate dal progetto
imprenditoriale di cui al comma 3 e dalla documentazione di cui al
comma 4, fatta salva la successiva trasmissione della documentazione
stessa prevista dal comma 5 nel caso di PMI costituenda. Le domande
presentate secondo modalita' non conformi a quelle indicate dal
presente comma non saranno prese in esame. Non e' possibile
presentare, per il medesimo progetto imprenditoriale, piu' domande di
agevolazione.
3. Il progetto imprenditoriale, da compilare utilizzando la
procedura informatica di cui al comma 2, secondo le modalita' e gli
schemi ivi indicati, deve contenere:
a) dati e profilo del soggetto richiedente;
b) descrizione dell'attivita' proposta;
c) analisi del mercato e relative strategie;
d) aspetti tecnico-produttivi ed organizzativi;
e) aspetti economico-finanziari.
4. Fatto salvo quanto previsto al comma 5, congiuntamente alla
domanda e al progetto imprenditoriale, devono essere trasmessi l'atto
costitutivo, o documentazione equivalente in caso di ditta
individuale, lo statuto, in caso di societa', nonche' l'attestazione
relativa al possesso dei requisiti di cui all'articolo 3.
5. Nel caso di persone fisiche proponenti per conto di PMI
costituenda, in possesso dei requisiti di cui all'articolo 3, comma
1, del presente regolamento, la domanda di agevolazione, deve essere
accompagnata dal progetto imprenditoriale, mentre l'ulteriore
documentazione di cui al comma 4 deve essere trasmessa
elettronicamente tramite la medesima procedura informatica di cui al
comma 2, entro sessanta giorni dalla comunicazione di esito positivo
della valutazione, di cui all'articolo 9, comma 8, ovvero centoventi
giorni nel caso in cui una delle persone fisiche, in possesso dei
requisiti di cui all'articolo 3, comma 1, sia residente all'estero.
6. Al termine della procedura di compilazione del progetto
imprenditoriale e dell'invio telematico della domanda di agevolazione
e dei relativi allegati, alla stessa verra' assegnato un protocollo
elettronico. La data di presentazione della domanda coincide con la
data di invio telematico della medesima, come risultante dal predetto
protocollo informatico.
7. In caso di documentazione illeggibile, errata e/o incompleta, il
Soggetto gestore provvede a richiedere al soggetto richiedente, a
mezzo PEC, adeguate integrazioni al fine di rendere completa la
documentazione. Tali integrazioni dovranno pervenire, esclusivamente
a mezzo PEC, entro e non oltre dieci giorni dalla data della
richiesta, a pena di decadenza.
8. Il possesso dei requisiti di cui al presente articolo puo'
essere comprovato con una dichiarazione sostitutiva di certificazioni
di cui all'articolo 46, del DPR 28 dicembre 2000, n. 445 e, ove
richiesto, con DSAN, da rendere a mezzo PEC, utilizzando lo schema
reso disponibile dal Soggetto gestore. Il Soggetto gestore effettua
controlli e verifiche a campione sulla veridicita' della
documentazione trasmessa.
9. I soggetti beneficiari, ai sensi dell'articolo 2, comma 3, del
decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 123, hanno diritto alle
agevolazioni esclusivamente nei limiti delle disponibilita'
finanziarie individuate dall'articolo 1, comma 16 del decreto-legge
n. 91/2017.
10. Il Soggetto gestore pubblica sul proprio sito istituzionale
l'elenco dei soggetti, di cui all'articolo 1, comma 4, del
decreto-legge n. 91/2017 che con comunicazione si accreditano per
fornire i servizi di consulenza e assistenza nelle varie fasi di
sviluppo del progetto imprenditoriale. La fornitura dei servizi di
cui al presente comma avviene nel rispetto dei principi di gratuita',
trasparenza, terzieta' e imparzialita', con l'adesione al
disciplinare appositamente predisposto dal Soggetto gestore e
pubblicato sul suo sito contestualmente alla pubblicazione del
provvedimento di cui all'articolo 2, comma 2.
Art. 6

Spese ammissibili

1. Sono ammissibili alle agevolazioni di cui al presente
regolamento le spese, di cui all'articolo 4, necessarie alle
finalita' del programma di spesa, sostenute dal soggetto beneficiario
e relative all'acquisto di beni e servizi rientranti nelle seguenti
categorie:
a) opere edili relative a interventi di ristrutturazione e/o
manutenzione straordinaria connessa all'attivita' del soggetto
beneficiario nel limite massimo del trenta per cento del programma di
spesa;
b) macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica;
c) programmi informatici e servizi per le tecnologie
dell'informazione e della telecomunicazione (TIC) connessi alle
esigenze produttive e gestionali dell'impresa;
d) spese relative al capitale circolante inerente allo
svolgimento dell'attivita' d'impresa nella misura massima del venti
per cento del programma di spesa; sono ammissibili le spese per
materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti finiti,
utenze e canoni di locazione per immobili, eventuali canoni di
leasing, acquisizione di garanzie assicurative funzionali
all'attivita' finanziata.
2. Non sono ammissibili alle agevolazioni di cui al presente
regolamento le spese:
a) relative ai beni acquisiti con il sistema della locazione
finanziaria, del leasing e del leaseback, fatta eccezione dei canoni
di leasing maturati entro il termine di ultimazione del progetto
imprenditoriale di cui all'articolo 4;
b) per l'acquisto di beni di proprieta' di uno o piu' soci
dell'impresa richiedente le agevolazioni e, nel caso di soci persone
fisiche, anche dei relativi coniugi ovvero di parenti o affini dei
soci stessi entro il terzo grado;
c) riferite a investimenti di mera sostituzione di impianti,
macchinari e attrezzature;
d) effettuate mediante il cosiddetto «contratto chiavi in mano»;
e) relative a commesse interne;
f) relative a macchinari, impianti e attrezzature usati;
g) notarili, imposte, tasse;
h) relative all'acquisto di automezzi, fatta eccezione per quelli
strettamente necessari al ciclo di produzione di cui al Programma di
spesa o per il trasporto in conservazione condizionata dei prodotti;
i) di importo unitario inferiore a euro 500,00 (cinquecento/00);
j) relative alla progettazione, alle consulenze e all'erogazione
degli emolumenti ai dipendenti delle imprese individuali e delle
societa', nonche' agli organi di gestione e di controllo delle
societa' stesse.
Art. 7

Agevolazioni concedibili

1. Le agevolazioni di cui al presente regolamento sono concesse
tenuto conto di quanto disciplinato dal decreto-legge n. 91/2017 e,
con riferimento agli specifici settori in cui operano i soggetti
beneficiari, nel rispetto dei massimali in termini di ESL previsti
dai Regolamenti de minimis. La verifica del rispetto dei massimali de
minimis tiene conto anche dell'agevolazione, in termini di ESL,
derivante dalla concessione della garanzia.
2. Ciascun soggetto richiedente riceve un finanziamento fino ad un
massimo di 50.000 euro. Nel caso in cui l'istanza sia presentata da
piu' soggetti richiedenti, gia' costituiti o che intendano
costituirsi in forma societaria, l'importo massimo del finanziamento
e' pari a 50.000 euro per ciascun soggetto richiedente fino ad un
ammontare massimo complessivo di 200.000 euro. Per le attivita'
imprenditoriali nel settore della pesca e dell'acquacoltura l'importo
complessivo degli aiuti de minimis non puo' superare, per ciascuna
impresa beneficiaria delle agevolazioni di cui al presente decreto,
30.000 euro nell'arco di tre esercizi finanziari, ai sensi del
regolamento UE n. 717/2014.
3. Il finanziamento, a copertura del cento per cento delle spese
ammissibili, e' cosi' articolato:
a) trentacinque per cento come contributo a fondo perduto erogato
dal Soggetto gestore;
b) sessantacinque per cento sotto forma di finanziamento
bancario, concesso da istituti di credito in base alle modalita' ed
alle condizioni economiche definite dalla Convenzione di cui
all'articolo 1, comma 14, del decreto-legge n. 91/2017 assistito da
un contributo in conto interessi erogato dal Soggetto gestore e dalla
garanzia prestata dal Fondo di Garanzia per le PMI sulla base dei
criteri e delle modalita' previste dal decreto istitutivo della
Sezione specializzata di cui all'articolo 1, comma 9, lettera b) del
decreto-legge n. 91/2017.
4. Il finanziamento bancario di cui al comma 3, lettera b) e'
rimborsato entro otto anni dall'erogazione del finanziamento, di cui
i primi due anni di pre-ammortamento.
5. La garanzia prestata dal Fondo di Garanzia per le PMI e'
rilasciata nella misura dell'80 per cento dell'importo del
finanziamento bancario. L'eventuale escussione della garanzia
prestata avviene secondo le modalita' previste dalle vigenti
«Condizioni per l'ammissibilita' e disposizioni operative» del Fondo
di Garanzia per le PMI. Sulla restante quota del finanziamento
bancario non coperta dal Fondo di Garanzia per le PMI, le modalita'
per il conferimento di garanzie, di cui all'articolo 1, comma 13, del
decreto-legge n. 91/2017, sono individuate dalla Convenzione di cui
all'articolo 1, comma 14, del decreto-legge n. 91/2017.
6. La concessione del finanziamento bancario costituisce la
condizione per l'adozione del provvedimento di concessione di cui
all'articolo 10, comma 1, nel rispetto dei termini di cui
all'articolo 1, comma 5, del decreto-legge n. 91/2017.
7. Ai fini del calcolo dell'ammontare del contributo in conto
interessi, in termini di ESL, si applica la metodologia di cui alla
comunicazione della Commissione europea relativa alla revisione del
metodo di fissazione dei tassi di riferimento e di attualizzazione
(2008/C 14/02).
8. Ai fini del calcolo dell'ammontare delle agevolazioni relative
alla garanzia, in termini di ESL, si applica il «Metodo nazionale per
calcolare l'elemento di aiuto delle garanzie a favore delle PMI» (n.
182/2010) approvato dalla Commissione europea con decisione n. 4505
del 6 luglio 2010, ovvero i successivi metodi di calcolo
dell'elemento di aiuto per gli aiuti concessi sotto forma di garanzia
eventualmente notificati dalle Autorita' italiane e approvati dalla
Commissione europea vigenti alla data di concessione della garanzia.
Art. 8

Cumulo delle agevolazioni

Le agevolazioni di cui al presente regolamento sono cumulabili
esclusivamente con altre agevolazioni concesse all'impresa a titolo
di de minimis, nei limiti dei massimali previsti dai Regolamenti de
minimis. Il Soggetto gestore provvede agli adempimenti relativi agli
obblighi di interrogazione e di alimentazione del Registro nazionale
degli aiuti di Stato di cui alla legge 29 luglio 2015, n. 115 e del
decreto interministeriale 31 maggio 2017, fermo restando l'obbligo
dei soggetti proponenti, fino alla data di cui all'articolo 14, comma
6, del predetto decreto interministeriale, di dichiarare, in sede di
presentazione della domanda di agevolazione, gli aiuti eventualmente
gia' percepiti nell'esercizio finanziario in corso alla data della
domanda e nei due esercizi finanziari precedenti.
Art. 9

Valutazione istruttoria

1. Le richieste di agevolazione, corredate dalla documentazione di
cui all'articolo 5, comma 2, sono valutate secondo l'ordine
cronologico di presentazione di cui all'articolo 5 comma 1. Il
Soggetto gestore termina l'istruttoria entro sessanta giorni dalla
data di presentazione della domanda. Nel caso di richiesta di
integrazione della documentazione, ai sensi del comma 7, da parte del
Soggetto gestore, sono sospesi i termini di cui al periodo
precedente, fatti salvi i maggiori termini previsti nei casi di
comunicazione dei motivi ostativi di cui all'articolo 10-bis della
legge 7 agosto 1990, n. 241.
2. Il procedimento di valutazione comprende la verifica della
sussistenza dei requisiti per l'accesso alle agevolazioni, regolata
dal successivo comma 3, e l'esame di merito, regolato dal seguente
comma 4.
3. La verifica dei requisiti per l'accesso alle agevolazioni
riguarda la sussistenza di quanto disposto dagli articoli 3 e 4 del
presente regolamento relativamente alle caratteristiche dei soggetti
richiedenti e alle caratteristiche dell'iniziativa oggetto della
domanda.
4. L'esame di merito e' basato sui seguenti criteri di valutazione:
a) adeguatezza e coerenza delle competenze possedute dai soci
rispetto alla specifica attivita' prevista dal progetto
imprenditoriale anche con riguardo a titoli e certificazioni
possedute;
b) capacita' dell'iniziativa di presidiare gli aspetti del
processo tecnico-produttivo e organizzativo;
c) potenzialita' del mercato di riferimento, vantaggio
competitivo dell'iniziativa e relative strategie di marketing;
d) sostenibilita' tecnico-economica dell'iniziativa, con
particolare riferimento all'equilibrio economico, nonche' alla
pertinenza e coerenza del programma di spesa;
e) verifica della sussistenza dei requisiti per la concedibilita'
della garanzia del Fondo di Garanzia per le PMI.
5. Con il provvedimento di cui all'articolo 2, comma 2, e' fissata
l'articolazione dei suddetti criteri di valutazione in parametri, con
indicazione dei punteggi assegnabili ai progetti imprenditoriali,
nonche' le soglie minime per l'accesso alle agevolazioni.
6. Nel caso in cui la documentazione prodotta non soddisfi i
requisiti di accesso e/o uno o piu' criteri di valutazione, il
Soggetto gestore invia una comunicazione dei motivi ostativi
all'accoglimento dell'istanza ai sensi dell'articolo 10-bis della
legge 7 agosto 1990, n. 241.
7. Il Soggetto gestore, in ogni fase dell'istruttoria, puo'
richiedere via PEC al soggetto richiedente, una sola volta, i
chiarimenti o le integrazioni necessari rispetto ai dati e documenti
forniti. I chiarimenti e le integrazioni devono essere trasmesse dal
soggetto richiedente via PEC entro venti giorni dalla richiesta, pena
la decadenza. Nel caso di cui ai periodi precedenti, i termini
previsti per lo svolgimento delle attivita' istruttorie da parte del
Soggetto gestore sono sospesi fino al ricevimento dei predetti
chiarimenti o delle predette integrazioni.
8. All'esito del procedimento istruttorio di cui ai commi 3 e 4 o
della procedura di cui al comma 6, il Soggetto gestore individua i
soggetti beneficiari, e comunica a mezzo PEC ai soggetti richiedenti
l'esito della valutazione.
9. In caso di esito positivo della valutazione il Soggetto gestore
richiede:
a) con riferimento ai soggetti richiedenti eventualmente non
residenti nelle regioni di cui all'articolo 1, comma 1 del
decreto-legge n. 91/2017, la documentazione attestante l'avvenuto
trasferimento della residenza in una delle regioni di cui
all'articolo 1, comma 1 del decreto-legge n. 91/2017, da far
pervenire al Soggetto gestore entro sessanta giorni dalla ricezione
della comunicazione di esito della valutazione, ovvero entro
centoventi giorni per i soggetti che trasferiscano la residenza
dall'estero, pena la decadenza della domanda;
b) con riferimento ai soggetti richiedenti eventualmente non
ancora costituiti nelle forme di cui all'articolo 3 comma 2, la
documentazione indicata all'articolo 5, comma 4 del presente
regolamento da far pervenire al Soggetto gestore entro sessanta
giorni dalla ricezione della comunicazione di esito della
valutazione, pena la decadenza della domanda;
c) la documentazione attestante l'avvenuta concessione del
finanziamento bancario, di cui all'articolo 7, comma 3, lettera b),
al soggetto beneficiario da parte di una banca finanziatrice, da far
pervenire al Soggetto gestore entro 180 giorni dalla ricezione della
comunicazione di esito della valutazione, pena la decadenza della
domanda.
10. Verificata la completezza della documentazione presentata, il
Soggetto gestore procede all'adozione del provvedimento di
concessione di cui al successivo articolo 10.
Art. 10

Provvedimento di concessione

1. Il provvedimento di concessione individua l'iniziativa ammessa e
l'ammontare delle agevolazioni, regola i tempi e le modalita' per
l'attuazione dell'iniziativa e per l'erogazione delle agevolazioni,
riporta gli obblighi del soggetto beneficiario, i motivi di revoca e
le eventuali condizioni da rispettare per il perfezionamento del
provvedimento stesso o per l'erogazione delle agevolazioni concesse.
Il Soggetto gestore trasmette al soggetto beneficiario, con
comunicazione via PEC all'indirizzo indicato nella domanda di
agevolazione, il provvedimento di concessione.
2. Il soggetto beneficiario, nel termine di dieci giorni dal
ricevimento della comunicazione di cui al comma 1, restituisce, a
pena di decadenza, il provvedimento di concessione controfirmato
digitalmente e trasmesso a mezzo PEC. In caso di mancata restituzione
nei termini previsti, il Soggetto gestore comunica la decadenza del
provvedimento e procede al disimpegno delle agevolazioni.
Art. 11

Erogazione delle agevolazioni

1. L'erogazione del contributo a fondo perduto avviene su richiesta
del soggetto beneficiario firmata digitalmente dal legale
rappresentante, mediante presentazione di stati avanzamento lavori
(SAL) in numero non superiore a due. Le richieste dovranno essere
inviate utilizzando la procedura informatica messa a disposizione nel
sito internet del Soggetto gestore, www.invitalia.it, secondo le
modalita' e gli schemi pubblicati con il provvedimento di cui
all'articolo 2, comma 2; tali schemi sono, inoltre, resi disponibili
dal Soggetto gestore, in un'apposita sezione del suo sito. Il mancato
utilizzo dei predetti schemi nonche' l'invio della richiesta con
modalita' diverse da quelle indicate, costituiscono motivo di
improcedibilita' della richiesta.
2. La prima richiesta di erogazione del contributo a fondo perduto
puo' avvenire soltanto successivamente all'avvenuta erogazione del
finanziamento bancario da parte della banca finanziatrice. La
richiesta, inoltre, deve riguardare almeno il cinquanta per cento del
programma di spesa, ed avviene mediante la presentazione di documenti
di spesa di pari valore anche non quietanzati e di una dichiarazione
attestante la presenza dei beni presso l'unita' produttiva.
3. Costituisce parte integrante della richiesta di erogazione di
cui al comma 2 la documentazione attestante almeno:
a) la disponibilita' dei locali idonei all'attivita';
b) l'avanzamento contabile del programma d'investimento;
c) la dichiarazione, mediante autodichiarazione, dell'inesistenza
di procedure esecutive, procedimenti [ . . . ]

TESTO INTEGRALE DISPONIBILE
PER GLI UTENTI REGISTRATI


Consiglia questa pagina ai tuoi amici
 
Vestis
Roofingreen Leaf
Velux

Edilportale Tour 2018

NEWS NORMATIVA

25/05 - Scuole Innovative, Ordine degli Architetti di Milano: ‘il concorso va avanti’

‘L’ente banditore può assegnare con trattativa privata gli incarichi ai vincitori’. Ed è imminente il nuovo bando

25/05 - Edilizia e appalti, Ance e Confindustria chiedono attenzione al nuovo Governo

Le proposte: rivedere il Codice Appalti, attuare un grande piano infrastrutturale, confermare i bonus fiscali ed eliminare i ritardi dei pagamenti


Roma Diamond
Hometouch